Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
21-07-19

dunarea 2019 2020

 

Sulla "tenace protesta" in corso da parte dell'associazione Tema di Monreale in merito alla coppia di figuranti premiata la cosamanifestazione federiciana domenica con il primi premio del concorso nazionale "Il Castellano e la Castellana di Castrum Johanni", la giuria all'unanimità precisa quanto segue. Il nostro concorso è nato con l'intento di unire realtà diverse, città lontane tra loro, gruppi storici di ambito medievale che portano avanti - in contesti ed espressioni artistiche diverse - lo spirito della nostra manifestazione, la Settimana europea federiciana, da sempre contraddistinta dallo slogan "Federico II e il sogno europeo". Non abbiamo certo voluto organizzare una sfilata di costumi, ma creare il contesto per accomunare, associare, creare reti culturali sotto il segno della bellezza e nella memoria del Castellano Riccardus de Trentenaria. La Giuria ha premiato una coppia di figuranti ritenuta valida su criteri quali la fattura dei costumi e l'attendibilità storica dei modelli, il portamento della coppia, l'accostamento tra i costumi e l'eleganza complessiva dei candidati. Non si è volutamente tenuto conto SOLO dell'acconciatura, delle calzature e delle stoffe utilizzate. Il giudizio è andato ben oltre. Pur accettando gli spunti di critica che possono rivelarsi costruttivi e ripromettendosi di sottolineare con forza in futuro le finalità di fondo del concorso, questa Giuria ritiene INSINDACABILE il voto espresso sui vincitori del bando nazionale "Il Castellano e la Castellana di Castrum Johanni", giudica pretestuosi e inopportuni tutti gli attacchi di natura "pseudo purista pro Medioevo" e prende le distanze da presunti tenutari di verità storiche. Chi vuole "tenacemente contestare" il concorso, il premiati e la stessa giuria è ben lungi dagli ideali federiciani di unione tra culture e popoli diversi, anzi infrange la stessa memoria dell'imperatore Svevo e della sua visione culturale e politica del mondo. La condivisione e il dialogo sono stati e resteranno i fari del nostro percorso verso la tutela della memoria e soprattutto in direzione di valori di pace e solidarietà. Soltanto ispirandoci a idee e ideali forti, possiamo coltivare la luce della speranza.

Di fronte a eventuali ulteriori contestazioni che si riveleranno offensive e lesive nei confronti del concorso, della giuria e dell'intera manifestazione ennese, non escludiamo la possibilità di avviare procedimenti di natura legale.

La Giuria del concorso nazionale "Il Castellano e la Castellana di Castrum Johanni"

Nietta Bruno

Enzo Di Serio 

Alessia La Paglia

Adelia Martorana

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Inquinamento elettromagnetico: bocciato un emendamento per l'acquisto di una centralina di rilevamento

  Inquinamento elettromagnetico: bocciato un emendamento per l'acquisto di una centralina di rilevamento

  Apprendiamo dagli organi di stampa rassicurazioni da parte del Sindaco Dipietro e della sua amministrazione circa la risoluzione della problematica...

Don Leo Vetri: il Tar da' ragione all'Amministrazione Comunale di Enna

  Don Leo Vetri: il Tar da' ragione all'Amministrazione Comunale di Enna

  Il TAR Catania con propria ordinanza del 17/07/2019 ha rigettato la domanda cautelare avanzata dall’Associazione Don Leo Vetri, circa la...

Che fine hanno fatto i fondi per il quartiere di Enna, Santa Maria del Popolo?

Che fine hanno fatto i fondi per il quartiere di Enna, Santa Maria del Popolo?

  Verificherò presso il Dipartimento delle Pari Opportunità i motivi che ostano alla erogazione dei fondi previsti dal Piano Nazionale per...

Codice Rosso: Bene su revenge porn ma senza risorse e' aria fritta

Codice Rosso: Bene su revenge porn ma senza risorse e' aria fritta

L'introduzione del reato di revenge porn nella legge cosiddetta Codice Rosso ha il merito di colmare un vuoto normativo importante,...