Il Taccuino
DEDALOMULTIMEDIA
18-01-21

Da giorni segnaliamo che nella popolazione ennese monta un sentimento misto tra la paura di non trovare, causa Covid, le toto barberarisposte ai bisogni di salute presso l’Umberto I (il malato di tumore o il malato cronico purtroppo c'è ancora e va curato) e di rabbia per avere l’impressione di essere gli unici a dovere affrontare questa emergenza senza l’aiuto delle strutture provinciali.

Sentimenti che hanno portato alla convocazione urgente e straordinaria del Consiglio Comunale di Enna con il seguente o.d.g.: realizzazione reparto Covid all’Umberto I.

 

Per contrastare questi sentimenti l’unica via, a nostro avviso, è la coscienza dei fatti.

Per questo da settimane viene chiesto, in un coro unanime politico/sindacale, che, al di là dei ritardi della Regione, l’ASP di Enna risponda, con la massima trasparenza, sulla scelta dell’ospedale misto, (soluzione molto rischiosa avversata da tutti i comitati tecnico scientifici) per adempiere alla ripartizione dei posti letto data dalla Regione Sicilia per la Provincia di Enna (22 pl terapia intensiva – 140 pl posti ordinari – 30 pl a bassa complessità) iniziando con 10 + 10 pl di intensiva e 60 pl di degenza ordinaria all’Umberto I su:

 

  • Quale è giornalmente l’occupazione dei posti letto per degenti Covid all’Umberto I, quale il numero di degenti in attesa di un posto ed attualmente ospitati in situazioni precarie presso i Pronto soccorso e quali le destinazioni già individuate per i pazienti in attesa? Ricordiamo che questi dati sono stati formalmente richiesti da più parti e fino ad ieri mai resi noti.
  • Apprendiamo stamani che gradualmente le altre strutture provinciali saranno interessate per ulteriori aperture di 70 posti letto quando si dovrà ricoverare il paziente n° 61, non avremmo voluto che, dopo tutto questo tempo, fosse stata fatta una scelta non programmata che inevitabilmente avrebbe penalizzato ulteriormente l’Umberto I.

 

Altra sconosciuta è l’attivazione dei presidi di medicina territoriale nella ASP di Enna.

Con D.L. 9 marzo 2020 n° 14 venivano istituite delle Unità Speciali per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero (USCA). Tale D.L. veniva recepito dalla Regione Sicilia con nota prot. 16449 del 26/03/2020 e prevede per la provincia di Enna 3 Unità Speciali per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 (USCA).

L’ASP di Enna Il 15 aprile attiva due Unità Speciali per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19. Il compito delle Unità Speciali per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 (USCA) è quello di decongestionare l’afflusso in ospedale dei pazienti asintomatici o con sintomi respiratori lievi o sospetti COVID.

Inoltre, con una ordinanza del Presidente della Regione Sicilia n° 44 del 16 ottobre 2020 all’art.3 viene stabilita l’istituzione di una Unità Speciale per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 di pronto intervento in regime di guardia attiva (h24).

Sempre con lo spirito di rendere chiare le scelte operate da parte della nostra ASP si chiede:

  • Perché non sono state attivate tre Unità Speciali per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 (USCA).
  • Quale è il numero e la tipologia delle prestazioni eseguite dalle nostre Unità Speciali per la gestione domiciliare dei pazienti affetti da COVID-19 (USCA). Dati importantissimi per uno studio epidemiologico.
  • Quale è lo stato di attivazione dell’unità speciale di continuità assistenziale di pronto intervento in regime di guardia attiva (

Salvatore Barbera

Ti potrebbero interessare anche...

La crisi di governo si poteva evitare. Interroghiamoci su cosa si poteva fare

La crisi di governo si poteva evitare. Interroghiamoci su cosa si poteva fare

Tutti perplessi per la crisi di governo nessuno escluso. Ma tutto quanto a cui stiamo assistendo appare come una profezia auto...

Roma – Cosa prevede il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Recovery Fund)

Roma – Cosa prevede il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Recovery Fund)

La bozza del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, #Next Generation Italia, un testo di 171 pagine, è stata consegnata...

Il Covid a colori per non capirci più niente in Italia e in Sicilia

Il Covid a colori per non capirci più niente in Italia e in Sicilia

  Siamo sempre più sconcertati di questa Italia a colori. Fino a quando i colori erano tre, bianco rosso e verde,...

Più collaborazione, più solidarietà, più corresponsabilità

Più collaborazione, più solidarietà, più corresponsabilità

Mai come l’anno trascorso ci siamo trovati a vivere le nostre emozioni in modo così contrastante. La pandemia è riuscita...