Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
18-08-19

dunarea 2019 2020

Un’apprezzabile iniziativa culturale: un libricino di circa cento pagine, arricchite da numeroseLibro DiMarco Messinafoto d’epoca, dedicato al barone Carlo III Rosso di Cerami. Edito da La Moderna Edizioni, fa parte della collana Hennaion – la biblioteca degli autori ennesi, costa 10 euro.

Ne sono autori Paolo Di Marco e Mario Messina, entrambi appassionati cultori di storia patria. Di Marco ha già al suo attivo la pubblicazione di tre libri d’interesse non solo locale: “Euno, figlio della libertà”, “Paolo Garofalo – la politica e me”, “Mafia è stato”. Anche Mario Messina, insegnante e bibliotecario, conosce e intende promuovere la conoscenza della sua città.

L’amore per Enna e l’interesse per la storia locale, spesso inserita in più ampio contesto, l’impegno civico espresso in ambito culturale, pare che rimbalzino dal nobile, e non solo per nascita, protagonista agli autori di questo scritto storico-biografico.

A partire dai principali avvenimenti personali e familiari si delinea il percorso di vita di Carlo Rosso (1862-1952), spesa per realizzare ideali di benessere socioeconomico, indispensabili al progresso culturale. Animato da carità di patria, s’interessò alle problematiche dei suoi tempi: dopo avere studiato e osservato, partecipò attivamente alle vicende amministrative municipali e a quelle di maggiore respiro oltre i confini isolani, sempre più allargando il campo operativo, prodigo di iniziative, pensate e, secondo l’esortazione mazziniana, puntualmente attuate.

Sollecito soccorritore nella tragica circostanza del terremoto di Messina, fu sempre dalla parte dei più deboli e bisognosi. Saggista, espose in quattro libri le sue idee, frutto di studi e ricerche sul territorio, sostenuto dal proposito di giovare ai concittadini, e non solo. Impegnato nel sociale, via via che i suoi meriti e le sue competenze gli erano riconosciute con l’attribuzione di importanti incarichi, ancor più lavorava per il bene pubblico ottenendo i risultati perseguiti.

Gli autori del libro a lui dedicato non mancano, nel corso della narrazione, di indicare al lettore l’apporto di idee e suggerimenti validi anche col mutare dei tempi: “ temi e problematiche - si trova scritto a pagina 56 - che a distanza di circa un secolo rimangono sempre attuali”, come la necessità di effettuare più controlli affinché venisse scongiurata l’eventualità dell’aggiunta di sostanze dannose alla salute nell’impasto per il pane. E’ in particolare evidenziata la persuasione del barone Rosso che la Sicilia poteva cambiare solo con una maggiore presenza di cultura.

Longevo, grazie anche al morigerato stile di vita condotto, morì quasi novantenne. Al corteo funebre, diretto alla tomba di famiglia, accorse una folla numerosa e commossa, a dimostrazione della stima e dell’affetto che si era conquistato: testimonianza a lui dovuta, come la monografia scritta a quattro mani, gratificata dal consenso e disponibilità dei discendenti Rosso di Cerami e dalla compiaciuta presentazione dell’attuale primo cittadino Maurizio Dipietro.

Anna Maria De Francisco

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Forestali, dove eravamo rimasti ?

Forestali, dove eravamo rimasti ?

  In un mondo sempre più caotico e pieno di vicissitudini quotidiani ci si interpella sulla problematica degli operai forestali siciliani...

Assoconsumatori contesta le bollette dei rifiuti degli anni 2015-16-17 del Comune di Assoro

 Assoconsumatori contesta le bollette dei rifiuti degli anni 2015-16-17 del Comune di Assoro

  Come associazione abbiamo sempre sostenuto: “Pagare tutti per pagare meno” e certo non veniamo meno a questo nostro principio, ma...

L’estate leonfortese tra cultura e divertimento: parla il Sindaco

L’estate leonfortese tra cultura e divertimento: parla il Sindaco

  A Leonforte in questo periodo si snocciolano i diversi eventi del cartellone estivo che interessano diverse zone della città, come...

“Neoliberismo destranistra”

    “Neoliberismo destranistra”

  Ebbene, adesso avremo la fine del populismo sovranista tanto discusso e tanto temuto. Finalmente questo sarà il trionfo della classe...