Il Taccuino
DEDALOMULTIMEDIA
17-01-21

In questi mesi dell’ormai famoso 2020 dai padri e le madri, dai nonni e dai maestri chi non si è chiesto se i bambini stessero bimbosoffrendo o se le attenzioni a loro rivolte siano state sufficienti a contenere il disagio procurato dalla pandemia.

In questi tempi il lockdown ha posto numerosi problemi con i bambini rimasti in casa.

Quante spiegazioni per convincerli di non potere più uscire, andare a scuola o al parco, incontrare i loro amici.

Perché da un giorno all’altro ci si è trovati costretti in casa?

Non è stato semplice spiegarlo ai bambini e si è provato a dire che fuori è pericoloso, c’è l’influenza e non si può uscire.

Ed ecco così che il bambino vede il mondo esterno come una minaccia che ha sconvolto le quotidiane esperienze, i ritmi, le abitudini, i riti della vita quotidiana.

Difatti, svegliarsi la mattina, prepararsi, essere accompagnati dai genitori, incontrare gli insegnanti e i coetanei per i bambini è importante e il venire meno di questi elementi non può che creare disorientamento e insicurezza.

Essere rassicurati nella loro identità vivendo in ambienti prevedibili e sicuri è fondamentale per il confronto con altri bambini, i giochi di gruppo, le attività scolastiche. L’assenza di tali stimoli a cui si erano affezionati profondamente crea una vera deprivazione sociale.

Le conseguenze psicologiche sono evidenti. I bambini possono trovarsi alle prese di disturbi del sonno, irritazione, alti e bassi dell’umore, fino a comportamenti di opposizione, crisi di rabbia. Con la ripresa della vita normale molti di questi disturbi passeranno, ma quanta parte delle difficoltà resterà?

Purtroppo, va sottolineato che i genitori in lockdown hanno problemi legati allo smartworking, all’affollamento domestico, alla sfera economica, alla paura del virus.

E per la nota sensibilità dei bambini è inevitabile riscontrare gli effetti, in maniera differente a seconda dell’età. I più piccoli hanno colto di più il cambiamento dei ritmi quotidiani, hanno capito che il mondo esterno non era più raggiungibile mentre i più grandi hanno percepito gli stati di animo e le emozioni dei genitori, assorbendone ansie, incertezze, timore del contagio.

È un’emergenza di cui dobbiamo essere consapevoli. Soprattutto perché abbiamo a che fare con la fragilità di bambini nella delicata fase di crescita e scoperta della vita.

Dobbiamo renderci conto che ancora non siamo tornati alla normalità anche se la campagna vaccinale indica una via d’uscita dalla crisi. Purtuttavia, dobbiamo essere capaci di mettere a centro della nostra attenzione i bambini piccoli e grandi, senza rinviare a tempi migliori la ricerca di una normalità che vorremmo serena e senza pericoli.

I genitori stanno vivendo tempi straordinari e nel bene e nel male condividono in famiglia sentimenti e comportamenti non sempre concilianti, se non addirittura conflittuali. Con il massimo della comprensione  questa è da considerarsi una prova straordinaria a cui non si era preparati.

E' necessario, pertanto, affrontare questa emergenza educativa ricorrendo a tutte le energie e competenze che in famiglia si sono sviluppate per educare ed intrattenere i bambini. La priorità di genitori, nonni, zii, cugini,  deve essere il loro intrattenimento  e la loro educazione alla socialità, incentrata su comportamenti capaci di prendersi cura gli uni degli altri.

Quindi, nei limiti del possibile va incentivata la vita sociale superando le barriere ed i recinti di protezione che in questi mesi abbiamo eretto a tutela della salute.

La famiglia dovrà essere collocata al centro delle attenzioni della comunità che con la sua funzione educante può sostenerla a superare l’incombente fatalismo senza speranza del vivere alla giornata, ripiegata in sé stessa e pronta ad implodere.

 

 

Gaetano Mellia

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti potrebbero interessare anche...

La crisi di governo si poteva evitare. Interroghiamoci su cosa si poteva fare

La crisi di governo si poteva evitare. Interroghiamoci su cosa si poteva fare

Tutti perplessi per la crisi di governo nessuno escluso. Ma tutto quanto a cui stiamo assistendo appare come una profezia auto...

Roma – Cosa prevede il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Recovery Fund)

Roma – Cosa prevede il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Recovery Fund)

La bozza del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, #Next Generation Italia, un testo di 171 pagine, è stata consegnata...

Il Covid a colori per non capirci più niente in Italia e in Sicilia

Il Covid a colori per non capirci più niente in Italia e in Sicilia

  Siamo sempre più sconcertati di questa Italia a colori. Fino a quando i colori erano tre, bianco rosso e verde,...

Più collaborazione, più solidarietà, più corresponsabilità

Più collaborazione, più solidarietà, più corresponsabilità

Mai come l’anno trascorso ci siamo trovati a vivere le nostre emozioni in modo così contrastante. La pandemia è riuscita...