DEDALOMULTIMEDIA
07-07-20

dunarea de jos 2020

Enna

  • Sarà un comune momento di narrazione sulla shoah la manifestazione che si svolgerà il 27 gennaio 2020, Giorno della Memoria shoahpresso il Teatro Comunale Garibaldi con il patrocinio del Comune di Enna. All’iniziativa celebrativa contribuiranno, secondo l’allegato programma, gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado del Capoluogo e dell’Università Kore, anche con la realizzazione di un video, da diffondere nelle scuole della Provincia quale ulteriore segno tangibile da consegnare e preservare alla presente efutura memoria delle nuove generazioni per non dimenticare…

    Un inno corale del mondo della scuola insieme alle istituzioni,messo in scena dai ragazzi, contro la violenza e l’odio razzista in nome di quei valori di cui la Scuola si fa ogni giorno promotrice quali la libertà, la pace, la non violenza e l’amicizia tra i popoli e le culture declinato attraverso svariate connotazioni artistiche e culturali, per riflettere e ragionare, sui crimini che hanno sconvolto l’umanità nel secolo scorso.

  •  

    Livia Pomodoro si è presentata a Enna per ritirare il Premio per l’Europa “Federico II” il 7 ottobre scorso al teatro Premio Federico II 2019Garibaldi di Enna; la giurista presidente emerito del Tribunale di Milano, donna dalla fervente fede europeista e “una delle menti più brillanti della nostra Repubblica”, ha subito lanciato un invito a Cettina Rosso, presidente della Casa d’Europa e ideatrice della Settimana europea federiciana: far incontrare il cuore della cultura ennese con il cuore della cultura milanese. E così l’ha personalmente invitata all’Accademia di Belle arti di Brera, a Milano, fucina di talenti e storica avanguardia culturale per tutta Europa.

    Intanto nasce il Comitato d’onore del Premio “Federico II” che comprenderà personalità del mondo culturale, politico e istituzionale con i premiati membri di diritto. Questo nuovo organismo affiancherà il Comitato scientifico del premio internazionale, attualmente presieduto dal rettore Puglisi.

    La macchina organizzativa della Settimana europea federiciana, insomma, non conosce sosta. Nei giorni scorsi è intanto partito il bando per il Premio Europa "Edoardo Fontanazza 2020", rivolto agli studenti del primo e secondo ciclo di istruzione del territorio ennese e la cui premiazione si terrà il prossimo 9 maggio, Festa dell’Europa, al teatro Garibaldi di Enna. Il concorso, voluto e organizzato dalla Casa d’Europa per la Settimana europea federiciana, in collaborazione con il Centro studi “Federico II di Svevia” di Enna ha per tema “Unità nella diversità. Il faticoso cammino dei Diritti, dalle Costituzioni di Melfi di Federico II alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea”.

    Quest’anno nell’ambito del Premio Europa è stato istituito il Premio speciale “Rocco Lombardo”, in onore dello storico dell’arte e appassionato federiciano (sempre in prima fila tra i promotori della stessa Settimana federiciana ennese): il premio andrà allo studente o al gruppo di studenti che si è particolarmente distinto per meriti di approfondimento nell’ambito della ricerca storica federiciana.

  • Disoccupazione, mancato sviluppo ed emigrazione sono i tre fenomeni che marcano una indiscussa presenza sul territorio ennese puglisie che intrecciandosi propongono una singola versione: povertà. Dal canto loro Regione, Province e Comuni che per vari decenni, nel bene e nel male, hanno accompagnato e sostenuto la vita interna della Sicilia oggi si ritrovano senza strumenti per affrontare la grave crisi economica e il taglio di risorse operato dal governo nazionale. Insomma un decadimento economico e sociale del territorio che non si arresta. Una risposta per tentare di invertire la rotta, in particolare nel terzo settore, potrebbe essere data, a parere di Salvatore Puglisi esperto di associazionismo nel settore imprenditoriale, solo da una "maggiore collaborazione tra gli operatori e le Istituzioni locali". A tale riguardo è stato già costituito un contratto di Rete tra professionisti per offrire consulenza alle imprese e ai comuni. Un passaggio che potrebbe "riuscire a trasformare un momento di crisi in un'opportunità".

    In questa la fase recitano un ruolo primario e strategico i sindaci ai quali Puglisi ha chiesto un incontro "operativo per elaborare una progettazione di sviluppo locale".

    "Noi – continua Puglisi - siamo consapevoli delle quotidiane difficoltà che i sindaci sono costretti ad affrontare essendo stati lasciati soli dalle istituzioni centrali."

    L'ultimo rapporto di Unioncamere sulla situazione economica del territorio siciliano,e principalmente dell'entroterra (Enna e Caltanissetta), evidenzia una profonda crisi che non lascia intravedere ancora alcun segno di ripresa. "Alle imprese che hanno chiuso corrisponde un drastico calo dell'occupazione con impoverimento del territorio. Testimoni del devastante fenomeno i tassi di disoccupazione e di inoccupazione che registrano valori sempre superiori alla media nazionale." Ma il "tratto più sconfortante è rappresentato dal radicarsi di un'economia per cosi dire arcaica quasi totalmente chiusa all'innovazione tecnologica, completamente estranea ai processi di internazionalizzazione"

    Puglisi ritiene che il mondo dell'imprenditoria privata in Sicilia sia fortemente "penalizzata dalla scarsa possibilità di accesso al credito."

    Ma non basta perchè di sicuro le infrastrutture non sono adeguate a sostenere le imprese nella ricerca di competività. "Viviamo una marginalità geoeconomica provinciale davvero frustrante con vie di comunicazioni interne da terzo mondo". A questo va aggiunto la quasi cronica incapacità di "aggredire i fondi comunitari che compromette la speranza di ripresa".

    Questi sono i motivi che hanno determinato la nascita di una Rete di tecnici esperti per aiutare nel concreto imprese e amministrazioni comunali. Un tavolo quindi per "elaborare – conclude Puglisi - strategie d'intervento volte alla promozione e allo sviluppo del nostro territorio avendo attenzione delle vocazioni interne. Con la Rete di esperti intendiamo sostenere e affiancare le imprese che rappresentano l'asse portante dell'economia".

    Paolo Di Marco

  •  

    Healing Touch e Yoga, le terapie complementari arrivano nel reparto di Oncologia all’Umberto I di Enna per affrontare la dura santangelobattaglia contro il tumore.  Per un male che fa davvero male, anche durante il trattamento terapeutico, carezzare pelle e cuore dell’ammalato è necessario. Ritrovare momenti di benessere durante la battaglia più cruenta della propria vita, è questo che propone il progetto «Healing Touch e Yoga. Dalla cura della malattia alla cura del malato», concepita dal dirigente dell’unità operativa di Oncologia del nosocomio ennese Carlo Santangelo con l’ausilio di Monia Bruno, Tiziana Galofaro e Valentina D’Angelo le quali presteranno professionalità e tempo all’iniziativa, e sostenuto, come ha confermato il direttore Giuseppe Cuccì, dal Dipartimento di Salute Mentale.  «Il progetto – spiega Santangelo - vuole essere un approccio nuovo alla relazione con i pazienti, un’attenzione particolare alla loro vita, al loro sentire». Riconnettersi con la vita quando sembra che qualcuno te la stia rubando, riappropriarsi del proprio esistere creando un nuovo equilibrio tra mente e corpo, è questo l’intento dell’innovativa proposta, rara in Sicilia. L’Healing Touch e lo Yoga sono ottimi alleati delle terapie convenzionali (chirurgia, chemioterapia, radioterapia). Il malato oncologico deve in molti casi convivere con un corpo offeso che fatica a riconoscere, si mette allo specchio e scopre cicatrici, menomazioni. Si guarda ma non si vede più. Diventa estraneo a sé stesso. Consapevole che il male dell’animo è altrettanto doloroso come quello del corpo, l’apprezzato e rigoroso oncologo Santangelo ha rinnovato il progetto «Benessere in Oncologia», suggerendo così ai pazienti, donne e uomini che frequentano il reparto, di partecipare gratuitamente alle attività pomeridiane per far pace con il proprio corpo. Il cancro si nutre delle nostre cellule, ma il cancro non si sostituisce a noi. L’Healing Touch, o più semplicemente «il tocco che cura», è una tecnica di riequilibrio energetico immediata e naturale che induce uno stato di rilassamento attraverso il contatto delle mani e si può praticare in qualunque postura si trovi il malato, riducendo gli effetti collaterali durante le terapie invasive. Il calore emanato dalle mani dell’operatore può ridurre i dolori fisici migliorando la qualità della vita del malato oncologico. Lo yoga, che in sanscrito significa «unione», viene praticato per alleviare lo stress e far riguadagnare mobilità al malato. Le sedute di yoga sono anche un momento di ritrovo e confronto, un momento per condividere paure e ansie naturali. Lo scopo dello yoga è restituire forza al fisico, lucidità e pace alla mente. Queste pratiche aiutano a congiungere mente e corpo realizzando un nuovo equilibrio. «Vorrei precisare - dichiara Santangelo, che ha messo a disposizione anche la sua stanza personale per le attività- che non esistono controindicazioni a queste forme di trattamento e chi le riceve o le pratica potrà trarne soltanto beneficio».

    Angela Montalto

  •  

    Nella mattinata del 18 ottobre 2019, si è concluso il ricco programma di appuntamenti promossi dalla Prefettura di giusi scaduto prefettoEnna, d’intesa con il Dipartimento regionale della Protezione Civile di Palermo, alla presenza dei vertici dei Comandanti provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco e dell’Ispettore Ripartimentale delle Foreste di Enna.

    Ad Aidone e a Centuripe era stato privilegiato il confronto con le Autonomie locali, mentre al Palatenda di Enna i protagonisti sono stati gli studenti delle scuole cittadine di ogni ordine e grado, accompagnati dai docenti e dai dirigenti scolastici, per la presentazione del progetto “Studiare da disaster manager” che verrà avviato nelle prossime settimane in tutte le scuole cittadine con la collaborazione del Dipartimento Ragionale di Protezione Civile, dell’Associazione Nazionale Disaster Manager e del Consiglio Nazionale dei Geologi.

    Rivolgendosi ai tantissimi studenti presenti, il Prefetto ha spiegato genesi e obiettivo dell’iniziativa. “Se è vero che voi, settimana protezione civilela vostra generazione mostra una grande attenzione per gli effetti dei cambiamenti climatici, il dovere di noi adulti è quello di mettere a vostra disposizione conoscenze ed esperienze, affinché possiate arricchirvene per conoscere e prevenire i rischi che caratterizzano il territorio. Se le calamità naturali non sono inevitabili, insieme possiamo fare molto per la riduzione dei rischi, grazie alla conoscenza e ai progressi della comunità scientifica. Il progetto – ha proseguito – non avvierà ad una specifica professione, bensì sarà un vero e proprio viaggio tra gli strati della terra per comprenderne struttura, dinamiche e relazioni con gli insediamenti urbani. A completamento del percorso formativo, si sperimenterà la macchina operativa che si mette in moto in caso di emergenza, con visite presso le sale operative delle principali componenti del sistema di protezione civile.”

    Alcuni contenuti del progetto formativo sono stati anticipati dal Geologo Carlo Cassaniti dell’Associazione Nazionale Disaster Manager, dal Dott. Giuseppe Basile, Dirigente del Centro Funzionale Decentrato – Idro, dall’Arch. Biagio Bellassai, Dirigente del Servizio Rischi Antropico e Ambientale, e dal Geologo Dott. Fabio Tortorici, Componente del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il comune denominatore di tutti gli interventi è stata la consapevolezza che “la protezione civile siamo noi e che la formazione permanente, sin dall’età scolare, é un obiettivo importante cui tutti dobbiamo tendere con il massimo impegno”, come ben sintetizzato nel logo del progetto, realizzato e donato dall’artista ennese, Lucio Vulturo.

  •  

    Telecamere nelle scuole dell'infanzia del comune capoluogo: questa la proposta dei gruppo consiliare della Lega. “ L’obbligo di cuci e savocainstallare telecamere - spiegano i consiglieri Savoca e Cuci - in tutte le aule delle scuole dell’infanzia e in tutte le strutture di assistenza e cura di anziani e disabili, è realta grazie a un emendamento della Lega al precedente decreto sblocca cantieri. Nello specifico, è prevista nello stato di previsione del ministero dell’Interno una dotazione di 5 milioni per il 2019 e 15 milioni per ciascuno degli anni dal 2020 al 2024 che serviranno ai Comuni per installare in ogni aula di ogni scuola per l’infanzia sistemi di videosorveglianza e apparecchiature finalizzate alla conservazione delle immagini. Altrettanti ne vengono stanziati per fornire gli stessi strumenti alle strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali per anziani e persone con disabilità, a carattere residenziale, semiresidenziale o diurno. Riteniamo che si tratti di una misura utile e importante per la tutela dei minori e delle persone più fragili. Ringraziamo l'assessore Colianni per aver accolto favorevolmente la nostra proposta e  rimaniamo in attesa che  l'amministrazione attivi l'iter per tradurla in fatti.”

  • L’Avo di Enna festeggia la sua XI Gionata Nazionale il 24 ottobre 2019. La mattina del 24, dalle ore 10.00 alle ore 12.00, XI giornata nazionale AVO 2019i numerosi volontari Avo saranno presenti presso l’Ospedale Umberto I di Enna con dei banchetti informativi per informare la popolazione sulle attività portate avanti dall’associazione e dare il via alle iscrizioni per il 31° Corso di Formazione per chiunque desideri diventare un volontario.

    Il pomeriggio, dalle ore 17.00, sempre presso l’Ospedale Umberto I nella Sala P. Farinato (piano terra), si terrà un incontro dal titolo “Avvicinarsi al Volontariato. Dubbi, paure, voglia di esserci”, dove i volontari racconteranno cosa significhi far parte della grande famiglia Avo e risponderanno a tutti i dubbi e le domande di chi vorrà entrare a farne parte.

    Per l’occasione, chiunque, potrà iscriversi al 31° Corso di Formazione per aspiranti volontari Avo.

    Il corso si terrà dal 31 ottobre 2019 al 13 dicembre 2019: gli incontri previsti, con cadenza bisettimanale, si svolgeranno dalle 16.00 alle 18.00 presso la Sala Congressi Dr. Armando Mingrino.

    “AVO Enna – afferma il Presidente dott.ssa Alice Amico - è pronta ad accogliere il sorriso di coloro che vorranno donarlo col cuore perché, così come affermava Patch Adams, quando curi una malattia puoi vincere o perdere. Quando ti prendi cura di una persona, vinci sempre”.

  •  

    L'odierno briefing del COC :

     

    SANITA': Il numero di positivi nella nostra città è salito a otto (8) di cui uno ricoverato in ospedale e i rimanenti sette in cocisolamento sanitario domiciliare.

    Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri, il numero complessivo è pari a ottantadue (82) così suddivisi:

    8 in pre-triage;

    55 ricoverati reparto Covid 1;

    18 ricoverati reparto Covid 2;

    8 ricoverati in rianimazione.

     

    ATTIVITA' DI CONTROLLO (POLIZIA MUNICIPALE):

    Nessuna persona deferita all'Autorità Giudiziaria.

    AUTODENUNCE: 0 

    PERSONE CONTROLLATE: 15  

    ESERCIZI COMMERCIALI CONTROLLATI: 12  

    AUTOVETTURE CONTROLLATE: 11  

     

    VOLONTARIATO:

    UNITA' IN SERVIZIO: 24

    NR. DI CHIAMATE ALLA CENTRALE OPERATIVA DEL COC:    80

    AUTODENUNCE:   3

    TAXI FARMACO:  3

    SPESA A DOMICILIO:   14

    DISBRIGO PRATICHE SANITARIE:  0

  •  

    "Domenica 24 novembre, il Ministro Luigi Di Maio sarà in provincia di Enna, farà tappa a Leonforte, comune colpito dalla di maio giarrizzorecente alluvione e a Valguarnera Caropepe. Proprio nell'Ennese, Di Maio, terminerà la tre giorni in Sicilia per fare un sopralluogo di numerosi comuni colpiti dal maltempo degli scorsi settembre e ottobre e per incontrare cittadini e attivisti del territorio". A darne notizia è il deputato del Movimento 5 Stelle Andrea Giarrizzo che appresa la volontà del Ministro Di Maio di raggiungere le popolazioni duramente colpite dal maltempo negli ultimi mesi, lo ha invitato a conoscere più da vicino anche la situazione nel territorio ennese. 

    "Non mancherà occasione per i cittadini di incontrare il Ministro Di Maio - conclude Giarrizzo. Domenica 24, alle ore 17, saremo a Leonforte per un sopralluogo al Canale Tagliata in via Capra. Il sindaco di Leonforte e una nostra portavoce al Consiglio comunale illustreranno i danni subiti a seguito dell'alluvione e le criticità presenti nel territorio. Alle 20.30 sarà il turno di Valguarnera, dove si terrà un incontro pubblico con i cittadini al Palazzo Sacrocuore, via Alighieri,31".

  •  

    Un vero e proprio terremoto politico in vista delle amministrative nel capoluogo previste per maggio o giugno. La Lega salvini siciliachiama a raccolta le forze di centro destra e sfida sia il sindaco uscente Maurizio Dipietro e che il candidato del centro sinistra.

    '' La Lega promuove la nascita di un tavolo di coalizione per un centrodestra unito, alternativo alle due sinistre rappresentate da una parte, dalla coalizione nascente attorno al Partito Democratico e dall'altra, dalla coalizione nata attorno a Italia Viva a sostegno del Sindaco uscente Maurizio Dipietro. L'obiettivo della Lega è quello di lavorare su un programma comune, contenente punti concreti, attuabili e aderenti alle tante esigenze della città, che ci porti compatti ad affrontare le prossime elezioni amministrative. Programma aperto anche alle esperienze civiche e alle altre realtà interessate alla costruzione di un’esperienza di governo all'insegna del buon senso. È stato così in tutte le ultime elezioni amministrative di Italia. Il nostro Paese ha dimostrato chiaramente qual è la direzione che ci chiede: avere un centrodestra al governo.  

    Ci auguriamo che il nostro appello venga accolto dalle altre forze politiche del centrodestra e da chi si riconosce nei suoi valori. La Lega c'è e ci sarà ''.

    Così Giuseppe Savoca commissario provinciale e Saverio Cuci commissario cittadino Lega Sicilia Per Salvini Premier.

  •  

    Imprese pronte a mobilitarsi in assenza di una soppressione del famigerato art. 4 del DL Fiscale che introduce pesanti aggravi ance ennaburocratici ed una pwerdita di liquidità per le imprese stimata in 250 milioni l'anno.

    " Una norma mostruosa che non serve a combattere i furbi ed i disonesti e invece penalizza tutte le imprese sane senza che lo stato abbia alcun vantaggio. - spiega Sabrina Burgarello Presidente Ance Enna - Si tratta della misura che prevede che, in tutti i casi in cui un committente (pubblico o privato) affidi ad un'impresa l'esecuzione di un'opera o di un servizio, il versamento delle ritenute fiscali per i lavoratori dipendenti impiegati nell'appalto venga effettuato, direttamente dal committente stesso, previo versamento da parte delle imprese della provvista necessaria. Quindi un'impresa che ancora non ha ricevuto il pagamento deve anticipare al committente le somme per pagare in sua vece le ritenute fiscali. Assurdo come assurdo è l'aver pensato che un comune possa gestire migliaia di situazioni con tempistiche tutte differenti senza mettere a rischio il pagamento vincolato per conto di ogni singola impresa. Il rischio è togliere risorse che servono a mantenere costante il pagamento dei lavoratori e dei fornitori in attesa del pagamento da parte del committente."

    La norma prevede un introito per lo stato di soli 127 milioni, che però Ance quantifica più prudentemente in 75 mioni, a fronte di oltre 250 milioni di nuovi costi per le imprese e di perdita di liquidità per un sistema che vanta ancora 8 miliardi di pagamenti in ritardo. Il rischio concreto è quello di una depressione delle attività che porterà alla morte di migliaia di imprese che rischiano di perdere il DURC per colpe dei committenti."

  •  

    Per sostenere gestanti, puerpere e coppie, il Dipartimento Materno Infantile ha avviato una serie di iniziative "a distanza" e, in operatriciparticolare, l'attivazione degli Incontri di Accompagnamento alla Nascita on line da parte dei Consultori, con una regia unitaria che consente alle donne di ciascun Comune di avere accesso alle stesse opportunità.

    Dopo aver espletato tutte le attività propedeutiche per testare la piattaforma aziendale, si sono svolti i primi incontri online con i diversi gruppi di gravide che hanno registrato notevole gradimento da parte dell'utenza, grazie al contributo degli operatori di tutte le professionalità presenti nelle varie sedi consultoriali dell'ASP (ostetrico, ginecologo, psicologo, infermiera pediatrica).

  •  

    “Apprendiamo con viva soddisfazione che la ristrutturazione della tribuna dell"autodromo si farà.  Questo consentirà la piena battagliariattivazione dell'impianto con la chiara possibilità di restituire al circuito un ruolo assolutamente centrale nel mondo del motorismo internazionale. Ognuno ha una propria visione delle cose e con il massimo rispetto per quella altrui, noi ribadiamo con forza la convinzione che  l'autodromo  abbia un suo futuro nonostante i tempi che cambiano. E fra l'altro convinzione per fortuna unanime, che la tribuna rappresenti uno spazio polivalente di grande rilievo, utile alla Città per grandi manifestazioni così come il recente passato dimostra.  Con la certezza che l'opera possa riacquisire la propria funzione,  assicuriamo chi nutre ancora dubbi , che la programmazione potrà finalmente avere quel respiro che in mancanza di quest'ultimo passaggio purtroppo mancherebbe.”

    Così il Delegato Provinciale AciSport e Presidente ACI Enna Alessandro Battaglia e il Delegato Regionale AciSport e Componente Giunta ACI Italia , Armando Battaglia

  •  

    Da anni siamo costretti a percorrere strade vergognose, una delle più disastrate è la Agira-Gagliano che viene agira gaglianodefraudata dal finanziamento per chiudere l'annosa vicenda del ponte in variante.

    L'amarezza è conseguente alla delibera della Giunta regionale n. 402 che nel riprogrammare gli interventi del cosiddetto  patto per la Sicilia ha cancellato il finanziamento per la variante della SP 22 Agira-Gagliano.

    "Al di là del singolo fatto è evidente che questa provincia non ha voce nei tavoli decisionali e i suoi interessi, le sue esigenze, sono ignorate e messe in secondo piano rispetto a quelle di altri territori elettoralmente più di interesse per chi decide."

    "Occorre a questo punto che insieme ai sindacati dei lavoratori, ai sindaci ed a tutta la filiera ci si mobiliti per far comprendere che non è possibile lasciare a se stessa un'area intera che da oltre 20 anni non vede investimenti pubblici degni di questo nome."

    Così Sabrina Burgarello, presidente dell'Associazione Nazionale Costruttori Ennesi.

  •  

    Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Enna ha predisposto per la settimana appena trascorsa un piano carabinieri controllostraordinario per il controllo del territorio, che ha previsto, oltre ai servizi di pattuglia dei reparti territoriali della provincia, anche l’impiego di unità di rinforzo dei militari della Compagnia di Intervento Operativo (C.I.O.) del 12° Reggimento CC “Sicilia” con sede a Palermo. Si tratta di un reparto in grado di raggiungere qualsiasi località ed essere operativi in breve tempo, rafforzando l’azione di controllo del territorio delle Stazioni. Di fatto una risorsa strategica, specializzata nei pattugliamenti, posti di blocco, rastrellamenti, assicurando supporto agli organi investigativi nel corso di maxi-operazioni contro la criminalità. Tali reparti contribuiscono ad alimentare la “Forza di pronto impiego” del Ministero dell’Interno per lo svolgimento di operazioni straordinarie di contrasto alla criminalità diffusa, infiltrazione terroristica e dell’immigrazione clandestina.

    Nello specifico il territorio di Piazza Armerina è stato oggetto di mirati servizi di controllo straordinario svolti dall’Arma dei Carabinieri, finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dei reati. Tale attività ha riguardato le aree ritenute più a rischio, in particolare nei territori di Barrafranca e Pietraperzia, oltre che la città dei mosaici.

    I risultati conseguiti sono stati i seguenti: 175 automezzi e 210 persone controllate, 21 gli esercizi pubblici ispezionati, 18 le contravvenzioni al C.d.S. elevate, 71 le persone controllate poiché sottoposte agli obblighi di legge.

    A Piazza Armerina i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile Congiuntamente a personale della C.I.O. del 12° Reggimento “Sicilia”, nel corso dei controlli del territorio nella zona interessata dalla movida, hanno denunciato all’A.G. di Enna un giovane, poiché a seguito di perquisizione veicolare e personale veniva trovato in possesso di un coltello - successivamente sequestrato - senza giustificato motivo.

    Invece a Barrafranca i carabinieri nell’ambito di mirati controlli antidroga, hanno fermato un’automobile con a bordo un 29enne del posto. Insospettiti dall’atteggiamento nervoso del ragazzo, i militari hanno proceduto ad una perquisizione veicolare e personale, che ha consentito di trovare, all’interno di un contenitore di tabacco, circa 1,30 gr. di marjuana. Il giovane, pertanto, è stato segnalato al Prefetto di Enna per uso personale di sostanze stupefacenti, con conseguente ritiro della patente di guida.

  •  

    Si svolgerà il prossimo 3 dicembre presso un noto locale di Pergusa alle 18,30 la cerimonia di consegna, organizzata dalla conidelegazione provinciale CONI di Enna in collaborazione con il Panathlon Club di Enna e la Delegazione Provinciale del Comitato Paralimpico di Enna,  delle onorificenze sportive e dei riconoscimenti sportivi a società e atleti che si sono particolarmente distinti durante la stagione.

    Le onorificenze sportive, assegnate dal CONI nazionale, che quest'anno verranno consegnate sono:

    Giovanni Sacco Stella di Bronzo al Merito Sportivo - Dirigenti per lo Sci Nautico e Canoa

    Salvatore Palillo Palma di Bronzo al Merito Tecnico per lo Judo

    Oltre ai sopra citati, verranno consegnati i seguenti riconoscimenti:

    • Riconoscimento speciale all' Azienda Sanitaria Provinciale di Enna;

    Riconoscimenti sportivi:

    • Giacomo Pellegrino promessa del kart;

    • Giuseppe Emanuele Giarrizzo promessa del salto in lato;

    • Francesco Cravotta  nuoto paralimpico ;

    • Daniele Spagnolo e Martina Tirrito per il tennistavolo e Thomas Palillo per lo Judo, che hanno vinto la medaglia d'oro nell'ultima edizione del Trofeo CONI svoltosi a settembre a Crotone;

    • A.S.D. Mattroina di pallamano che ha partecipato con diverse atlete all'edizione di quest'anno dei Giochi delle Isole e del Trofeo CONI;

    • A.S.D. Futsal Regalbuto che partecipa al Campionato Nazionale di calcio a  5 maschile di serie A2.

    Inoltre, nella serata, verrà consegnato il premio Panathlon "Vito Cardaci" alla promessa ennese nell'equitazione Martina Biondo.

  •  

    100 tute  in Tyvek Dupont sono state donate all'Ospedale  Umberto I di Enna  dalla ditta Ecosys che opera nel campo Tute della bonificazione ambientale. La Confraternita SS. Passione di Enna, con il tramite del Comitato Pro Enna, ha donato sei saturimetri che consentono di individuare un'eventuale de-saturazione d'ossigeno.
    Il dott. Toni Pastro, che opera nel Pronto Soccorso di Enna, segnala anche la donazione di cinque pacchi di guanti in nitrile da parte del sign Alfonso Tamburella, capo reparto dei Vigili del Fuoco di Enna. 

    Tanti e continui gli atti di solidarietà per gli operatori sanitari che fronteggiano la diffusione del COVID19. Il Coordinatore dell'Unità di Crisi, Emanuele Cassarà, e il Direttore dell'Umberto I, Angela Maria Montalbano, a nome dell'intera Azienda, ringraziano i donatori e "quanti intendono donare nei molteplici modi a disposizione".

  • Nell’ultimo weekend, i Carabinieri della Compagnia di Piazza Armerina, coordinati dal Comando Provinciale di Enna,truffe on line 2 hanno posto in essere un articolato servizio di controllo nell’ambito del territorio di competenza con numerose pattuglie, finalizzato al contrasto di reati predatori, con particolare riguardo ai reati contro il patrimonio, al rispetto delle norme in materia di codice della strada, problematiche per le quali permane sempre molto alta l’attenzione dei militari dell’Arma.

    I risultati conseguiti sono stati i seguenti: 127 automezzi e 138 persone controllate, 31 gli esercizi pubblici ispezionati, 12 le contravvenzioni al C.d.S. elevate, 80 le persone sottoposte agli obblighi di legge controllate.

    In particolare a Piazza Armerina i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno denunciato all’A.G. di Enna un 32enne poiché, a seguito di perquisizione domiciliare per ricerca di sostanze stupefacenti, veniva accertato che l’immobile nel quale viveva era abusivamente allacciato alla rete elettrica ed idrica.

    A causa di un innalzamento di denunce nel settore delle truffe online, specificatamente nell’ambito del web shopping e dei falsi annunci di lavoro sui siti internet, i reparti dipendenti sono quotidianamente impegnati in attività di contrasto. Bisogna evidenziare tuttavia che alla fase delle indagini si associa un’opera di sensibilizzazione finalizzata a scongiurare che ignare vittime – attratte da prezzi concorrenziali tipici del mercato virtuale – cadano nelle mani di truffatori che coperti dallo strumento informatico riescono acquisire la fiducia di acquirenti e nei casi più rilevanti riservate informazioni bancarie.

    In particolare in questi giorni nel settore delle truffe informatiche i militari della Stazione di Piazza Armerina hanno deferito due pugliesi con precedenti di polizia specifici, poiché a seguito di annuncio su piattaforma commerciale “Ebay”, mettevano in vendita un’attrezzatura agricola, chiedendo prima della consegna un acconto ed inviando un documento d’identità, comprovante la loro buona fede, risultato successivamente falso. Il possibile acquirente, dopo aver inviato l’acconto, perdeva le tracce dei due inserzionisti. In un secondo caso, gli stessi carabinieri di Piazza Armerina hanno segnalato alla Procura della Repubblica di Enna un cittadino nato a Milano, ma residente in Sardegna, poiché attraverso la pubblicazione di un falso annuncio di lavoro presso un famoso Hotel ubicato in Svizzera, chiedeva al malcapitato cittadino l’invio dei documenti richiesti e di un bonifico per varie centinaia di euro.

  •  

    La Cisl Agrigento, Caltanissetta, Enna organizza un incontro sul tema dal titolo "Aree interne, zavorre o risorse ? Politiche di sviluppo Cisl LOCANDINA e infrastrutture sociali". L'iniziativa si svolgerà il 6 novembre a Enna presso i locali dell'Istituto superiore Abramo Lincoln di Enna con inizio fissato per le 9,30.

    La relazione intrroduttiva sarà curata dal segretario generale UST Cisl Ag-Cl-En Emanuale Gallo e dai componenti la segreteria territoriale Carmela Petralia ed Emanuale Piranio.

    Il confronto sarà alimentato dagli interventi del Vice Presidente della Regione Gaetano Armao, dal Vice Presidente Anci Sicilia Paolo Amenta, dal Prof. di Economia applicata all'Unikore di Enna Vincenzo Fasone e dal Vicario foraneo di Enna Don GIuseppe Fausciana.

    Il Sindaco di Centuripe Elio Galvagno e quello di Lucca Sicula Salvatore Dazzo parleranno dell'esperienza dei loro comuni che sono inseriti nelle aree-progetto SNAI per l’attuazione della Strategia Nazionale Aree Interne. Modererà il dibattito il giornalista Paolo Di Marco. I lavori saranno conclusi dall'intervento del segretario generale Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio.

  • Gli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Enna, Agrigento, Barcellona Pozzo di Gotto, Caltagirone, Caltanissetta,odec Gela, Marsala, Messina, Patti, Ragusa, Siracusa e Trapani, in collaborazione con ODP Servizi, organizzano un Seminario gratuito articolato su due giornate.

    Gli eventi si svolgeranno presso l'Agriturismo GIGLIOTTO di Piazza Armerina.

    I temi trattati saranno: “Manovra Economica 2020 – Le novità” - Relatore Antonio Gigliotti – Direttore di FISCAL FOCUS ; “Organizzazione e Gestione dello Studio con Mandato Professionale” - Relatori: Mario Cicoria e Paolo Amato – Commercialisti in Palermo, per il 14 febbraio.
    “Codice della Crisi d'Impresa e dell'Insolvenza” - Relatore Nicolò Castello – Commercialista in Palermo; “Il ruolo del Commercialista nel nuovo Codice della Crisi d'Impresa e dell'insolvenza” - Relatore Francesca Gagliano – Commercialista in Palermo, 15 Febbraio. "I temi trattati nelle due giornate - afferma il Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Enna Fabio Montesano – affronteranno le novità della manovra economica 2020 nonchè informazioni essenziali sui nuovi strumenti della nuova “cultura dell’impresa”, di interesse dei professionisti che, in veste di consulenti delle imprese, presteranno la loro preziosa opera con il compito di assistere l’imprenditore nelle procedure di composizione della crisi”.

    La partecipazione è libera e gratuita.