Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
04-07-20

dunarea de jos 2020

 

Dopo il fallimento dell’ATO determinato da eccessive assunzioni e da una spesa allegra, il sistema non ha cambiato atteggiamento.rifiuti organici In alcuni comuni al di là delle assunzioni effettuate sulla base di una legge regionale 9/2010, fra l’altro interpretata e non applicata così come prevede l’ultimo capoverso dell’art. 19 c.7 che sottolinea che le assunzioni debbono essere effettuate a condizione che l’originario rapporto di lavoro sia avvenuto nel rispetto dell’art.45 della legge 2/2007 e dell’art. 61 legge 6/2009, si sta procedendo a nuove ed ulteriori assunzioni che inevitabilmente vanno a caricare di nuove spese i bilanci che i cittadini dovranno pagare con le prossime bollette; ciò, forse, al fine di creare nuove clientele di una politica becera e poco avveduta.

Mentre vi sono 50 lavoratori che non sono stati assunti, rimanendo in una posizione di “limbo”, poiché pur non percependo alcuna retribuzione, non risultano né licenziati, né sospesi, né in aspettativa, né in ferie; come anche vi sono lavoratori della ex Multiservizi SpA che potrebbero usufruire delle norme della legge regionale 20 del 2016 che all’art. 24 prevede l’assunzione di tale personale, ma i comuni continuano a permettere nuove assunzioni.

Ai cittadini non rimane altro che pagare i costi di una politica incapace di creare nuove opportunità lavorative e che vuole garantire i propri amici con stipendi senza dubbio superiori del 30% rispetto al contratto enti locali. Paradossale è ciò che succede nei comuni, a Nicosia, come ad Assoro per esempio, ove le società oltre a non mantenere gli impegni assunti al momento dell’aggiudicazione della gara e le prescrizioni del capitolato d’appalto, fornendo un servizio pessimo, sembrerebbe che abbiano assunto altro personale, mai stato alle dipendenze dell’ATO Ennaeuno né tanto meno transitato nella SRR, il tutto con il consenso di amministrazioni che ipotizzavano risparmi per ogni famiglia, risparmi mai avvenuti ,anzi i costi lievitati, inspiegabilmente, di anno in anno.

A Nicosia, a fronte delle 25 unità lavorative previste nel piano ARO, ve ne sono, pare 27 di cui sembrerebbe, :

  • alcuni in posizione di comando presso le società d’ambito, in palese illegittimità e violazione di legge;

  • altri mai transitati nella SRR ed assunti, dopo le dimissioni SocietàEnnaEuno Spa, con rapporti instaurati ex novo;

  • altri ancora, parrebbe, assunti senza essere mai transitati alla SRR , assunti senza procedure ad evidenza pubblica, forse parenti prossimi di consiglieri di maggioranza?

  • Del resto uno o dieci in più, poco conta, considerato che in provincia di Enna ne sono già stati assunti ben 429 senza concorso pubblico, numero esorbitante se si tiene conto dei parametri abitanti/lavoratori addetti al servizio rifiuti.

Come si può ben prefigurare è la vecchia logica dell’ATO Enna Euno, ormai fallito, i cui debiti dovranno pur essere saldati.

Risultano prima c’era un mostro chiamato Enna Euno Spa, ora ce ne sono 20, di cui alcuni primeggiano per l’assoluta illegittimità, come avviene a Nicosia, Assoro, ed altri.

Pippo Bruno

Assoconsumatori – Asso-Consum

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

  Con grande soddisfazione apprendiamo la notizia dell’approvazione, da parte della Giunta Regionale, del nuovo Statuto dell’“Ente Parco Minerario Floristella-Grottacalda”. Un...

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

  Il territorio di Agrigento, Caltanissetta ed Enna è caratterizzato da cronici ritardi che frenano il necessario processo di sviluppo. Oggi...

La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

  La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

Ieri, Festa Patronale, si è registrata una forte presenza di automobili nel centro storico, che ha reso quasi impossibile per...

Enna – Paolo Gargaglione: Dipietro mi ha sempre boicottato

Enna – Paolo Gargaglione: Dipietro mi ha sempre boicottato

  La questione politica che è stata alla base delle dimissioni mie e dell’assessore Russo è ormai nota: il netto rifiuto...