DEDALOMULTIMEDIA
16-10-19

concorso

  •  

    E’ stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale il bando del maxi concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 2.329 unità concorsodi personale non dirigenziale a tempo indeterminato nel profilo di Funzionario, nei ruoli del personale del ministero della Giustizia, nell'ambito del progetto "RIPAM" Riqualificazione della Pubblica Amministrazione.
    Il concorso è rivolto, in base ai diversi profili previsti, a laureati in discipline attinenti:

    • studi giuridici

    • studi economici

    • psicologia

    • sociologia

    • scienze dell'organizzazione

    • ingegneria gestionale

    • scienze politiche

    • servizi sociali

    • cooperazione allo sviluppo

    • statistica

    La selezione si svolgerà tramtie tre tipologie di prove:

    • la prova preselettiva, comune a tutti i profili professionali, consisterà in un test, composto da quesiti a risposta multipla, di cui una parte attitudinali per la verifica delle capacità logico-matematiche e una parte diretta a verificare la conoscenza delle seguenti materie: diritto amministrativo e diritto costituzionale.

    • la fase selettiva scritta, consistente nella risoluzione di quesiti a risposta multipla, con una parte volta a verificare le conoscenze rilevanti direttamente riferite al profilo professionale scelto; una parte volta a verificare le conoscenze relative alle tecnologie informatiche; una parte volta a verificare la conoscenza della lingua inglese

    • la prova orale consistente, per ciascun profilo professionale, in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati su materie specifiche indicate nel bando.


    Tutte le informazioni sula modalità di presentazione delle candidature e sullo svolgimento delle selezioni, sono disponibili nell'apposita pagina sul sito del Ministero della Giustizia.

    La candidatura, che va obbligatoriamente presentata online con apposita procedura, va inviata entro le ore 24 del 9 settembre.

  •  

    Sono 27 i posti messi a bando dall'Università degli studi di Palermo per professori universitari in vari dipartimenti. unipa
    Ci si può candidare fino al 4 agosto. 
    I partecipanti al concorso devono avere le seguenti caratteristiche:

    gli studiosi che abbiano conseguito l’abilitazione scientifica nazionale ai sensi dell’art. 16 della Legge 240/2010 per il settore concorsuale messo a concorso ovvero per uno dei settori concorsuali ricompreso nel medesimo macrosettore per le funzioni oggetto del procedimento;

     i candidati che abbiano conseguito l’idoneità nel settore concorsuale in procedure concorsuali attivate ai sensi della Legge 210/1998 per la fascia corrispondente a quella per la quale viene emanato il presente bando, limitatamente al periodo di durata di tale idoneità (art. 29, c.8, Legge n. 240/2010); c) i professori di prima fascia già in servizio in altri atenei per il settore concorsuale messo a concorso;

     gli studiosi stabilmente impegnati all’estero in attività di ricerca o insegnamento a livello universitario in posizione di livello pari a quelle oggetto del bando, sulla base di tabelle di corrispondenza aggiornate ogni tre anni, definite dal Ministero.

  •  

    Entro il 1° agosto è possibile candidarsi al concorso lanciato dall’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna  per l’assunzione di 71 ospedale rizzoli bologna 2Assistenti Amministrativi – Cat. C. con contratto a tempo indeterminato.
    Dichiarato nel 1981 dal Ministero della Sanità come Istituto di  Ricovero e Cura a Carattere scientifico (IRCCS), l’Istituto Ortopedico Rizzoli è una struttura ospedaliera e di ricerca altamente specializzata nel campo dell’ortopedia e traumatologia. Significativa, per la struttura, è la stretta  interconnessione tra l’attività di assistenza e l’attività di ricerca scientifica. L’istituto, inoltre, è sede di insegnamento universitario.

    I requisiti richiesti per partecipare al concorso sono:

    cittadinanza italiana o di uno degli Stati dell’Unione europea oppure altre categorie previste dal bando;

    età non superiore al limite massimo previsto dall’ordinamento vigente per il collocamento a riposo d’ufficio;

    idoneità fisica all’impiego;

    diploma di istruzione secondaria di secondo grado;

    non essere stati esclusi dall’elettorato attivo oppure non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubbliche amministrazioni oppure licenziati a decorrere dal 2/9/1995, data di entrata in vigore del primo contratto collettivo;

     non essere dipendenti a tempo indeterminato dell’Azienda USL di Bologna, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Azienda USL di Imola, Istituto Ortopedico Rizzoli, Azienda USL di Ferrara e Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara, inquadrati nel profilo professionale di Assistente Amministrativo cat. C, che presentino domanda per la propria Amministrazione di appartenenza.

    Nel dettaglio, inoltre gli assistenti amministrativi saranno così distribuiti: n. 16 posti presso l’Azienda USL di Bologna;  n. 8 posti presso l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Bologna;  n. 12 posti presso l’Azienda USL di Imola;  n. 20 posti presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli;  n. 12 posti presso l’Azienda USL di Ferrara;  n. 3 posti presso l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Ferrara.Si segnala che è prevista la riserva di posti per i volontari delle FF. AA.

    Le procedure selettive si espleteranno attraverso la valutazione dei titoli ed il superamento di tre prove d’esame – una scritta, una pratica e una orale  su  principi generali di diritto sanitario;  diritto amministrativo;  elementi di legislazione regionale in materia di finanziamento, contabilità, programmazione e controllo delle Aziende Sanitarie;  elementi di legislazione statale, regionale e regolamenti in materia sanitaria delle Aziende Sanitarie e degli Istituti di Ricovero e Cura a carattere scientifico di diritto pubblico;  principi generali sulla disciplina del rapporto di lavoro pubblico nel Servizio Sanitario Nazionale;  principi generali in materia di protezione dei dati personali (privacy);  diritto di accesso civico;  obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni;  prevenzione e repressione della corruzione e dell’illegalità nelle Pubbliche Amministrazioni;  tutela della salute nei luoghi di lavoro;  legislazione in tema di appalti di lavori, servizi e forniture delle Pubbliche Amministrazioni;  elementi di informatica;  verifica della conoscenza almeno a livello iniziale di una lingua straniera (inglese o francese).