Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
20-05-19

dunarea 2019 2020

I giovani sono sempre uguali, sono i tempi che cambiano.

Oggi i giovani ma anche i meno giovani, in qualsiasi circostanza, stanno sempre con il telefonino in mano e lo sguardo fisso su di eso. Perché? perché il telefonino è telefoninoun compagno fedele che ti da consigli, ti informa su tutto, ti consente di fare auguri di compleanno, onomastico, anniversario, dare il buon giorno di ogni giorno della settimana con immagini e parole pronte senza che debba spremerti le meningi. Puoi mostrare agli amici le foto della tua ultima gita, quelle del tuo cane, se vuoi puoi esibire anche cose personali di cui sei orgoglioso, fare vedere scene comico-demenziali e ridere insieme agli altri.

In tutto questo non c'è niente di strano o di cui farsi meraviglia, anch'io quando ho acquistato un mangianastri, stavo giornate intere ad ascoltare musica ad alto volume dando parecchio fastidio, quelli erano altri tempi. 

Il telefonino ti fa sembrare importante, passando davanti ad una ragazza o un ragazzo che ti piace puoi fingere di parlare, magari con una espressione credibile, puoi dire al papà o alla mamma che sei vicino casa e invece ti trovi a 200 km di distanza, puoi organizzare e condividere eventi con il gruppo, comunicare con tutto il mondo in tempo reale. Insomma un mezzo formidabile, straordinario.

Il telefonino non ti critica, non ti giudica, non si intromette, non esprime opinioni se non richieste, lo puoi smanettare per ore e ore, non ti chiede nulla, ogni tanto, quando è un pò stanco, una ricarica.

Anche gli adulti fanno buon uso del telefonino: la nonnina che mostra orgogliosa le foto dei nipotini.....quanto sono belli, la distinta signora con i capelli bianchi freschi di permanente che a messa risponde al cellulare che suona rumorosamente con la musichetta. Prooonto tu si Mariuzza? sugnu a missa ca staiu aspiuttannu u bar ca mi fanu i cannola frischi ca cchiùttardu ti purtu. Nel frattempo il prete interrompe la predica, aspetta e guarda. L'anziana signora, accortasi del misfatto, chiude e come nulla fosse si inginocchia e riprende a seguire la messa.

Quando il telefono era fisso, quello attaccato al muro, non c'era privacy, in famiglia, tutti sapevano tutto di tutti, ora hai la privacy (ma solo in famiglia) e puoi contare sull'appoggio incondizionato dell'unico vero amico: il telefonino!

     Però...a volte, può essere fatale!  -   Ma di questo vorrei scrivere una prossima volta.

     Angelo Miano            E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.    

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

M5S: il grande bluff del sindaco Dipietro

M5S: il grande bluff del sindaco Dipietro

Tutte le volte che il sindaco deve giustificare una decisione politica imbarazzante da spiegare ai cittadini organizza un dibattito politico....

PD: Dipietro ha sancito la fine del progetto civico

  PD: Dipietro ha sancito la fine del progetto civico

Il dibattito politico consumato ieri ha sancito la fine del progetto civico tanto declamato dal Sindaco per aprire la strada...

Elenco Regionale OSS: Punto di vista della Federazione Migep

Elenco Regionale OSS: Punto di vista della Federazione Migep

  Egregio Direttore La scrivente vorrebbe chiarire sulla questione degli elenchi, nella realtà cosi come vengono formulati sono una bufala e servono...

Replica della giuria delle manifestazioni federiciane

Replica della giuria delle manifestazioni federiciane

  Sulla "tenace protesta" in corso da parte dell'associazione Tema di Monreale in merito alla coppia di figuranti premiata la cosa...