DEDALOMULTIMEDIA
04-08-20

dunarea de jos 2020

centro destra

  •  

    Nella mattinata del 5 agosto il Dott. Dante Ferrari e l'Avv. Biagio Scillia, Assessori della Giunta Dipietro, si sono dimessi dallacolianni e grimaldi contemporanea carica di Consiglieri comunali, carica alla quale furono chiamati dall'elettorato ennese nel lontano 2015.

    Con tale atto entreranno a Sala Euno l'Avv. Cortese ed il Sig. Tornabene che, sempre nel 2015, furono candidati nella lista “Enna Rinasce” che con i suoi 1.800 voti e tanti altri candidati contribuì dapprima alla candidatura dell'Avv. Dipietro e successivamente, in maniera determinante, alla sua esaltante elezione.

    Solo un impedimento del regolamento vigente, non consentirà di creare sin da subito in Aula un unico gruppo consiliare di ben quattro Consiglieri comunali ed espressione di tre Assessori in Giunta, frutto della fusione tra le due liste “Amare Enna” ed “Enna Rinasce”.

    Un percorso consapevole e propedeutico, stabilito assieme agli Onorevoli Grimaldi e Colianni e con la condivisione del Sindaco Dipietro, attraverso il quale le due liste presenti in Aula, “Amare Enna” ed “Enna Rinasce”, suggellano un obiettivo che ha innanzitutto, nella ricandidatura del Sindaco uscente, il suo primo comune risultato.

    Il tutto è comunque propedeutico e finalizzato per la preparazione nelle successive settimane di una unica, comune e grande lista per le prossime elezioni amministrative che ha proprio nei suoi quattro Consiglieri comunali e nei tre Assessori uscenti l'autorevole punto di partenza politico-elettorale. Una lista nella quale, ripartendo da Grimaldi, Colianni, Ferrari e Scillia, espressioni diverse di storie ed appartenenze politiche tutte di centro-destra ed a tutti da tempo note in Città, si sta già lavorando affinché quanto ancora non è stato possibile portare a compimento abbia in un secondo pieno mandato elettorale la sua totale e compiuta realizzazione. Il tutto attraverso la collaborazione delle sensibilità civiche di ieri ma soprattutto di tante altre di oggi, del mondo del professionismo, delle categorie, dell'associazionismo, del volontariato e del mondo giovanile.

    Le dimissioni di Ferrari e Scillia hanno proprio questo significato: rilanciare e potenziare contemporaneamente un percorso, dimostrando il proprio peso e la propria autorevolezza all'interno della coalizione.

    Un sano e finalizzato civismo come mai realizzatosi ad Enna, tra l'altro parecchio apprezzato in Città, dove il cittadino è ritornato, dopo tanti lustri, a riassaporare il gusto di vivere il proprio territorio, il gusto di dare il proprio contributo di idee e di azioni, il gusto di riconfrontarsi con una Amministrazione attenta alla problematiche quotidiane, sia quelle di facile soluzione ma anche quelle non in grado di essere portate sin da subito a compimento.

    La nostra stella polare, che ha ed avrà ancora in Dipietro il suo solista, non cambia:

    continuare a ridare speranza a tutti gli ennesi proseguendo con l'opera di buon governo della Città che abbiamo intrapreso dal 2015. Vogliamo estendere questa nostra ragione sociale realizzando un vero e proprio “Partito per Enna”, capace di ridare voce e speranza ai tanti cittadini ennesi che, delusi dalla politica, ricercano esclusivamente nella sana e disinteressata Amministrazione il nuovo punto di riferimento.

    E' proprio con questo auspicio che Ferrari e Scillia hanno deciso di andare oltre con le loro dimissioni nell'interesse di un nuovo e più granitico progetto politico-amministrativo che porti la nostra tanto amata Enna verso scenari e speranze più consolidati.

     

    On. Ugo Grimaldi

    On. Paolo Colianni

    Dott. Dante Ferrari

    Avv. Biagio Scillia

    Dott. Francesco Colianni

    Sig. Francesco Comito

    Sig.ra Giuseppina Firrantello

    Avv. Gianpiero Cortese

    Sig. Maurizio Tornabene

     

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.