DEDALOMULTIMEDIA
21-09-20

Enna

  • Comincia così come si era concluso lo scorso il nuovo anno per l’Enna. ragusa enna 2 0

    2-0 la sconfitta maturata a Ragusa nell’anticipo della sedicesima giornata, la prima di ritorno, con i padroni di casa che hanno superato i gialloverdi con un gol per tempo, al 39’ con Lo Giudice e all’83’ con CessNignama.

    Il Ragusa sale momentaneamente al secondo posto con 31 punti, l’Enna rimane ferma a 9 in piena zona playout. Per la squadra di Salvatore Brucculeri si tratta della quarta sconfitta consecutiva.

    Domenica 12 Gennaio al Gaeta arriverà il Città di Rosolini.

  • Nella tredicesima giornata del girone B del campionato di Eccellenza arriva la sconfitta per l’Enna Calcio in trasferta contro il Giarre. enna calcio 8 12

    La squadra di Salvatore Brucculeri si è arresa nei minuti finali (all’82’) agli avversari che hanno siglato il gol partita grazie ad un rigore trasformato da Abate.

    In virtù della sconfitta odierna l’Enna rimane ferma a quota 9 punti in classifica, in zona playout.

    Domenica prossima al Gaeta arriverà il Carlentini.

  • L’Enna torna a vincere e lo fa in trasferta a Palazzolo Acreide grazie a una rete di Caputa al ’47 della ripresa. Grande iniezione di fiducia per i gialloverdi guidati soltanto da qualche giorno da mister Roberto Torregrossa. Tre punti importanti per il morale. giovanni caputa
    La strada per la salvezza rimane comunque ancora in salita ma la vittoria di ieri fa ben sperare i tifosi.

  • Buon pareggio per l’Enna sul difficile campo della capolista Paternò nella diciottesima giornata del campionato di Eccellenza. paternò enna

    La squadra di Salvatore Brucculeri è stata raggiunta nel punteggio solo nel finale dopo essere passata in vantaggio al 7’ del primo tempo con Caputa. La rete del definitivo pareggio è stata siglata da Bontempo all’88’.

    In classifica il Paternò rimane al comando con 43 punti, l’Enna è in piena zona playout con 10 punti.

    Domenica prossima al Gaeta arriva il Mascalucia San Pio X.

  • Seby Catania è il nuovo allenatore dell’Enna Calcio. La notizia era nell’aria ed è arrivata stamattina la conferma da parte della società gialloverde. seby catania

    Il tecnico lentinese ha guidato in passato panchine importanti tra cui Sicula Leonzio, Modica, Vittoria, Canicattì, Palazzolo e la Sancataldese nello scorso campionato di Eccellenza.

  • Quarta sconfitta consecutiva in campionato, la sesta in sei gare ufficiali fino ad oggi disputate. sandro baglione

    Nel pomeriggio è maturata l’ennesima sconfitta per l’Enna Calcio sul campo della San Pio X a Mascalucia, risultato finale 3-2.

    Padroni di casa in vantaggio al primo minuto di partita grazie ad un’autorete gialloverde, pareggia per l’Enna Amore al 33’. San Pio X di nuovo in vantaggio al 46’ del primo tempo con Lo Giudice, terzo gol al 56’ firmato da Randis. L’Enna accorcia le distanze al 63’ con Aka.

    Unica nota positiva di oggi per l’Enna aver segnato due gol (fino alla partita odierna lo score delle reti segnate era ancora fermo a zero), ma ciò non basta per una piazza che nutre tante aspettative sulla squadra e sulla società.

    Visti i risultati fin qui conseguiti potrebbe essere in bilico già adesso la posizione di mister Cosimano: la gara di domenica prossima al Gaeta contro il Santa Croce potrebbe rivelarsi decisiva in tal senso.

  • Enna poco incisiva nel gioco e nervosa, il Ragusa vince con il minimo sforzo e al Gaeta fa bottino pieno nella prima giornata del campionato di Eccellenza.

    Questa la sintesi della partita del pomeriggio tra due squadre che, per buona parte della scorsa stagione, si sono date battaglia ai vertici della classifica del campionato di Promozione.

    Ragusa più aggressivo nel gioco nel primo tempo. enna ragusa

    Al 7’ ci prova per gli ospiti Azzara, Patrinicola si rifugia in angolo. Risponde per l’Enna Torcivia con una girata al volo dal limite, palla abbondantemente alta. Ancora il numero dieci ennese ci prova con un tiro dal limite all’8’ respinto dal portiere. Per il Ragusa ci prova Cerra dal limite, para sicuro Patrinicola. Occasione nitida per l’Enna alla mezzora con Tourè che, dopo una bella azione, conclude in porta, Caruso non si lascia sorprendere e si rifugia in angolo. Ghiotta occasione, invece, per il Ragusa al 34’: Savasta di testa costringe Patrinicola ad una grande parata.

    Nella ripresa primo squillo di Caputa: palla alta. Azzara è pericolo al 7’, per un soffio manca il tap-in da pochi metri dalla porta ennese. Al 9’ Lentini stoppa male la palla e da ottima posizione in area spreca. Un minuto dopo la svolta del match: cartellino rosso per Tourè per somma di ammonizioni. Fino alla mezzora la partita cala di ritmo, ma al 32’ Savasta vince un rimpallo in area, conclude e porta in vantaggio il Ragusa. Caputa commette un brutto fallo qualche minuto dopo e viene espulso. Malgrado la doppia inferiorità numerica Russo ha, nei minuti di recupero, l’occasionissima del pari per l’Enna, ma spara alto da ottima posizione in area.

    Finisce, quindi, 0-1 per il Ragusa. Per l’Enna è la terza sconfitta di fila nelle tre gare ufficiali fin qui disputate senza ancora aver segnato un gol. Un dato, quest’ultimo, su cui Cosimano, oggi non in panchina per squalifica, dovrà iniziare a riflettere in vista del prosieguo del campionato.

  • Presentato dalla società dell’Enna il neo tecnico Seby Catania. restuccia catania

    “Quella di Enna è una sfida importante, come storia, come tradizione, non è da meno delle altre squadre che ho allenato – queste le prime parole durante la conferenza stampa di presentazione-. È un piacere, quindi, un onore per me allenare questa squadra. La base sarà la difesa, l’impronta che vorrò dare è quella di una squadra che deve sempre cercare di vincere la partita”.

    L’Enna Calcio, che, ricordiamo, nella prossima stagione militerà nel campionato di Eccellenza, ha comunicato due nuovi acquisti messi a segno dal ds Giuseppe Restuccia. Si tratta di Rodrigue Yoboua, difensore ivoriano classe 2000, ex Sant’Agata, lo scorso anno a Biancavilla in serie D, e del centrocampista ghanese classe 1996 Saddik Bello, ex Sancataldese e Marina di Ragusa nell’anno della vittoria del campionato di Eccellenza (stagione 2018/19).

  • Salvatore Brucculeri è il nuovo allenatore dell'Enna, tecnico che nella scorsa stagione ha guidato il Gela in Serie D. salvatore brucculeri
    Mister Brucculeri, che prende il posto del dimissionario Nicola Cosimano, ieri pomeriggio ha già diretto il suo primo allenamento.

  •  

    Il consiglio comunale celebrato ieri ha sancito in modo inequivocabile il totale disinteresse del Sindaco Dipietro sui temi che antenne momteriguardano la salute pubblica. La mozione discussa e votata all’unanimità ha impegnato l’amministrazione comunale ad attivarsi affinchè venga installata la centralina di rilevamento dei campi elettromagnetici attraverso la costruzione di un traliccio ed un punto luce. Dalle diverse commissioni consumate sull’argomento, in alcune delle quali è stato presente il Senatore Trentacoste a cui va il nostro ringraziamento, si evince quanto interesse hanno riposto sull’argomento le forze di opposizione le quali hanno svolto un ruolo fondamentale di stimolo e di pungolo sia verso l’Assessorato Territorio ed Ambiente della Regione Siciliana sia verso il Ministero dello Sviluppo Economico, ed invece quanto disinteresse regni all’interno dell’amministrazione comunale, ovvero da parte di Assessori e Sindaco, i quali hanno vanificato il lavoro sinergico del precedente consiglio comunale in uno agli uffici ed all’ARPA, i quali insieme hanno raggiunto traguardi storici: culminati in un piano di risanamento ed uno di delocalizzazione. Ma se da un lato la nostra forza politica può annoverare risultati di tutto rispetto dall’altra il Sindaco Dipietro insieme ai suoi collaboratori non sono stati nemmeno in grado di fare installare una centralina, addebitando le responsabilità, così per come è solito fare, ai condomini di un palazzo. Ma ciò che ci allarma particolarmente è il fatto che il Sindaco in 4 anni e mezzo non è mai intervenuto su temi prioritari quali quelli che concernono la salute pubblica con particolare riferimento alle problematiche in capo all’ospedale Umberto I, Pasquasia ed infine la discarica di Cozzo Vuturo, circostanza che non si può assolutamente accettare da chi rappresenta sul territorio la massima autorità sanitaria. Dal canto nostro continueremo ad essere vigili sull’argomento e su tutte le problematiche che riguardano la salute pubblica in quanto hanno sempre rappresentato per noi una priorità inderogabile.

    Paolo Timpanaro Capogruppo PD al Comune di Enna 

     

     

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

  •  

    Verificherò presso il Dipartimento delle Pari Opportunità i motivi che ostano alla erogazione dei fondi previsti dal Piano Nazionale santa maria del popoloper la riqualificazione sociale e culturale delle aree degradate. Non posso non condividere la preoccupazione dell'Amministrazione comunale in ordine al mancato reperimento di questi finanziamenti, finalizzati a riqualificare il quartiere di Santa Maria del Popolo per il quale è stato presentato il progetto, e che rappresenterebbero un sicuro incentivo per gli investimenti locali. Tuttavia, va detto che dalla lettura del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 6 giugno 2017, nel quale viene anche pubblicata la graduatoria dei comuni beneficiari, emerge che il silenzio del ministero risalga a ben prima, considerato che il bando pubblicato nel mese di ottobre 2015 arriva a conclusione dopo quasi due anni e che non si è proceduto neanche all'erogazione dei finanziamenti dei primi 46 progetti in graduatoria, mentre per gli altri progetti (tra i quali rientra quello del Comune di Enna, 120° in graduatoria) si rimanda alle risorse eventualmente disponibili nei successivi tre anni.

    Mi auguro, pertanto di non dovermi ritrovare di fronte ad una situazione analoga a quella vissuta con il Bando Periferie, nella quale il Governo è dovuto intervenire per sanare l'incostituzionalità del provvedimento previsto dal Governo Renzi, nato come manovra propagandistica, che aveva messo a rischio i progetti presentati ma non ancora esecutivi. Giova ripetere che i progetti esecutivi come quello del Comune di Enna non sono stati mai messi a rischio, e che il reperimento dei fondi fosse solo una questione di tempo, poiché alla vicenda si era già posto fine lo scorso ottobre 2018 quando, a seguito dell'accordo raggiunto tra il Governo Conte e l'Anci, è stato inserito l'articolo 68 della Legge di Bilancio, che ha consentito di finanziare tutti i 120 progetti in graduatoria con effetto dall'anno in corso.

    In ogni caso verificherò e comunicherò al più presto ai cittadini ennesi e all'amministrazione comunale, quali siano i motivi ostativi riscontrati ma fiducioso che il Governo Conte dimostrerà ancora una volta la sua vicinanza alle problematiche dei Comuni a cui per anni è stata riservata solo austerità"

    Sen. Fabrizio Trentacoste M5S

     

     

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

  • Prendiamo spunto dall'articolo sulla chiusura della sede ennese di SiciliaAcque. Caro sindaco… ma spendila una parola!bruno maurizio

    Il nostro territorio si è impoverito oltre misura. Un impoverimento dalle mille sfaccettature: siamo diventati poveri di Istituzioni che si accorpano e si decentrano, di risorse economiche proprie che muoiono, di risorse umane che emigrano, di occasioni che sfumano come la legge sulle comunità montane approvata lo scorso dicembre che taglia fuori la nostra città, come se il fatto di avere qualche migliaio di abitanti in più dei 15.000 che la legge prevede ci rendesse immuni dagli svantaggi che comporta lo stare situati a mille metri di altezza.

    Ci aspettiamo tue posizioni forti. Capiamo per esempio che l’ “occasione” della rescissione del contratto con AcquaEnna è sfumata per cause imputabili ad altri, ma ci aspettiamo da anni un tuo grido ai quattro venti per l’esagerato costo dell’acqua che siamo costretti a pagare, per il paradosso che la più povera e piccola provincia paga il prezzo più salato. Grida sindaco! E fatti sentire. Batti i pugni sul tavolo dei signori che hanno deciso di sfruttare il nostro territorio per impiantare strutture che danno da bere a mezza Sicilia.

    Ma come fai a stare in silenzio di fronte a tante criticità? Tutti si aspettano una tua parola, un tuo parere. Non diciamo la soluzione, che potrebbe anche starci, ma un tuo pronunciamento autorevole da sindaco, da primo cittadino; un tuo segnale, se non altro per capire che ne pensi. E non stiamo parlando di problemucci. Stai amministrando un Comune caro Sindaco, ma non stai amministrando la città!

    Non dici una parola, nemmeno quando i problemi si chiamano anche “pronto soccorso” in continuo perenne tilt, espressione emblematica di un brutale arretramento funzionale del grande Umberto I. A proposito di sinergie con altri Enti, caro sindaco, spendila una parola per quelle favole infinite che gravano come macigni su questa nostra città: l' “ex CISS”, la “Panoramica”, il “Museo Alessi”… Così come manca la tua voce in tutto ciò che riguarda l'interazione col territorio e con le Città vicine per dare forza all'identità della Sicilia “non metropolitana”.

    E’ gravemente carente infatti la tua azione in difesa di un’area vasta interna siciliana; un territorio ampio che, pur valicando i confini del nostro comune, comunque ci appartiene. E’ purtroppo una dimensione identitaria che abbiamo capito non ti si addice. E ad ogni pubblicazione di classifica sui giornali specializzati, dove Enna si posiziona sempre in coda sia sul piano economico che di vivibilità, lo dimostrano le tue puntuali precisazioni quando sottolinei che si tratta di dati provinciali e non comunali, come se non fossi il sindaco del capoluogo di questa terra martoriata.

    Così come ci aspettiamo che ti esprimi, su quei punti nevralgici che caratterizzano la grave sofferenza della città in questi ultimi anni, problemi grossi su mille fronti, che stanno portando Enna a spegnersi e che nessuna luminaria estiva o natalizia potrà mai riaccendere.

    Non limitarti agli annunci sulla stampa e su facebook. Un grido, un appello, ce lo aspettiamo tutti, anche in forza al quel programma scritto insieme quattro anni fa.

    E' vero che abbiamo ereditato da altri questa moria economico-sociale, ma è anche vero che su questi fronti, l’attuale carenza di politica è forte. Oltre ad essere mancata la tua voce, sono mancati programmi e progetti. E non stiamo parlando di azione amministrativa ma di azione POLITICA, e tu ne rispondi a pieno titolo.

    Le aspettative non possono essere esclusivamente demandate ai finanziamenti annunciati da quattro anni e legati ad “Agenda Urbana”, i cui benefici economici, seppur considerevolmente abbondanti, non risolveranno strutturalmente i problemi. Sono temi complessi che necessitano anche altro tipo di iniziativa poiché investono l'intero tessuto sociale: la costruzione di quell'impalcatura di “comunità” che non abbiamo ancora assunto. Sono problemi di natura culturale, legate ad un cambio di mentalità, poiché volevamo combattere un sistema e non una persona.

    Maurizio Bruno, Capogruppo Patto per Enna

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

  •  

    Nel pomeriggio di oggi si è svolto presso la sede di CNA Associazione di Enna l’incontro volto a promuovere  l’iniziativa “Make it cnaArt, Make it Lab”, per realizzare un progetto sperimentale al fine di promuovere il mondo dell’artigianato d’arte e il mondo della formazione.

    Dopo settimane di progettazione si è tenuto l’incontro con i Partners: Università degli Studi di Enna Kore, CNA  Artistico e Tradizionale, CNA Sicilia, CNA Associazione di Enna, Ordine degli Architetti di Enna, Ordine degli Architetti di Caltanissetta, Ordine degli Architetti di Agrigento, Ordine degli Architetti di Ragusa, Liceo Artistico Regionale  “Luigi e Mario Cascio” di Enna, Istituto Professionale Statale “Federico II”, Rocca di Cerere Geopark.

    Tra gli obiettivi dell’incontro c’è la volontà di creare una rete tra i professionisti e le imprese, rafforzando le collaborazioni con gli enti coinvolti.

    L’iniziativa prevede delle fasi per la realizzazione di un percorso in cui si tenterà di far partecipare imprese, Maestri Artigiani, Università e scuole. L’inizio delle attività progettuali è previsto per il periodo di settembre/ottobre 2019, e la fine è prevista per aprile/maggio 2020.

    Il percorso verrà diviso in 5 fasi: durante la prima fase si cercherà di avere il quadro completo delle imprese, dei professionisti e del numero di studenti che potranno partecipare; nella seconda fase saranno previste attività seminariali  e sessioni di discussioni partecipate; durante la fase tre si avranno i processi di abbinamento tra imprese e designers, seguite poi da quelle tra il partenariato appena istituito e gli studenti; la quarta fase prevede la realizzazione dei manufatti e la quinta ed ultima fase del progetto prevede la loro esposizione presso la Galleria Civica. 

    Le fasi creative dell’intera iniziativa si potranno seguire passo passo sui social e tramite la stampa.

    “Il progetto Make it Art, Make it Lab è stato fortemente voluto, parte dalla CNA di  Enna e diventa progetto pilota nazionale” - ha affermato Presidente Nazionale Artistico e Tradizionale CNA Andrea Santolini - a Roma guardiamo con particolare interesse questo progetto che riteniamo molto importante e prestigioso ”

    A lui si aggiunge anche Angelo Scalzo, Presidente regionale di Artistico e Tradizionale, dirigente della CNA di Enna, “il connubio Artigiano- architetto è alla base non solo della riuscita del progetto, ma anche dello sviluppo del settore”. Concetto rimarcato anche dagli Ordini che “hanno aderito con entusiasmo alla proposta di CNA” come dichiarato da Tonino Rizza presidente di Enna,  Per il Presidente dell’ordine degli Architetti di Ragusa Salvatore Scollo “Il progetto è una grande opportunità per l’ordine degli architetti, per gli studenti e per le attività artigianali locali, è importante il rilancio di 2 figure fondamentali, l’architetto designer e l’artigiano locale che insieme aiutano lo studente a mettersi in gioco e seguire le attività.” 

     “Un’iniziativa molto interessante perchè mette insieme  il lavoro dei professionisti, soprattutto per chi si occupa di designer,  e gli artigiani che si impegneranno nella realizzazione di oggetti di designer artistico - dichiarano Liro Scarciotta, Caltanissetta e Giuseppe Lalicata, Agrigento -  E’ intendimento del nostro ordine quello di rilanciare la figura dell’architetto in tutte le sfaccettature.” 

    Presenti anche le scuole e l'università. Per la Dirigente scolastico Liceo artistico “Cascio” Graziella Bonomo “questo progetto sarà sicuramente molto utile per i nostri giovani e per la crescita della nostra comunità”. Per Giuseppina Gugliotta del Federico II “un oppoprtunità non indifferente per i ragazzi, ci auguriamo nasca una possibilità concreta  per costruire il loro futuro”

    Presente anche il Prof. Burgio, uno degli ideatori del progetto “per il quale c’è la massima disponibilità da parte della facoltà di architettura che in questo modo realizza appieno la terza missione a cui gli atenei sono chiamati”

  • Il Presidente provinciale della categoria Alimentazione di Confartigianato Imprese Enna , Luigi Mascaro, ristoratore ennese, in unconfartig covid momento di emergenza sanitaria scrive agli imprenditori del settore ed agli amici e colleghi commercianti ed artigiani tutti, dichiarando:

    “In questo difficile momento che noi tutti stiamo attraversando voglio, con questa lettera, farvi sentire la mia vicinanza. Volevo assicurarvi che la nostra Associazione, a tutti i livelli, è stata ed è lì a cercare di difendere i diritti di tutte le categorie rappresentate, tenendo costantemente aggiornati gli organi territoriali su quanto accade e su quanto si sta facendo per ottenere la tutela delle nostre piccole imprese . E’ chiaro che ogni decisione, che piaccia o no, viene alla fine adottata dagli organi di governo nazionali o probabilmente, europei.

    La crisi è ormai un dato di fatto ed il Covid-19 ha dato il colpo di grazia ad una, di certo non floridissima, realtà economica territoriale. La categoria che ho l’onore di rappresentare e che include bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie, ecc… accanto a quella delle attività alberghiere ed extralberghiere, è senza dubbio la più colpita e spera ormai nel tanto agognato boom economico.

    Tutti ci aspettiamo un grande aiuto e ci auguriamo che lo Stato faccia molto di più di quello che ha deciso di fare in termini di sviluppo economico fin’ora. La Confartigianato lavora senza sosta e rimane punto di riferimento per molti, anzi colgo l'occasione per ringraziare tutti i dipendenti e la giunta per l'instancabile attività che stanno svolgendo. I progetti, gli eventi e le manifestazioni che avevamo già calendarizzato sono solo posticipati, in quanto non compatibili con le disposizioni che si sono susseguite nei vari decreti emanati dal governo.

    Auguro a tutti noi di riprendere presto le nostre attività lavorative e quotidiane. Buona Pasqua.

    Luigi Mascaro

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

  • coronavirus province 14 04

    Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 127 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 117 (22, 8, 10); Catania, 593 (128, 59, 63); Enna, 293 (177, 21, 21); Messina, 358 (133, 45, 36); Palermo, 327 (71, 41, 23); Ragusa, 58 (6, 4, 5); Siracusa, 87 (55, 58, 11); Trapani, 111 (13, 17, 5).

    In provincia di Enna, tra i ricoverati conteggiati dalla Regione anche i pazienti albergati all’Oasi di Troina.
    Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

  •  

    La scienza non è democratica, dice simpaticamente il dott. Burioni, ma a quanto pare nemmeno il diritto ilaria marazzottatributario lo è. E in effetti addentrarsi nel labirinto della disciplina può risultare pericoloso, forse anche imbarazzante, per chi non ha le competenze richieste dal caso.

    Ma se è vero che di diritto non si discute al bar, è altresì vero che dal Presidente di una Associazione di Consumatori (a proposito, quando scade il mandato?) ci sia aspetterebbe qualcosina in più, fosse anche solo in termini di competenza.

    A tal proposito, consapevole che non è mai troppo tardi per imparare, mi permetto di rammentare allo sprovveduto articolista che il Comune di Enna gestisce correttamente la riscossione di tutti i tributi, anche quella relativa alla TARSU 2009 e 2010 e ciò perché l’art. 72 del D.Lgsdel 15 novembre 1993, n. 507 non prevede, in caso di accertamento non ancora divenuto definitivo (come nel caso pendenza di ricorsi), l’iscrizione a ruolo del solo tributo principale e per la sola parte eccedente la misura prevista dall’art. 15 del D.P.R. 29 settembre 1973, 602. Ne consegue che, anche quando il contribuente abbia impugnato in sede giudiziaria l’avviso di accertamento, il Comune ha l’onere di provvedere all’iscrizione a ruolo della pretesa tributaria per intero, e non soltanto nel limite di un terzo, come previso dal comma primo del citato art. 15, non potendo tale fattispecie essere sussunta neppure sotto l’art. 68, comma 1 del d.lgs n. 546/92, il quale prevede la riscossione frazionata del tributo solo per le somme determinate a seguito di una sentenza tributaria di merito, peraltro applicabile ai soli tributi erariali e non anche locali.

    Da quanto sopra ne consegue che fino a quando il cittadino/contribuente non avrà ottenuto una sentenza definitiva di accoglimento delle sue richieste, l’Amministrazione ha il dovere di richiedere il totale soddisfacimento della pretesa, proprio in ragione di quelle leggi dello Stato che sembrano tanto care, quanto sconosciute, al nostro interlocutore.

    Allo stesso difensore dei cittadini contribuenti si rammenta, poi, un’altra legge dello Stato che prevede che le sentenze della Suprema Corte di Cassazione fanno stato solo tra le parti, non avendo, come le sentenze della Corte Costituzionale, efficacia erga omnes.

    Di tutto ciò sono sicura che il nostro difensore dei cittadini sarà rincuorato, avendo preso consapevolezza che il Comune non intende far cassa sulle spalle di nessuno, che ha in dotazione personale che conosce le leggi dello Stato e che non è in balia di nessuna disorganizzazione. E che questo è anche, per un po', merito dell’attuale Amministrazione.

    Resta inteso che le porte dell’Ufficio Tributi, oltre che le mie, restano aperte per tutti i Cittadini che siano desiderosi di chiarimenti e che vogliano approfondire la questione, Presidente dell’Assoconsumatori compreso.

    Ilaria Marazzotta

    Vicesindaco con delega ai Tributi

     

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.

  • Da sempre i veri protagonisti delle attività svolte dall'Avis sono i donatori ed è per venire incontro alle loro esigenze, in seguito a buono giuliadiverse richieste, che domenica 27 ottobre si terrà, dalle 8:00 alle 12:00, una donazione straordinaria presso il Centro Trasfusionale dell' Umberto I. Ad attendere i donatori ci saranno i volontari avisini e la professionalità del personale del SIMT guidato da Francesco Spedale, sempre disponibile alle iniziative associative. L'iniziativa, proposta dall'associazione, ha trovato subito parere favorevole dalla Direzione Sanitaria e dal Direttore generale Francesco Iudica rendendo cosi possibile la donazione a tutti coloro che durante la settimana non possono recarsi in ospedale.

     

    " Dietro questa donazione straordinaria - dichiara Giulia Buono, presidente Avis Enna- c'è la volontà da parte dei nostri donatori, di compiere un gesto di solidarietà e altruismo con la consapevolezza di salvare molte vite soprattutto se questo gesto viene fatto in modo periodico si riduce il rischio di entrare in riserva e non si creano così rallentamenti sulla normale funzionalità del sistema ospedaliero" .

     

    Tutti coloro che volessero maggiori informazioni possono contattare il 380 21 95 246.


  • ACQUAENNA SCPA informa, che la Società Siciliacque, giusta nota prot. n. 6241/19 in data 14/06/2019, ha comunicatoacquaenna l’interruzione dell’esercizio dell’Acquedotto Ancipa “Basso”, al fine di consentire l’esecuzione di alcuni interventi di manutenzione, in C.da Anime Sante, in territorio del Comune di Enna, lungo l’acquedotto Blufi, in C.da Marcato Bianco, in territorio del Comune di Pietraperzia ed in C.da Rattumeni, in territorio del Comune di Mazzarino.

    Per tale ragione si rende noto che, anche in considerazione delle caratteristiche dei serbatoi afferenti ai sistemi idrici distributivi dei Comuni interessati, dalle ore 10.00 del 10/09/2019 e per le successive 48 ore, potrebbero manifestarsi dei disagi nell’erogazione idrica negli abitati dei seguenti Comuni: Aidone, Calascibetta, Enna, Piazza Armerina e Valguarnera.


  • "Il futuro dell'officina": e' il progetto che CNA Sicilia, assieme all'Unione Servizi alla Comunità, presenterà domani mattina, a partire officinadalle ore 9,30, a Enna, nella sede provinciale della CNA.

    Un progetto  che guarda al mercato e ai cambiamenti che il mondo dell'auto sta attraversando. L'auto elettrica, l'ibrido, la guida assistita e i sistemi ADAS sono le sfide che da qui ai prossimi anni le imprese, impegnate nei servizi di autoriparazione, dovranno affrontare e che in parte rappresentano già una realtà, seppur ancora marginale.
    Siamo pronti a far fronte ai cambiamenti in atto? C'è consapevolezza? Quali competenze è necessario acquisire? Quali aree e funzioni aziendali è necessario potenziare?: sono tutti quesiti che saranno trattati ed approfonditi nel corso del seminario che si terrà  domani, sabato 9 novembre.
    L'iniziativa,  realizzata in collaborazione con Quattroruote Professional, è rivolta e progettata su misura per le officine del mondo dell'autoriparazione. Partendo da una diagnosi personalizzata, un Kit di strumenti pensati sul mondo delle officine meccaniche e coerenti con i cambiamenti in atto, CNA si pone l'obiettivo di supportare le imprese a competere con le nuove sfide del mercato. La presentazione gode della collaborazione di KAPCI Coatings. I lavori, introdotti da una relazione del Responsabile Regionale CNA Autoriparazione Francesco Cuccia, saranno conclusi dall'intervento del Presidente Nazionale Franco Mingozzi. Molte le imprese ennesi dell'autoriparazione che hanno prenotato la partecipazione al seminario.

  •  

    Sul mancato trasferimento dei mezzi, degli impianti e del relativo personale dalla società EnnaEuno S.p.A. alla SRR, così cometrentacoste e procuratore stabilito dalla legge regionale n.9 del 2010 e dalle successive note dell'Assessorato regionale dell'Energia e dei servizi di pubblica utilità e dalla determina del Commissario straordinario della SRR, intervengono i portavoce del Movimento 5 Stelle che, nel pomeriggio di ieri, hanno depositato, direttamente nelle mani del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Enna Palmeri, un atto di esposto in cui si chiede che la magistratura avvii le indagini al fine di accertarne le cause e, conseguentemente, gli eventuali responsabili. A firmare l'esposto: il senatore Fabrizio Trentacoste, il deputato all'Ars Giampiero Trizzino e i consiglieri comunali Cinzia Amato e Davide Solfato.