L’Amministrazione Dipietro vuole fare morire gli eventi cittadini che hanno sempre ottenuto un alto gradimento, come lo Janniscuru Fest, l’Enna Rugby, il Buskers Fest.  solfato amato 2
L’ho detto questa mattina anche all’assessore Francesco Colianni in II Commissione, a cui per l’ennesima volta ho rinfacciato l’assenza di programmazione e condivisione degli eventi turistici. La mancanza di lungimiranza di questa amministrazione è evidente nel momento in cui il sindaco sente addirittura la necessità di chiedere ai commercianti idee per il rilancio del centro storico, per poi disattendere le loro richieste tra le quali è emersa in particolare l’organizzazione di manifestazioni artistiche/culturali.
Per questo motivo ho criticato aspramente le scelte dell’Amministrazione, che preferisce “inventare” prime edizioni di eventi piuttosto che confermare e potenziare quelli che hanno già riscontrato successo. Programmare, invece, una kermesse che deve svolgersi necessariamente all’aperto come il Buskers a fine settembre ad Enna, dove le condizioni climatiche sono incerte, e stabilirlo con scarso preavviso è assurdo.
Non si capisce perché ogni anno venga ostacolato un Festival che ha indubbie ricadute socio-economiche, in termini di entrate per i commercianti e di riqualificazione del nostro centro storico.
Sembra di assistere alle logiche della vecchia politica per cui puoi contare su un sostegno solo se rientri nelle grazie di chi amministra, altrimenti per crescere sei costretto ad andare altrove.
Per queste ragioni nei giorni scorsi abbiamo presentato una richiesta di accesso agli atti sulla gestione economico-finanziaria di tutti gli eventi culturali realizzati con contributo economico del Comune.

Davide Solfato, Cinzia Amato

Consiglieri M5S Enna

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.