Parliamone insieme
DEDALOMULTIMEDIA
22-04-19

dunarea 2019 2020

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti umani, in occasione del 20 febbraio, Giornata internazionale della giustizia socialegiustizia sociale, istituita Il 26 novembre 2007, con la Risoluzione A/RES/62/10, dall’Assemblea Generale dell’ONU; successivamente, con la proclamazione della Dichiarazione sulla giustizia sociale per una globalizzazione giusta, 10 giugno 2008, da parte dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), i rappresentanti dei governi, delle imprese e dei lavoratori di 182 Stati Membri sottolinearono il peso determinante di tale avvenimento nel raggiungimento degli obiettivi postulati.

In tale ricorrenza riteniamo fondamentale ribadire attraverso una serie di interventi il valore della tutela della dignità umana della persona e del lavoratore.

Un pensiero da parte del Coordinamento è rivolto a tutti coloro che in maniera lecita si stanno impegnando per difendere i propri diritti di categoria come i pastori sardi in questi giorni. Ci auguriamo che i giovani laureati italiani, secondo indagine della società di consulenza Willis Towers Watson, fortemente penalizzati nella retribuzione in Europa, possano vedere riconosciuti i propri sacrifici.

Infine un’ultima riflessione riguarda la condizione del docente; “esiliati della l. 107/2015”; iscritti nella terza fascia con servizio e i precari della pubblica amministrazione speriamo abbiano presto l’attenzione operativa immediata di chi (ed erano tanti) in passano ne aveva sposato la causa. Senza divisioni o particolarismi a favore di una categoria o area geografica rispetto all’altra. Crediamo nei lavoratori della conoscenza e sosteniamo battaglie e impegno quotidiano per la crescita del nostro Paese. “L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.” (art. 1, comma 1, Cost.).

prof. Romano Pesavento

Presidente Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

I lavori al Viale Diaz con il maltempo rischiano di essere vanificati

I lavori al Viale Diaz con il maltempo rischiano di essere vanificati

Nelle ultime settimane sono pervenute a mezzo stampa diverse iniziative volte a potenziare e riqualificare il centro storico della città...

Europee: dalla parte dell’umanità e non dalla parte dell’odio

Europee: dalla parte dell’umanità e non dalla parte dell’odio

Il 26 Maggio si vota per le elezioni europee, che, molti hanno definito le elezioni più importanti degli ultimi dieci...

Sostenibilità in che senso?

Sostenibilità in che senso?

Le scriventi associazioni, grate dell’invito pervenuto da Codesto Comitato per la partecipazione alla manifestazione di cui all’oggetto, nel declinare lo...

La lingua italiana e il dialetto ennese

 La lingua italiana e il dialetto ennese

Da diverso tempo viene usata la lingua inglese in ogni settore, sopratutto in politica, dove, non solo quando parlano in...