Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
08-07-20

dunarea de jos 2020

 

Ebbene, adesso avremo la fine del populismo sovranista tanto discusso e tanto temuto. Finalmente questo sarà il trionfo della europaclasse globalista e neoliberista. E’ stato bravo Giorgetti (rappresentante dell’ala estrema della Lega da sempre contro il connubio con il M5S). Alcuni mesi or sono, in Lombardia, si svolse un convegno in cui Salvini citò inopportunamente la Thatcher. Quello fu il segnale del suo avvicinamento al mondo del capitale. Lì getto la maschera del suo finto sovranismo. E dire che la lega era partita bene: basta euro, l’Europa dei popoli, la sovranità, l’opposizione al globalismo.

Alla fine del governo giallo verde, tutte queste “utopie” si sono liquefatte. Adesso, anche la Lega si è trasformata in porta bandiera del liberismo: di un liberismo tatcheriano. Con l’episodio TAV quest’ ultima ha dimostrato di tendere la mano al capolavoro delle oligarchie europee in cui lo scambio delle merci, con a seguito il mero profitto, ha preso il sopravvento sui diritti della comunità della Val di Susa: i signori del capitale hanno tirato un sospiro di sollievo. Sui “Cinque Stelle” bisogna dire che, con il reddito di cittadinanza, sono stati un elemento politico socialisteggiante; ma anche loro fallaci e stritolati dall’intransigenza del grido: onestà! Si può dire che il MCS ha fatto, fino ad oggi, la parte di un partito comunista populista inesistente nel panorama politico nazionale. Poi abbiamo le sinistre liberal, protagoniste di un cretinismo politico senza precedenti.

Queste propongono un cosmopolitismo snob (radical chic) dei diritti civili individuali del consumatore, dimenticando di tutelare il ruolo del lavoratore. In questo scenario “destranistra”, resta vuoto il ruolo di un sovranismo populista, socialista e democratico che si occupi seriamente del bene lavoro. Ruolo che per attuarsi necessita di un nuovo progetto politico nazional-popolare. E’ palese che una vera democrazia non può che intendersi come sovranità del popolo nello stato, che, appunto per esistere, necessita della sovranità dello stato. Gli oligarchi tecnocrati europei stanno ultimando di distruggere l’idea di uno stato sovrano, disegnandolo come uno stato fascista, regressivo e nazionalista: azione ben riuscita di svuotamento della democrazia che esso incarna.

In definitiva, la caduta del governo giallo verde, decreterà, ancora una volta, il trionfo delle “classi dominanti” (di cui sopra) le quali sosterranno ciò che il popolo ha chiesto a gran voce di combattere: sistema eurocentrico e sistema bancocentrico. Due impianti perversi e diabolici che, senza alcun argine politico, non esiteranno ad aggredirci con più violenza, adesso, anche con il beneplacito della Lega, incoronata, neotutrice del tanto vituperato neoliberismo. La conseguenza di ciò sarà una nuova pantomima, intitolata “ destranistra”. E noi?…

Tony La Rocca

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Enna – Sedotti e abbandonati gli abitanti di Piano Monelli

Enna – Sedotti e abbandonati gli abitanti di Piano Monelli

I Cittadini residenti e/o proprietari di fondi, della zona ex Piano Monelli dimenticati e trattati come cittadini di serie C....

Enna - Campione (Forza Italia): Solidarietà a sindaco Accardi e Totò Marchi

Enna - Campione (Forza Italia): Solidarietà a sindaco Accardi e Totò Marchi

"Nell' esprimere piena solidarietà al sindaco di Barrafranca Fabio Accardi per la vicenda giudiziaria che lo coinvolge, sicuro che saprà...

Facoltà di Medicina: un’occasione di sviluppo con un solo assente: l’Amministrazione Comunale

Facoltà di Medicina: un’occasione di sviluppo con un solo assente: l’Amministrazione Comunale

L'imminente apertura della Facoltà di Medicina è l'ennesima dimostrazione della grande forza dell’università ennese, vero volano dell'economia cittadina. La collaborazione...

Proroga sfratti a settembre 2020, no dell’Uppi

Proroga sfratti a settembre 2020, no dell’Uppi

L’UPPI, non è d’accordo sulla decisione del Governo di prorogare gli sfratti fino a settembre 2020, già con il DL...