Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
20-11-19

 

La demagogia, dell’Assessore Scillia, supportata dall’insipienza della compagine politica di Dipietro che in aula ha taciuto impassibilmente la patto per ennaverità dei fatti, non ha limiti.

E quando la “propaganda del nulla” è insistentemente manifestata da colui che è l’unico preposto, per delega del sindaco, a far funzionare la macchina amministrativa per combattere il randagismo, la circostanza è davvero grave. Soprattutto perché il consigliere Fussone suona con lo spartito delle carte e dei dati in mano, mentre l’assessore suona “ad orecchio”.

E sono talmente tanti gli specchi su cui si arrampica l’assessore che anche lui stesso ammette il fallimento, poiché dalla data che – a suo dire – indica come l’inizio vero del suo operato, cioè dal luglio 2018 in poi, si registra il “deserto amministrativo”.

Le inadempienze sono purtroppo frutto dell’approssimazione con cui l’Amministrazione affronta questa complessa tematica. Lo testimoniano le carte che sono state fin troppo sviscerate in Consiglio e nelle Commissioni.

Non vorremmo replicare a chi non vuol sentire. Ma c’è un dato di fatto inconfutabilmente reale di cui ormai prendiamo atto: i costi del randagismo non diminuiscono, i cani detenuti nel canile sono controllati a campione e non con una approfondita indagine al fine di accertare la veridicità del costo, i cani randagi sono sempre più in giro, le cucciolate nascono e spesso muoiono, le adozioni dal canile non sono possibili per mancanza di notizie e materiale sui cani comprese le rispettive schede sanitarie, non c’è controllo del territorio, non c’è monitoraggio dei cani, non è stata rinnovata la convenzione con l’ASP scaduta da due anni, l’ufficio randagismo è stato smantellato riducendo il personale ad una sola unità, le sterilizzazioni dei cani privati si fanno con i soldi pubblici dei cittadini… eccetera.

E non per ultimo, il canile comunale da realizzare con Project Financing: una sceneggiata davvero stucchevole. Sono davvero così sbalorditive le motivazioni che manifesta l’assessore a sua discolpa che quasi quasi siamo tentati a credergli! Udite udite, nel luogo individuato per il canile non esiste il bosco che invece il PRG appena approvato attesta, questo secondo lui è l’inghippo che ne impedisce la realizzazione, e non invece ostacoli di natura economico procedurale determinati da incapacità amministrativa, oltre che lo stop a procedere verosimilmente legato alla diversa opinione del sindaco, a noi manifestata, poiché poco convinto sulla realizzazione di un canile comunale, che poi comunale non sarebbe poiché costruito da un privato.

Ciò considerato, non ci resta che dare un consiglio all’assessore Scillia: rassegnare le proprie dimissioni.

 

Il Gruppo Consiliare di Patto per Enna

Maurizio Bruno e Cesare Fussone

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Qualità della vita: Gallo (Cisl) "da tempo avanziamo proposte "

   Qualità della vita: Gallo (Cisl) "da tempo avanziamo proposte "

  La recente ricerca di Italia Oggi, sulla qualità della vità registrata nelle 107 province italiane, evidenzia lo stato di difficoltà...

Giornata Mondiale dell’Infanzia

Giornata Mondiale dell’Infanzia

  Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della Disciplina dei Diritti Umani, in occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia, intende dedicare la sua...

L'acqua alta di Venezia allarga la forbice Nord-Sud

 L'acqua alta di Venezia allarga la forbice Nord-Sud

  L'acqua alta tiene prigioniera Venezia e il suo patrimonio culturale è stato devastato. La prima conta dei danni dice oltre...

Lions Club Enna: “I giovani e la sicurezza stradale”

 Lions Club Enna: “I giovani e la sicurezza stradale”

  Il corretto, prudente e saggio stile di guida deve essere osservato da tutti, perché evita drammi e tragedie nei confronti...