Desidero esprimere La mia vicinanza e quella degli iscritti FP CGIL , al Responsabile del personale della RSA Flavia fp cgilMartinez di Pietraperzia DR. Gaetano Raimondi e al Direttore della Cooperativa Sociale Euronia ente gestore della struttura Dr. Toni Di Bella, per il momento di sgomento che segue l’orribile intimidazione ricevuta.

Apprendo, con rinnovato sgomento, dell’atto intimidatorio ai danni della macchina del Dr. Raimondi.

Ancora una volta, viene colpito un piccolo anello della trama sociale che seppur a fatica, sta tessendo le file per gestire la struttura serenamente garantendo un servizio eccellente per tutta la comunità di Pietraperzia e Barrafranca.

Ormai sembra di essere nell’occhio del ciclone, evidentemente si è temibili e scomodi.

A chì?!, mi chiedo, e perché?!.

Ma spero ardentemente che non rimangono sulle pagine dei giornali.

La RSA Flavia Martinez è una delle realtà più significative del bacino di Barrafranca, e , come tante altre piccole realtà della nostra provincia, lavora a fianco di chi vive gravi disagi sociali, per costruire dignità e giustizia.

Forse sono proprio questi diritti “negati” che ci rendono scomodi.

Nei nostri percorsi educhiamo le persone in difficoltà a non mollare mai, a non darsi mai per vinti, a credere che davvero le cose possono cambiare.

E quello che ci diciamo noi, sempre, in momenti come questi.

E proprio perché tutto sembra così difficile, di sicuro moltiplicheremo le ragioni della speranza, la determinazione dell’impegno. Perché non vogliamo mollare.

Al Dr. Raimondi al Dr. Di Bella e alle loro famiglie, a tutte le Cooperative, voglio dire che noi ci siamo, e che soprattutto, il fuoco che ha tentato di ridurre in cenere il loro impegno ha invece riacceso la nostra passione per i diritti.

Agli uomini che hanno commesso questo gesto possiamo lasciare la nostra rabbia, ma non la nostra resa.

Il Segretario Generale FP CGIL Enna

Giovanni Lavalle

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.