Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
21-07-19

dunarea 2019 2020

 

Egregio Direttore

La scrivente vorrebbe chiarire sulla questione degli elenchi, nella realtà cosi come vengono formulati sono una bufala e servono aosslogo poco, il contenuto del disegno di legge, dell'istituzione di un "Elenco Regionale oss", deliberato dalla Regione Sicilia decreto 11 aprile del 2019, gazzetta ufficiale 3 maggio 2019, talvolta spacciato per "albo o registro" da alcune associazioni/movimenti oss; Ma il risultato di questo documento tanto decantato tratta per l'appunto di un mero censimento, ha funzione meramente ricognitiva, quale banca dati. Attenzione!!!!, serve a poco e non determina un ALBO, e che ha regolamentazione ben precisa e differente, come dice la stessa delibera regionale, “di pubblica consultazione con l’iscrizione su base volontaria, ed è esclusivamente ricognitiva, “ L’inserimento nell’Elenco, non costituisce requisito per l’esercizio dell’attività,” pertanto non è un meccanismo che da la possibilità di trovare lavoro, e nemmeno la possibilità di istituire albo professionale dell’oss, né tanto meno interagisce nei concorsi, e non da nessuna crescita professionale.

Inoltre La federazione Migep, in quanto federazione nazionale OSS, è promotrice dal 2012 di questo progetto, al tavolo Ministero e Regioni, nel documento “formazione, ruolo, funzioni, fabbisogno dell’oss” e lo ha sottoscritto.

Nel 2018 questo progetto è stato valutato attraverso un confronto con la Senatrice Guidolin come registro nazionale, ponendo strumenti necessari affinché tale registro abbia la sua funzionalità, e rilancia da sempre anche il tema della necessità di rivedere il sistema formativo, che deve essere uniformato sul territorio con criteri unici, favorendo la libera circolazione degli attestati a livello europeo che come abbiamo denunciato già da anni, la figura dell'oss non è pienamente spendibile nel contesto europeo per una disparità di ore formative e di qualità tra la formazione dell’oss in Italia e le figure pari ad esso europee, e riconoscimento del lavoro usurante per l’oss.

Questo è il primo punto che ci appare essenziale, e se l’elenco regionale non ha alcun vincolo d’obbligo d’inserimento dei dati, e nessun controllo degli attestati, perderebbe l'utilità primaria, dal momento in cui inumeri che perverranno potrebbero essere parziali,o ancor più, gli oss, formati in altre regioni e occupati sul territorio non tutti sarebbero integrati in tale elenco e non saranno mai verificati gli attestati.

Da un’analisi fatta sulla delibera, si nota come non risulti alcun’utilità né finalità, come in primis manca un "obbligo" per il professionista formato di registrarsi in questo proposto elenco e neanche per gli enti formativi vi sia alcun obbligo assunto di trasmettere nominativi e dati degli Oss formati. Allora cosa serve? La nostra preoccupazione che a causa di movimenti/associazioni oss che si improvvisano come benefattori, non hanno idee ben chiare, portando altre regioni ad una disomogeneità nel progettare l’elenco regionale/o registro.

La Regione Veneto in un suo sondaggio del 2018sondaggio al vaglio del Ministro della Salute e della Conferenza Stato Regioni, ha evidenziato anche una disomogeneità nelle varie regioni sulla questione dell’elenco regionale oss, definendolo un registro occupati/inoccupati.

Non é più possibile che queste associazioni/movimenti oss incitano all’anima e fanno appelli alle persone sulla magnanimità con finalità di bassezza creando confusione, mettendo le stesse regioni in disomogeneità, oscurando i veri temi: “area socio sanitaria, lavoro usurante, aggiornamento continuo, riformulare la formazione attraverso istituti sanitari, rivedere l’accordo stato regioni del 2001, rivedere le competenze, valutare il fabbisogno, valutare un registro nazionale obbligatorio che uniforma la professione.

In questo modo l'elenco regionale degli oss non sarà altro che un foglio con una lista di nomi, chiuso in un cassetto di un ufficio della regione

cordialmente

Federazione delle Professioni sanitarie e socio sanitarie Migep

331 8672871  

Angelo Minghetti

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Inquinamento elettromagnetico: bocciato un emendamento per l'acquisto di una centralina di rilevamento

  Inquinamento elettromagnetico: bocciato un emendamento per l'acquisto di una centralina di rilevamento

  Apprendiamo dagli organi di stampa rassicurazioni da parte del Sindaco Dipietro e della sua amministrazione circa la risoluzione della problematica...

Don Leo Vetri: il Tar da' ragione all'Amministrazione Comunale di Enna

  Don Leo Vetri: il Tar da' ragione all'Amministrazione Comunale di Enna

  Il TAR Catania con propria ordinanza del 17/07/2019 ha rigettato la domanda cautelare avanzata dall’Associazione Don Leo Vetri, circa la...

Che fine hanno fatto i fondi per il quartiere di Enna, Santa Maria del Popolo?

Che fine hanno fatto i fondi per il quartiere di Enna, Santa Maria del Popolo?

  Verificherò presso il Dipartimento delle Pari Opportunità i motivi che ostano alla erogazione dei fondi previsti dal Piano Nazionale per...

Codice Rosso: Bene su revenge porn ma senza risorse e' aria fritta

Codice Rosso: Bene su revenge porn ma senza risorse e' aria fritta

L'introduzione del reato di revenge porn nella legge cosiddetta Codice Rosso ha il merito di colmare un vuoto normativo importante,...