Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
04-07-20

dunarea de jos 2020

 

La convocazione dell’odierno consiglio comunale riveste una particolare importanza in quanto vedrà l’approvazione delle tariffe palazzo comunaleinerente i tributi comunali per l’anno 2019. Giungiamo a questo consiglio con l’ormai comprovata strategia, da parte dell’amministrazione Dipietro, dell’urgenza e dell’emergenza, una strategia attuata sin dal suo insediamento la quale ha come unico scopo quello di non permettere alle forze politiche un’analisi complessiva della materia ed altresì la valutazione e l’attuazione delle successive determinazioni. Si procede esautorando il consiglio comunale delle proprie prerogative, esclusive in materia di tasse e tributi. Ciononostante il gruppo del Partito Democratico non intende sottrarsi al dibattito e si stà già attivando per elaborare una proposta che porti una riduzione delle tariffe in discussione ovvero TARI, IMU, addizionale IRPEF che si aggira intorno al 15%. Siamo convinti che in un momento difficile come quello attuale, dove nonostante i proclami del Sindaco Dipietro, il quale millanta azioni ed opere a vantaggio della città, una classe dirigente responsabile deve alleggerire il carico fiscale alla cittadinanza. Questa comunità, gli ennesi non possono in alcun modo sostenere la pressione fiscale imposta dalla giunta Dipietro ed alleati, i quali dopo 4 anni ci consegnano una città in enormi difficoltà. Il commercio è in ginocchio, quei pochi turisti che si avventurano nella nostra città devono fare i conti con strade dissestate o addirittura completamente impercorribili, i residenti del centro storico lamentano la mancanza di parcheggi, il settore dell’agricoltura e zootecnia è stato dimenticato, le strade extraurbane sono in uno stato pietoso ed alcune ricettacolo di rifiuti, la popolazione demografica continua a scendere, le politiche sociali sono ostaggio dell’arroganza di un assessore. Dinanzi a questo quadro di difficile soluzione abbiamo scelto di fornire un po’ di ossigeno alla cittadinanza, presentando una manovra che potrà lasciare nelle tasche dei nostri concittadini circa 1 milione di euro. Auspichiamo che tale proposta venga accolta dall’intero consiglio comunale.

Il Capogruppo PD al consiglio comunale

Paolo Timpanaro

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Commenti   

0 #1 Alberto dottore 2019-03-29 13:19
Consigliere Timpanaro... che dire: meglio “urgenza ed emergenza” dell’amministra zione DiPietro che la “nullafacenza” a cui la giunta che lei sosteneva ci ha abituato.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

Nuovo Statuto Ente Parco Floristella: basi per rilancio del sito di archeologia industriale

  Con grande soddisfazione apprendiamo la notizia dell’approvazione, da parte della Giunta Regionale, del nuovo Statuto dell’“Ente Parco Minerario Floristella-Grottacalda”. Un...

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

Il post Covid-19 e la situazione economica nelle province della Sicilia centrale

  Il territorio di Agrigento, Caltanissetta ed Enna è caratterizzato da cronici ritardi che frenano il necessario processo di sviluppo. Oggi...

La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

  La processione del 2 Luglio sostituita dalla processione delle macchine nel centro storico

Ieri, Festa Patronale, si è registrata una forte presenza di automobili nel centro storico, che ha reso quasi impossibile per...

Enna – Paolo Gargaglione: Dipietro mi ha sempre boicottato

Enna – Paolo Gargaglione: Dipietro mi ha sempre boicottato

  La questione politica che è stata alla base delle dimissioni mie e dell’assessore Russo è ormai nota: il netto rifiuto...