DEDALOMULTIMEDIA
07-03-21

Lions Club Service

  •  

    Il corretto, prudente e saggio stile di guida deve essere osservato da tutti, perché evita drammi e tragedie nei confronti lions ennapropri e dei terzi incolpevoli. E questo stile deve essere ancor più osservato dai giovani, in quanto prepara generazioni future di automobilisti esemplari e affidabili per una società sempre più complessa; una società che, per l’appunto, ha bisogno di sicurezza e assoluto rispetto delle regole di vita e dei propri simili.

    Questo fermo convincimento ha stimolato la Presidente del Lions Club di Enna, dott.ssa Mariella Santoro, a replicare, lo scorso 13 novembre, il service distrettuale “I giovani e la sicurezza stradale” presso l’Istituto Professionale “Federico II” di Enna, diretto dalla dott.ssa Giusy Gugliotta,.

    “IO SONO ONNIPOTENTE!”

    “Con questo inquietante e delirante proclama” - ha detto il Vice Ispettore della Polizia Stradale, dott. Maurizio Rizza - i giovani, sovente, si mettono al volante di un’auto. “E…dopo accade l’irreparabile!”.

    Subito nell’auditorium, colmo di studenti delle V classi, neo patentati o prossimi alla patente, si è arrestato il mormorio che, inevitabilmente, si manifesta nella fase iniziale o di assestamento di una riunione.

    <TOUCHE’> si dice in gergo schermistico.

    Ma andiamo con ordine.

    Dopo i saluti, la Presidente Santoro ha presentato i relatori: dott. Maurizio Rizza e il dott. Giovanni Mentastro, Vice Ispettori della Polizia Stradale, nonché il dott. Stefano Dell’Aera e la dott.ssa Laura Fiamingo, in rappresentanza dell’ASP.

    Dopo il preliminare intervento del dott. Dell’Aera volto ad esortare i giovani ad astenersi dall’assumere sostanze stupefacenti che, oltre a essere rovinosi per la salute di per sé, si rivelano addirittura devastanti in condizioni di guida.

    Il dott. Rizza, riferendosi alla forte ed angosciante frase anzi riportata riportata, ha voluto rappresentare i corollari di questa; e l’ha fatto con dei significativi video, proiettati dal suo collega Mentastro. Video che riportavano scioccanti testimonianze di giovani incidentati o che avevano perso cari affetti con assurde sciagure stradali.

    Il culmine del pathos si è raggiunto con la cruda, intensa e compassata testimonianza del Vice Ispettore Mangano che ha raccontato di un suo caro, giovane amico e collega, morto a causa di una motoretta, pochi giorni prima di sposarsi. “Ha avuto la sfortuna di trovarsi nel luogo sbagliato, nel momento sbagliato, di fronte alla persona sbagliata!” -ha chiosato-.

    Si è passati, subito dopo, alla sperimentazione di un simbolico tratto stradale, da percorrere in virtuali condizioni di eccesso etilico o dopo avere assunto sostanze stupefacenti. Tale sperimentazione, proposta dalla rappresentante dell’ASP, Laura Fiamingo, con l’ausilio di un “tappeto esperienziale” e di particolari tipi di occhiali, ha registrato una nutrita partecipazione di studenti.

    Se da un lato questo segmento è risultato molto coinvolgente per le imbarazzanti e, a volte, bizzarre situazioni di difficoltà dei partecipanti (si è cimentato anche qualche docente), dall’altro lato traspariva netto e grave il segno rivelatore dei drammi e delle tragedie che queste situazioni potenzialmente rappresentavano. Prova di ciò è stata la sequenza delle sensazioni raccontate dai partecipanti, intervistati dalla dott.sa Fiamingo: confusione, insicurezza, smarrimento, paura; queste le percezioni più ricorrenti.

    Ogni commento sarebbe un di più!

    Ma non può sottacersi il sincero e spontaneo ringraziamento dei ragazzi per essere stati partecipi di un evento di grande spessore educativo, ricco di tanti valori esistenziali, che si possono ricondurre in queste componenti: prudenza, umiltà, rispetto delle regole e del prossimo.

    La Presidente Santoro, nell’accomiatarsi, ha voluto rivolgere un sentito ringraziamento a tutti: Studenti, Relatori, Dirigente Scolastico e Docenti.

    Ma un grazie, semplice e autentico, va sicuramente rivolto a lei stessa, per avere voluto replicare un service veramente di grande caratura civica.

    E’ giusto: REPETITA IUVANT.

    Anche questo è vero lionismo!

     

    Enzo Vicari

    Segretario del Lions Club  Enna

     

     

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

  • La diversità non è un limite, ma una risorsa!

    E’ questo il concetto che già nelle scuole primarie deve essere spiegato ai bambini.kairos

    In fondo, ognuno di noi ha una propria specificità che ci porta ad essere “diverso” dagli altri.

    Facendo leva su questa riflessione, diventa agevole fare passare l’idea che non esistono persone normodotate e persone meno dotate; e diventa, così, realizzare, già e soprattutto nell’ambiente scolastico, un compiuto processo di integrazione. E ancora: sempre più forte sarà la convinzione che la diversità è semplicemente una preziosa risorsa, una speciale opportunità, un importante mezzo per migliorare la nostra società.

    E’ il momento opportuno (Kairòs -καιρός- nell’antichità greca) di rimboccarsi le mani già dalle scuole primarie e realizzare, per l’appunto, il progetto Kairòs, affinchè i bambini mettano a disposizione le proprie risorse interiori e con tenera spontaneità realizzino la piena integrazione fra di loro.

    Questo progetto ha toccato molto la sensibilità della dott.ssa Maria Roberta Santoro, Presidente del Lions Club di Enna; e con la forza e la convinzione di chi crede negli autentici valori umani e, quindi, negli scopi e principi dei Lions, ha voluto realizzare questo PROGETTO, nell’ambito del service distrettuale “Abbattiamo le differenze”.

    Lo ha fatto lo scorso 3 dicembre, consegnando ai bambini della scuola primaria F.P. Neglia di Enna Bassa, 94 copie del libro “Alla ricerca di Abilian” - una favola in cui un simpatico panda, con l’aiuto di tante altre specie di animali riesce trovare ABILIAN, il fantastico “luogo del cuore” dove tutti sono abili-.

    Ha consegnato anche 5 manuali dedicati, sempre in tema, alle insegnanti.

    Materiale tutto acquisito dal Distretto 108 Ta1.

    Nel salutare e ringraziare il dirigente scolastico, dott.ssa Marinella Adamo, e la maestra Valeria Petralia, responsabile del progetto, la Presidente ha voluto rivolgere un sentito “arrivederci” ai numerosi bambini e alla folta rappresentanza delle insegnanti; tutto ciò, all’insegna del motto: “Abbattiamo i pregiudizi con la forza delle nostre risorse interiori e la consapevolezza che la diversità non è mai un limite ma un inestimabile valore umano!”

             Il segretario Lions Club Enna       Enzo Vicari

     

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.