DEDALOMULTIMEDIA
05-08-20

dunarea de jos 2020

Enna

  •  

    Si terrà il 27 novembre ’19 dalle ore 8.30 nei locali della sala Cerere del comune di Enna – palazzo Chiaramonte- il convegnoconvegno inail INAIL “Dalla parte di chi si prende cura: il care-giver”, in collaborazione con l’università Kore, ha ottenuto il patrocinio del comune di Enna e dell’ASP EN. Dopo i saluti delle autorità, tra i relatori, oltre che professionisti di rilievo della sede INAIL di Enna, sarà presente il prof. G. Presti – professore associato di Psicologia, Università degli Studi Kore di Enna e l’avv. F. Alba - patrocinante in cassazione del libero Foro di Catania. Proprio L’esperienza maturata con il Progetto “New man, new life” - ideato e coordinato dalla dr.ssa Irene Varveri, funzionario socio educativo della sede INAIL di Enna - e frutto della collaborazione tra INAIL, attori professionisti e cinque comuni della provincia, per infortunati sul lavoro e familiari, ha contribuito a far crescere la consapevolezza dell’importanza della funzione del caregiver e della necessità che tale ruolo venga riconosciuto e valorizzato. Il caregiver, figura che il più delle volte coincide con il familiare che si prende cura del malato inguaribile o con invalidità permanente, svolge un ruolo di grande valore sociale, umano e anche economico. Sono, tuttavia, ben noti i danni alla salute e al benessere psicologico che egli può subire, nonché le gravi limitazioni alla sua vita sociale. Questo convegno, aperto al pubblico ed accreditato per la formazione professionale continua all’ordine degli Avvocati e all’ordine Assistenti Sociali, vuole dare un contributo alla definizione della figura del caregiver ed alle modalità di tutela ma vuole anche informare e stimolare il dibattito.

  •  

    I sindacati degli inquilini SUNIA CGIL, SICET CISL e UNIAT UIL e il sindacato dei proprietari UPPI hanno promosso nei giorni Sindacati inquiliniscorsi, una serie di incontri in videoconferenza al fine di ricercare possibili soluzioni per arginare il dilagare della fuga degli studenti e dei lavoratori dalla nostra città.

    Numerose sono, infatti, le pressanti richieste di consulenza da parte di proprietari e inquilini su come gestire le istanze di quanti a seguito dell’applicazione delle misure di restrizione della mobilità imposte dai recenti DPCM sono rientrati o rientreranno a breve presso le rispettive località di residenza.

    L’emergenza dovuta alla pandemia, evento imprevedibile, apre nuovi scenari ai quali nessuno era preparato, che obbliga tutti, e in primis la Politica e le Istituzioni insieme ai rappresentanti delle parti sociali, a dare risposte, con misure eccezionali ad un evento che sta mettendo a dura prova la tenuta sociale ed economica del nostro Paese.

    In attesa delle misure che il governo centrale porrà in essere nei prossimi giorni, i segretari di SUNIA SICET e UNIAT Giovanna D’Alia, Angelo Assennato e Mario La Rosa, insieme al Presidente UPPI Luigi Scavuzzo hanno ipotizzato una serie possibili soluzioni utili al superamento di questa fase di crisi in aiuto dei proprietari e a tutela dei conduttori,

    tra cui;

    • la mediazione fra locatori e conduttori, tramite un accordo sottoscritto fra le parti ( previsto peraltro dall’art. 2702 del Codice Civile) nel quale il locatore può concedere un abbattimento del canone di locazione per tutto il periodo di applicazione delle restrizioni pandemiche, la rimodulazione del canone verrebbe asseverata e siglata, come per l’applicazione degli accordo territoriali, da una o più sigle sindacali e trasmessa all’Agenzia della Entrate quale appendice temporanea al contratto principale.

    • la detassazione, temporanea, dei canoni non percepiti sino a risanamento degli arretrati da estendere anche ai contratti commerciali;

    • abbattimento dell’aliquota di cedolare secca al 5% per tutto il 2020;

    • estensione dell’applicabilità della Cedolare Secca su tutti i Comuni del territorio nazionale,

    (misura già adottata in caso di calamità naturali).

  • Al fine di rafforzare la presenza sul territorio dell’Arma dei Carabinieri, il Comandante della Legione CC Sicilia, Generale allievi carabinieriCataldo, ha destinato anche al Comando Provinciale dei Carabinieri di Enna diversi militari provenienti dalle Scuole Allievi, al termine del previsto periodo di formazione.

    In questi giorni i carabinieri hanno raggiunto le nuove rispettive sedi e sono stati ricevuti dal Comandante Provinciale Colonnello Saverio Lombardi. Nella circostanza, alla presenza dei rispettivi Comandanti di Compagnia, hanno ricevuto le prime necessarie informazioni sulle peculiarità del contesto ambientale nell’ambito del quale saranno chiamati ad operare sin dalle nelle prossime ore, nonché indicazioni sulla necessità di assicurare la giusta prontezza e professionalità al cittadino che si rivolge all’Arma.

    In particolare sono otto le unità trasferite rispettivamente presso le Stazioni di Barrafranca, Pietraperzia, Regalbuto, Catenanuova, Villarosa, Assoro e Agira, ciò al fine di rafforzare determinate aree della provincia particolarmente impegnative sotto il profilo operativo.

  •  

     

    "Ieri pomeriggio, insieme ai sindaci dei Comuni tristemente colpiti dalle alluvioni del 2018, alla Protezione Civile e ad altri portavoce giarrizzo2del Movimento 5 Stelle, abbiamo parlato degli interventi attesi a seguito dell'anomala ondata di maltempo che colpì tantissimi comuni della nostra Isola, l'anno scorso. Tra questi anche Aidone, Cerami, Troina, Agira, Piazza Armerina, Barrafranca e Catenanuova in provincia di Enna". Lo comunica il deputato del Movimento 5 Stelle Andrea Giarrizzo.

    "Non solo gli interventi previsti per le popolazioni, - continua il deputato - ma anche quelli rivolti ai settori agricoli e commerciali, al ripristino delle infrastrutture e dei servizi. Ovviamente, si è discusso di prevenzione e manutenzione, nonché dell'attivazione degli appositi fondi e risorse necessari per fronteggiare la gravità dei danni provocati". 

    E va avanti: "Ci incontreremo nuovamente entro massimo 60 giorni per fare il punto, soprattutto con i rappresentanti dei liberi consorzi. Inoltre, entro il mese di novembre, dovrebbe essere stilata la Graduatoria Unica Regionale che terrà conto di tutti i danni registrati dalle attività non agricole, a seguito delle alluvioni. Aggiungo che sono sorpreso della scarsa partecipazione all'incontro di ieri delle amministrazioni dei comuni dell'Ennese e mi auguro maggiore partecipazione nei prossimi incontri". 

    "Ricordo che grazie al Proteggi Italia, - conclude Giarrizzo - abbiamo messo in piedi il più grande piano contro il dissesto del territorio mai fatto, con ben 11 miliardi di euro per interventi contro il dissesto idrogeologico nel triennio 2019-2021, oltre ai 3 miliardi di euro nel triennio per l'emergenza delle 17 regioni colpite dal maltempo nell'autunno scorso".

  •  

     

    Venerdì 27 Settembre anche per l’istituto Lincoln di Ennaè scattata l'ora della terzo Global strike for future, lo sciopero mondiale per il lincolnclima nato dalla protesta pacifica della studentessa svedese Greta Thunberg contro lo scarso impegno della politica sui cambiamenti climatici. Quella degli alunni del Lincoln , come ha ricordato il D.S. Prof. A. Di Dio nel complimentarsi con i suoi alunni, è stata una costruttiva e sensibile manifestazione che ha registrato momenti altamente formativi oltre che attivi. Dopo l’ incontro conoscitivo in Auditorium con l’ esperto delle politiche ambientali , gli allievi, già muniti degli attrezzi necessari e di grande entusiasmo, hanno pulito il cortile antistante l’ ingresso della scuola e il parco dando un segnale non solo simbolico ma anche concreto. Questa è solo una delle tante iniziative green a cui l’ Istituto ha aderito ma, grazie anche agli spazi di cui dispone, non resterà isolata.

    Alda Luana Di Dio

  • Approvate ieri in consiglio comunale la Rendicontazione dell’esercizio finanziario 2018 e le variazioni di bilancio. municipio enna

    Tutto è andato secondo le previsioni, con la maggioranza che ha votato compatta, ai quali si è aggiunto anche il voto dei consiglieri della Lega. A votare contro i consiglieri di Pd, Movimento 5 Stelle e Patto per Enna. Tra questi ultimi hanno però votato solamente i capigruppo per consentire l’approvazione.

    Con tale atto da ieri sono stati stabilizzati i 92 lavoratori ASU, d’ora in avanti dipendenti comunali a tutti gli effetti.

    Approvato anche l'emendamento che destina i fondi per i lavori di rifacimento della copertura dell'autodromo di Pergusa.

  • Continua l’attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti da parte della Polizia di Stato. Salgono a 5, infatti, gli arresti delle ultime settimane per reati connessi al traffico di sostanze stupefacenti in provincia di Enna. Nei fine settimana, particolarmente, viene intensificato lo specifico controllo del territorio, anche nelle arterie viarie principali e secondarie che permettono l’ingresso in provincia di Enna.

    A tal riguardo, gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Enna e del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, nel corso del week-end appena trascorso, hanno tratto in arresto P.G., ennese, trentanovenne, pregiudicato, per aver trasportato quasi 600 grammi di hashish. hashish

    L’uomo, infatti, è stato notato in autostrada alla guida di un’autovettura (verosimilmente) proveniente da Palermo. I suoi precedenti penali facevano presumere che potesse trasportare droga e per tale motivo l’automezzo veniva seguito e successivamente bloccato all’uscita dello svincolo di Enna dell’A/19.

    P.G., che risultava privo di patente di guida, non sapeva giustificare in alcun modo la condotta contraria al Codice della Strada e non forniva alcuna valida motivazione o giustificazione rispetto alla provenienza dal capoluogo regionale.

    Gli Agenti, pertanto, decidevano di approfondire la verifica e, durante l’accurata ispezione del veicolo, notavano il sedile anteriore del passeggero con delle leggere “sbavature di colla”. Ampliando ulteriormente il controllo, veniva accertato che il conducente aveva modificato tale sedile, ricavandone un vano, all’interno del quale era stata celata la droga. Il corriere, dalle modalità oggettive accertate dagli investigatori, parrebbe certamente aver maturato una discreta esperienza in tale condotta illecita, poiché - dopo aver occultato la droga - ha richiuso il sedile utilizzando della colla a caldo.

    L’abilità degli uomini della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. Piazza Armerina ha però permesso di rinvenire, all’interno del sedile modificato, due panetti di hashish per un peso complessivo di quasi 600 grammi, sostanza stupefacente che avrebbe consentito agli spacciatori di ricavare circa 6.000 euro.

    Il soggetto, concluse le minuziose perquisizioni personale e domiciliare, veniva accompagnato presso gli Uffici di Polizia, dove il Personale della Polizia Scientifica ha proceduto agli accertamenti sull’identità personale. Al termine delle attività di polizia giudiziaria e dopo le formalità di rito, è stato tratto in arresto e posto a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna per gli ulteriori adempimenti procedurali.

    La droga, opportunamente sequestrata, è stata analizzata dai tecnici dello stesso Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, sostanza stupefacente che – come disposto dalla magistratura – verrà distrutta secondo i rituali protocolli.

    L’attività della Polizia di Stato di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti continua per reprimere le condotte illecite e per tutelare la salute degli eventuali giovani consumatori.

  • Nella mattinata odierna hanno preso servizio alla Questura di Enna i neo Commissari della Polizia di Stato dott. Francesco COPPOLA e Dott. Giovanni MARINETTI, entrambi provenienti dalla Scuola Superiore di Polizia di Roma. Commissari MARINETTI COPPOLA

    Gli stessi sono stati ricevuti dal Questore, dr. Corrado BASILE, alla presenza del Vicario del Questore, dr. Riccardo CACCIANINI, e del Capo di Gabinetto, dr. Giuseppe ANZALONE.

    Ai funzionari è stato riservato un caloroso benvenuto in Questura che, in tal modo, si arricchisce di giovani professionisti della sicurezza da subito posti al servizio di questa comunità.

    Il dott. Francesco COPPOLA, originario della provincia di Trapani, 32 anni, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Palermo. Il dott. Giovanni MARINETTI, originario della provincia di Caltanissetta, 29 anni, ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bologna. Nel settembre 2018, dopo aver superato il concorso esterno per Commissari della Polizia di Stato, entrambi i funzionari hanno iniziato il corso di formazione presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma, durante il quale hanno anche conseguito il Master di II livello in Scienze della Sicurezza presso l’Università “Sapienza”.

    I nuovi Commissari svolgeranno un tirocinio operativo della durata di sei mesi, che prevede una rotazione formativa in tutte le articolazioni interne della Questura, oltre alla partecipazione degli stessi a servizi di vario genere. Al termine di tale periodo, assumendo la qualifica di Commissario Capo, il dott. Coppola ed il Dott. Marinetti riceveranno dal Questore gli incarichi definitivi.

  • L’Azienda Sanitaria Provinciale, tenuto conto dei recenti aggiornamenti Ministeriali e Assessoriali circa le misure da adottare per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19, a parziale modifica della precedente comunicazione, informa che da lunedì 23 marzo, presso tutti gli ambulatori della ASP di Enna, sia territoriali che ospedalieri, saranno assicurate le prestazioni urgenti (U) e brevi (B).

    Sono ripristinate, pertanto, le prestazioni ambulatoriali brevi (B), mentre restano ancora temporaneamente sospese le visite o prestazioni ambulatoriali differibili (D) e programmabili (P). I cittadini con prescrizione medica che non rientra tra le sopra citate sono ancora invitati a non recarsi presso gli ambulatori. Gli ambulatori specialistici, sia territoriali che ospedalieri, saranno aperti solo nella fascia oraria mattutina e resteranno chiusi nella fascia oraria pomeridiana. ospedale umberto i

    Le prestazioni di diagnostica strumentali urgenti e brevi saranno erogate esclusivamente nella fascia oraria mattutina.

    I Medici Specialisti possono essere contattati, per consulto telefonico, indicazioni e per altre esigenze improcrastinabili (Piani Terapeutici ecc...) per il tramite del Call Center (800.67.99.77 da numero fisso – 0935/520.810 da telefono cellulare – tutti i giorni dalle 8.15 alle 17.00) o della Segreteria Aziendale del CUP (0935/520.513 da qualunque telefono tutte le mattine dalle 8.15 alle 13.30 e nei pomeriggi di martedì e giovedì dalle 15.00 alle 17.30 o per e-mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), che forniranno il recapito telefonico fisso e mobile dello Specialista e il suo indirizzo e-mail da utilizzare per effettuare tutte le procedure che possono essere efficacemente concluse senza la presenza fisica dell’Assistito o del suo care-giver.

    Si ribadiscono, perché invariate, le disposizioni governative che vietano agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei Dipartimenti di Emergenza e Accettazione e dei Pronto Soccorso (DEA/PS).

    L’accesso dei parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungo degenza, Residenze Sanitarie Assistite (RSA), Hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, permane limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura.

    Si ribadisce, altresì, che chiunque sia appena rientrato, abbia sostato o abbia transitato in altra Regione deve comunicare tale circostanza al Comune, al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale nonché al proprio Medico di Medicina Generale ovvero al Pediatra di Libera Scelta, con obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento di 14 giorni dall’arrivo con divieto di contati sociali, di osservare il divieto di spostamento e di viaggi, di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza.

    Per comunicare il proprio rientro nel territorio dell’ASP di Enna sono attive le email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

  •  Sono stati mplementati i posti letto esistenti 

    asp ennaall'interno del P.O. Umberto I  di Enna, che è stato ritenuto il più idoneo tra i Presidi aziendali . L'esistenza della Rianimazione e delle Malattie infettive , nonché della consistenza numerica del personale, "ci ha indotto a fare  questa scelta  - si legge in una nota dell'Asp - strategica che  ci consente anche  di mantenere altri presidi ospedalieri esenti da pazienti  Covid 19 positivi  ed assicurare così  la normale assistenza per patologie diverse. Si sono pertanto predisposti i letti sia di malattie infettive che di terapia semintensiva (12) e di terapia intensiva (16) e sono stati predisposti n° 3 zone di ricovero denominate Covid 1,Covid 2 e Covid 3 per un totale di   120  posti letto. Si vuole specificare che il numero dei posti letto per abitanti messo a disposizione dall'Azienda Sanitaria di Enna  è di 1 posto letto per 965 abitanti, il numero più elevato nelle Regione Siciliana. Ciò ci ha consentito fino alla data attuale , di assicurare il ricovero a tutti i pazienti della nostra provincia che hanno avuto necessità e di accogliere pazienti anche di altre province."

    In atto dalla data del 7 marzo giorno di arrivo del primo paziente, sono ricoverati n°  57 di cui n° 5    in terapia intensiva, n°10 in terapia semintensiva e n° 43  nelle aree dedicate al Covid e di Malattie Infettive tutti positivi al tampone. Sono altresì ricoverati altri 47   pazienti, e n° 15 pazienti in PS con sintomatologia e segni patognonomici di infezione ma ancora in attesa di esito del tampone.
      Oggi sono stati trasferiti in altra zona 7 pazienti con guarigione clinica e che sono da considerare  guariti in attesa di negativizzazione del tampone.Gli stessi domani saranno trasferiti in altro P.O. aziendale. A questi purtroppo bisogna aggiungere il numero dei pazienti che sono deceduti, in totale 11. Erano pazienti tutti di una certa età 73 fino a 89 anni e con più patologie concomitanti che li rendevano già soggetti fragili.

    In riferimento poi, alla alta  incidenza dei positivi nella provincia di Enna,  si vuole specificare che il valore viene falsato sia dall'alto numero dei positivi dell'Oasi di Troina, che  dal focolaio dell'area dei Comuni di Agira, Leonforte e Assoro, che da soli ammontano a circa il 75 % dei casi rilevati in Provincia, che altrimenti avrebbe un numero di casi in linea, se non più basso rispetto al reso della Regione Siciliana. Si è notato, negli ultimi giorni, una stabilizzazione del numero di pazienti che necessitano di ricovero, per cui si ritiene che il plateau  di cui parla l'Istituto Superiore della Sanità possa essere stato raggiunto anche nella nostra provincia.

    Per garantire l'assistenza a tutti i pazienti sono stati inseriti nei turni tutti i medici presenti in ospedale a prescindere dalla disciplina di appartenenza dando prova di grande professionalità e di dedizione totale alla cura dei pazienti. Per tale motivo,  la Direzione non può fare altro che ringraziare tutto il personale medico,infermieristico ed ausiliario  per la grande disponibilità dimostrata a totale servizio dei  pazienti ricoverati”.

  •  

    Entra nel vivo la settimana di prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili presso il Presidio Ospedaliero Umberto I di Enna, uno dei centri siciliani asp trasmissione sessualeindividuati per realizzare gratuitamente i test. Le giovani e i giovani, appartenenti alla fascia di età 18/40, possono rivolgersi direttamente all'equipe dedicata all'evento, costituita, tra altri, da urologo, ginecologo, ostetrica e infermiere, per ricevere informazioni e consulenze. Potranno effettuare, direttamente e senza ricetta del medico di famiglia, i test su HIV, Papilloma Virus, Sifilide, Gonorrea, Epatiti e Clamidia. Per promuovere l'informazione e la partecipazione dei più giovani, sono in corso incontri nelle scuole superiori. L' Ambulatorio è situato al pianoterra presso l'Ospedale Umberto I di Enna, adiacente all'Unità Operativa di Patologia Clinica e al Servizio Medicina Trasfusionale, e sarà attivo fino a sabato 30 novembre ogni giorno dalle ore 8.00 alle ore 17.00; domenica 1 dicembre dalle 8.00 alle 12.00. Tra i test gratuiti, è possibili effettuare il prelievo del sangue per Epatiti, Sifilide e HIV; per la ricerca di Clamidia, Trichomonas e Gonorrea, il tampone vaginale e uretrale, l'esame urine per i soggetti di sesso maschile. In Sicilia negli ultimi 10 anni sono stati accertati 443 casi di sifilide, di cui 43 solo nel 1° semestre 2019; inoltre, ogni anno si rilevano più di 250 nuove infezioni da HIV, con una diffusione maggiore tra i maschi di età tra i 25 e 44 anni e tra le donne straniere. Questi ed altri dati hanno indotto l'Assessorato Regionale della Salute ad avviare la campagna di prevenzione delle Malattie Sessualmente Trasmissibili, attualmente in corso.

  •  

    La Direzione Centrale delle Risorse Umane del Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha assegnato alla Questura di Enna, a rinforzoagenti polstato dell’organico,12 agenti della Polizia di Stato provenienti da altre sedi, che vantano variegate esperienze operative.

    Si tratta dell’Assistente Capo Ragusa Dario, dell’Assistente Sanalitro Paolo e degli agenti scelti Gnoffo Salvatore, Volpe Gianmarco, Pidone Francesco, Genco Simone, Pirrone Roberto,Bruno Francesco, Bannò Mario, La Marca Massimo, Riggio Francesco, La Paglia Davide e Mulè Andrea.

    Tale personale, giunto in questa sede in giorni differenziati per osservare le misure governative volte al rispetto del distanziamento sociale e per il generale contenimento dell’epidemia, è stato accolto dal Questore di Enna, dr. Corrado Basile, che ha dato loro il benvenutonella nuova sede di servizio. Il Questore ha voluto soffermarsi sull’importanza delle attività che i nuovi Agenti si apprestano a fornire alla collettività confidando nel rinnovato entusiasmo che accompagna una nuova esperienza professionale.

    L’auspicio più sentito per i nuovi poliziotti è quello di intraprendere l’incariconella provincia di Enna nel solco della consolidata esperienza di collaborazione con i cittadini.

    I nuovi Agenti sono stati assegnati presso le diverse articolazioni interne della Questura e dei Commissariati, potenziando particolarmente il servizio di controllo del territorio.

  • L’Associazione 50&Più, nella ricorrente occasione della premiazione dei “Maestri del Commercio” ha riunito soci e familiari di coloro associazione 50Piùche hanno esercitato (e taluni continuano ad esercitare) la loro straordinaria professione, resistendo agli attacchi molesti di una modernità che odia il piccolo in favore del grande, che opprime il coraggio di chi ogni giorno apre la bottega per portare avanti la propria famiglia, ma anche per continuare una tradizione di famiglia spesso trasmessa di padre in figlio, per conservare un sapere, per servire quel piccolo patrimonio di amici che sono i clienti e gli avventori di un negozio. 

    Riconoscenza, stima, affetto, per i “Maestri del commercio” che nasce nel cuore dell’Associazione di cui sono presidenti, Carlo Sangalli a Roma e Salvatore Catania a Enna. «Siete tutti un po’ come Enna – ha detto il Presidente nazionale Sangalli – Città inespugnabile, perché avete saputo resistere anno dopo anno, con una costanza che vi ha portato fin qua a celebrare questo straordinario anniversario, come le nozze d’argento, d’oro e di diamante. Come Enna è l’”Umbilicus Siciliae”, voi siete il centro vero del terziario, quello intorno a cui nasce il sapere profondo della professione. Come Enna è il Belvedere di Sicilia, voi portate l’eleganza dei vostri negozi, che hanno il fascino della storia e l’eleganza della misura». 

    Il Presidente di Confcommercio Enna, Maurizio Prestifilippo ha ricordato come sia proprio nella integrazione delle energie giovanili e nella saggezza che si forma nella maturità, che le migliori esperienze professionali acquisiscono la forza per resistere nel tempo. Per questo l’attribuzione del riconoscimento ai Maestri del commercio è una festa per le famiglie degli imprenditori premiati.

    Rosario Paternicò, Direttore regionale di 50&Più Sicilia ha presentato i servizi dell’Associazione e del Sistema 50&Più e ringraziato gli ospiti presenti che hanno onorato l’Associazione ennese con la loro presenza.

    Prima di procedere alla cerimonia di premiazione di Maestro del Commercio 2019, il Coordinatore Regionale Rosario Paternicò ha presentato e ringraziato la squadra 50&Più di Enna composta dalla Responsabile provinciale Antonietta Paternicò e dai colleghi Rossana Messina, Giuseppe Paternicò, Aleandro Lana e Maria Vittoria Paternicò.

    Nella cerimonia di premiazione di “Maestro del Commercio 2019” sono stati consegnati i seguenti riconoscimenti:

    • con oltre 25 anni di attività, sono stati insigniti dell’Aquila d’argento i Sigg. CATANIA SALVATORE di Nicosia, RUSSO FERNANDO di Enna, INTERISANO CONCETTA di Enna, PICONE GIUSEPPE di Catenanuova, DI SALVO GAETANO di Enna, DI STEFANO MARIO di Villarosa, CAPPA MARIA di Enna, LO PIANO MARIO di Enna, SCINARDO TENGHI CALOGERO di Nicosia, MILETTI SALVATORE di Nicosia, ELMO VINCENZA di Nicosia, ANELLO FELICINO di Nicosia, TROVATO FRANCESCO di Nicosia, AGOSTA CLEMENTE di Piazza Armerina, DIANA INNOCENZO di Piazza Armerina e LAGONA ALFONSO di Valguarnera.

    • Con oltre 40 anni di attività, sono stati insigniti dell’Aquila d’oro i Sigg. CARNAZZA MARIA di Enna, DAIDONE GIOVANNI FRANCESCO di Catenanuova, MAZZUCCHELLI GIUSEPPE di Valguarnera e GALLINA VITTORIO di Enna.

    • Con oltre 50 anni di attività, sono stati insigniti dell’Aquila di diamante i Sigg. DI STEFANO GIUSEPPE di Villarosa, UMBRIACO GIUSEPPE di Enna, NOTO ANTONINA di Piazza Armerina, NASONTE ANTONIO di Enna.

     


  • “Più che una crisi virale, bisogna affrontare una crisi commerciale che dura da troppo tempo. Il nostro territorio ha cidecbisogno di interventi concreti e mirati. Pertanto si invita tutta la classe politica dirigente a coinvolgere le varie rappresentanze sindacali, anche in virtù del comunicato sottoscritto in ottemperanza alle direttive nazionali. È ora di lavorare insieme per far sì che le imprese possano avere una valida rappresentanza sia politica che sindacale, venuta meno negli ultimi anni. Il quadro generale che tutti quanti abbiamo sotto gli occhi è allarmante! Cerchiamo insieme di attuare misure concrue e mettere in atto politiche efficienti ed efficaci per risollevare lo stutus quo, evitando il collasso delle aziende.”

    Così il Presidente Provinciale della Cidec Enna, Petrone Massimo

  • In pochi giorni, tre medici anestesisti hanno assunto servizio a tempo indeterminato presso l’ASP di Enna. assunzione lipani

    Dopo le dottoresse Mariangela Serena Profeta e Giuseppina Vitale, che hanno firmato il contratto a tempo indeterminato martedì 17 settembre, un altro professionista ha scelto di lavorare per l’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna, il dott. Pasquale Lipani, che ha firmato, in queste ore, il contratto di lavoro con il Direttore Generale, dott. Francesco Iudica.

    Il dott. Lipani andrà a rinforzare l’equipe di anestesisti affidata alla responsabilità del dr. Ezio De Rose che ha sottolineato: “Finalmente, l’ASP di Enna sta riuscendo ad assumere medici anestesisti: ringrazio il manager, dott. Francesco Iudica, e l’intera direzione per la celerità nelle procedure di assunzione”.

    La professionalità dei nuovi anestesisti migliorerà la capacità produttiva delle sale operatorie; in particolare, ne trarrà vantaggio l’oculistica, che ha registrato di recente una fortissima accelerazione di attività e di successo nell’affrontare patologie complesse, mentre la Chirurgia e l’Ortopedia potranno contare su un numero maggiore di sedute operatorie, dalle quali si attende la diminuzione delle liste di attesa.

  •  

     

    Già operativi i primi sei posti letto per degenti, sui dodici previsti nelle Rete Ospedaliera, presso il reparto di Medicina Fisica e Riabilitazione fisiatriadell'Ospedale Umberto I di Enna.

    Ne hanno dato notizia il dott. Arcangelo Russo, direttore dell’U.O. Ortopedia, e il dott. Ivano Vicari, direttore f.f. del reparto di Medicina Fisica e Riabilitazione. , alla presenza del Direttore Generale, dott. Francesco Iudica, del Direttore Sanitario, dr. Emanuele Cassarà, e delle equipe delle due Unità Operative.

    “Con l’attivazione dei posti letto, già occupati, si attua in modo tangibile l'integrazione nell'assistenza ospedaliera tra reparti ospedalieri e tra ospedale e territorio”, ha sottolineato il Direttore Generale.

    “La modalità operativa è la presa in carico totale del paziente, nel momento acuto della degenza e nella fase riabilitativa. Il personale infermieristico, in dotazione ai due reparti, supporterà l'interdisciplinarità delle prestazioni, dalla fase dell'intervento operatorio a quella riabilitativa.”

     

    “Il reparto di Medicina Fisica e Riabilitazione è situato al 5° piano dove è allocata l'Ortopedia”, ha evidenziato il Direttore Sanitario, dr. Emanuele Cassarà.

    “Il percorso del paziente, dopo l’intervento in Ortopedia, può ora continuare in modo integrato presso la Medicina Fisica, reparto che si avvale di palestre e adeguate attrezzature specialistiche per la riabilitazione.”

    I dottori Arcangelo Russo e Ivano Vicari hanno ringraziato le equipe mediche e infermieristiche dei reparti da loro diretti, la Direzione Aziendale e del Presidio Ospedaliero.

     

    Il primo paziente ricoverato nel reparto è un cittadino irlandese che ha bisogno di riabilitazione dopo l’intervento in Ortopedia. Nell'equipe dell'Ortopedia dell'Umberto I di Enna, anche uno studente dell'ultimo anno di specializzazione dell'Università di Messina, “ … a riprova del riconoscimento della qualità dell’assistenza erogata dalle strutture dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna”, ha commentato il Direttore dell’U.O. Ortopedia.

  • Sala gremita di imprenditori ieri sera, per l’attivo che la CNA di Enna ha organizzato con l’obiettivo di dare valore ad alcuni temi attivo cnavitali per le imprese. “Da alcuni mesi stiamo sostenendo argomentazioni importanti che per noi sono imprescindibili e che vanno sostenute con forza dall’azione delle organizzazioni e della politica - dichiara il presidente Filippo Scivoli - temi come quelli della promozione del territorio e dell’innovazione sono un patrimonio della politica e di tutte le parti sociali. Alcuni temi li abbiamo anticipati tramite social nei giorni scorsi, altri sono frutto degli interventi e della discussione di ieri.”

    “Presenti molti imprenditori di Enna, perché anche assieme alle altre associazioni stiamo condividendo la volontà di chiedere alla politica prima del momento elettorale impegni sui bisogni oramai necessari delle imprese “ dichiara il portavoce comunale Scalzo “A partire da Enna ma guardando anche ai comuni più vicini che sono naturalmente coinvolti in un unico ragionamento di sviluppo.

    Su alcuni temi però, pressione fiscale e Agenda Urbana è necessario intervenire da subito perché sono temi che non possono aspettare una nuova campagna elettorale.”

    Nei numerosi interventi si è ribadito in modo inequivocabile che la pressione fiscale a cui sono assoggettate le imprese è intollerabile, un tema di carattere generale che però riguarda anche la tassazione locale. Le imposte sugli stabilimenti produttivi sono al massimo in quasi tutti gli enti locali. È oramai frequente che un comune utilizza aliquote diverse per categorie catastali e che gli stabilimenti produttivi godano di aliquote ridotte e proporremo a tutte le amministrazioni di adottare queste riduzioni. All’interno della discussione spazio anche per il coronavirus e per i problemi collegati ai provvedimenti per contenere l’emergenza sanitaria che impattano sulle imprese in termini di costi di approvvigionamento e sopratutto del turismo a cui si aggiunge il grande allarme per la gestione dei lavori sullo svincolo autostradale. Su quest'ultimo argomento, rassicurazioni da parte del Prefetto, ma rimane una forte preoccupazione per i disagi ne potrebbero derivare.

  • Il Comitato Consultivo Aziendale, composto dai referenti delle associazioni di volontariato impegnate nel campo della salute e dai asp associazionirappresentanti degli organismi di tutela come gli Ordini Professionali, ha incontrato, mercoledì 23 ottobre, il Direttore Sanitario, dr. Emanuele Cassarà, che ha illustrato la proposta del nuovo Atto Aziendale esitata dalla direzione dell’ASP, soffermandosi sull’organigramma, sulla rete ospedaliera e sul nuovo assetto dell’area territoriale che, nel campo dell’assistenza, assume rilevanza strategica per la garanzia della salute, della prevenzione, della cura e della riabilitazione.

  • Auto in fiamme questa notte, intorno alle 23,30, nel parcheggio del Belvedere Marconi di Enna. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno domato l’incendio. Il fuoco ha coinvolto anche altre auto vicine. auto in fiamme belvedere

    Sono in corso gli accertamenti per stabilire la causa delle fiamme partite dalla vettura, una minicar. Nessun danno a persone.

  • Consegnati stamattina alla ditta Saddemi i lavori per il ripristino della tribuna coperta dell’autodromo di Pergusa. L’opera, il cui costo è di 360mila euro, è finanziata dal Comune di Enna. autodromo tribuna 26 5

    Alla consegna presenti il presidente dell’Ente Autodromo di Pergusa Mario Sgrò, l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Enna Dante Ferrari e i titolari della ditta che eseguirà i lavori che dovrebbero concludersi entro sessanta giorni.

    Filippo Occhino