Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
18-08-19

dunarea 2019 2020


Questo è un vecchio detto  Ennese  ben conosciuto .   

Gli Ennesi non lo dovrebbero mai dimenticare, non tanto per affermare il senso della rassegnazione, ma per alzare lo sguardo se stefania marinonon la testa. 
Faccio il mio umile mestiere di consigliere: ascoltare, ascoltare, ascoltare, la gente tutta, nessuno escluso, riportare piccole e grandi esigenze, che poi, se fatte, decretano il vivere bene in una città .
Mi è stato segnalato per l 'ennesima volta , e vedo con i miei occhi lo stato di abbandono , la scarsissima illuminazione , le erbacce, le inferriate arrugginite , buche e rappezzi e chi più  ne ha ne metta, in Via della Resistenza.
Sembra nel nome della  via quasi un destino un  simbolo,  rappresenta un po lo stato della città, un tappeto per così dire dove si nasconde l'immondizia sperando che nessuno veda, nessuno pensi.


 E' destinata ad un abbandono periferico senza speranza così come la città tutta ,dove si proclamano successi, traguardi , difficili da capire, tanto più che da mesi e mesi si è aggiunto e raggiunto l'indecoroso spettacolo di un mega cantiere transennato lamierato adiacente in via della Resistenza ex chiesa S.Anna.
Un' amministrazione operosa avrebbe già sbloccato una simile indecenza, avrebbe già capito che fra un rudere di dubbio valore e molto pericolo è meglio lasciare operare chi ha progetti e finanziamenti per rendere decorosa una città un po come si è fatto per le 2 rotonde realizzate dai privati; che ancora ad Enna hanno avuto coraggio di investire.
Certo poi si aggiunge l'inverosimile si chiede all'ente Università di investire soldi ad Enna  Alta dopo aver bloccato il progetto adiacente  a via della Resistenza.
Una manovra di una finezza politica impareggiabile ..
E tutti sappiamo cosa " educatamente e pazientemente ha risposto " l'università .

Poi con coraggio senza  ombra di pudore  si rilancia  dopo aver creato altri parcheggi a pagamento  di fronte l'Universita', giusto per far cassa ed incoraggiare la Kore ad investire ;  si " spaccia" una fantomatica convenzione per i parcheggi gratuiti agli studenti di cui ne l'università e nemmeno gli uffici interessati al comune di Enna sanno nulla , e li ritorna un vecchio dire Ennese " eravamo ziti ma la zita e i parenti non sapevano niente " attendiamo conferme eo con piacere smentite !!  Certo son bravi a spiegare che il tutto non è colpa dell' amministrazione.
Allora ripartiamo da v. Della Resistenza, dicevo è un simbolo per capirci .
Possiamo fare così da questi piccoli fatti un bilancio è ritornare al vecchio adagio Ennese " A bone" a bone" perché di questo si tratta lasciamo perdere tutti gli intrighi e le successioni di assessori, le defezioni, le manovre , i trastulli politici le ondivaghe presenze ora sono  PD ora no , con tessere n 1 prima sbandierate ora sopite insomma a convenienza su come tira il vento .

Abbiamo subito le "transumanze" di chi ob torto collo ha saltato il fosso ( ma almeno fosse  servito alla città..!!?)
La città è quello che si vede , rappezzi di strade un po' ovunque fatti e rifatti , maquillage di dubbia durata, interventi che  non avrebbero avuto bisogno di grandi menti e di grandi programmatori .. Semplicemente ridicolo basti pensare  che molte di queste " grandi opere " sono state partorite dopo 4 quasi 5 anni di amministrazione.
Cosa dire ai cittadini? Che abbiamo un disavanzo ancora da quantificare e non saranno spiccioli di  Euro !!!
Se non fosse chiaro a tutti dato che abbiamo la pretesa di parlare con tutti sono soldi a disposizione dell' amministrazione che non ha saputo spendere e progettare che si dovranno restituire e che verranno ovviamente dati in meno nei prossimi bilanci nella speranza che non siano di fatto qualche milione di euro.
A chi dobbiamo fare appello per questa inettitudine ?
Parliamo anche con i cittadini che in questa amministrazione hanno visto meraviglie e sviluppo , parcheggi liberi , navette, riqualificazioni di edifici , pulizia ,spettacoli, progetti del chissà quando a farsi .
Ma veramente era quello che ci si aspettava o molti vedono "meraviglie o abbagli che non ci sono"
molti altri si sono accontentati con A bone' a bone' ".
Enna non meritava una timida "ape"a tre ruote o un piccolo " gasolone"
Enna aveva bisogno di un  grande " Caterpillar",
non vedo dopo 4 anni cose straordinarie come si vuol far pensare visto le opportunità che hanno avuto e una opposizione collaborativa al massimo.
Alla fine giusto per evidenza 2 rotonde ahimé nemmeno sul mare.

Un capolavoro della migliore  scuola "del paese delle meravglie".

Leggiamo sulla stampa corrente di  un progetto civico da continuare per non perdere il lavoro fatto e il tanto da fare ,così dicono per evitare di dare la città in mano a padri e padrini.
Uno slancio e  una rincorsa lunga già 4 anni un decantato di risultati che francamente non hanno nulla di spettacolare si parla solo di ordinaria amministrazione una città più pulita .. e ci mancherebbe .!!!!!. dopo cotanto professionisti amministranti !!!! Mancare questo obiettivo sarebbe stato veramente umiliante .
Leggiamo su quante difficoltà superate tanto da citare alcuni Santi in paradiso (.S Bernardo ) vorrà sicuramente ingraziarsi qualche   cattolico che son cosa diversa dagli uomini e donne di fede ?!
Assistiamo a virtuosismi e ritorni di persone non li chiamiamo personaggi , perché noi delle persone abbiamo rispetto.
Persone qualche anno fa penosamente  defenestrate dalla amministrazione ,ora ripescate ...
Su via un piccolo atto di dignità di orgoglio  sarebbe stato veramente gradito .
Che altro dire un saluto caloroso alla mia città ai miei concittadini tutti . Rimanere allo stesso posto nel rispetto di chi ti ha eletto sia quando va bene sia quando va male " nella buona e nella cattiva sorte "
Qualcuno apprezza ancora la coerenza o vogliamo sempre farci guidare da una infruttuosa convenienza? ?

Siamo veramente convinti che il poco che abbiamo ora sia il meglio che si può ottenere ???

Stefania Marino Consigliere Comunale Pd Enna

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Commenti   

-2 #2 M. Terenzio Varrone 2019-08-10 18:34
Fino a quando gli oppositori del sindaco Dipietro non capiranno che ciò che conta è la percezione autentica della collettività e non quella distorta che declamano loro, perderanno tutto: anche la fiducia dei loro elettori. E' patetico leggere ciò che viene scritto da costoro. E' come ascoltare l'ultimo "canto del cigno". Ma smettetela di parlare dei fallimenti di Dipietro e declinate, per una volta, i vostri. "Cospargetevi il capo di cenere", ammettete la vostra fragilità e date ampia dimostrazione della vostra umiltà. Crescete! Siete troppo indietro per gestire "la politica del terzo millennio". Il sindaco Dipietro, alle prossime elezioni, con politici come voi, non vincerà: stravincerà!
Citazione
-2 #1 Osservatore 2019-08-10 17:23
Una volta, andando a mare, ci i comprava un libro per trascorrere i pomeriggi sotto l’ombrellone. Adesso ci pensano i nostri pseudo politici ad allietare i nostri pomeriggi con le loro dichiarazioni. Questa di oggi, sottolinea come gli ennesi si accontentano del nulla e non apprezzano e colgono ciò che la Consigliera Marino, dal suo punto di ascolto ed osservatorio, ha evidenziato. Peccato che evidenzi unicamente ciò che qualcuno ha interesse a sottolineare come via della rinascita che, dal mio osservatorio, creò non poche polemiche per tritura forse troppo avveniristica e decontestualizz ata rispetto alla location. A me sembrava una torta millefoglie. Per erba la situazione non era diversa rispetto alla precedente amministrazione . Per asfalto l’ultima volta che ho visto mezzi in azione in viale diaz era il 2006 e da allora in poi il nulla. lanciare anatemi e suggerimenti ai cittadini ennesi. A proposito di detti “ adda passa’ a nuttata”
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Forestali, dove eravamo rimasti ?

Forestali, dove eravamo rimasti ?

  In un mondo sempre più caotico e pieno di vicissitudini quotidiani ci si interpella sulla problematica degli operai forestali siciliani...

Assoconsumatori contesta le bollette dei rifiuti degli anni 2015-16-17 del Comune di Assoro

 Assoconsumatori contesta le bollette dei rifiuti degli anni 2015-16-17 del Comune di Assoro

  Come associazione abbiamo sempre sostenuto: “Pagare tutti per pagare meno” e certo non veniamo meno a questo nostro principio, ma...

L’estate leonfortese tra cultura e divertimento: parla il Sindaco

L’estate leonfortese tra cultura e divertimento: parla il Sindaco

  A Leonforte in questo periodo si snocciolano i diversi eventi del cartellone estivo che interessano diverse zone della città, come...

“Neoliberismo destranistra”

    “Neoliberismo destranistra”

  Ebbene, adesso avremo la fine del populismo sovranista tanto discusso e tanto temuto. Finalmente questo sarà il trionfo della classe...