DEDALOMULTIMEDIA
18-02-20

Calascibetta

  • Due street artist siciliani, il catanese Antonio Barba (detto ANC) e Demetrio Di Grado di Caltagirone stanno rivoluzionando, grazie street artal progetto XibetART- finanziato dal Comune di Calascibetta (Enna) e promosso dall'Associazione 360StartUP di cui è presidente Stefano Iannello, con il coordinamento artistico di Mariasanta Buscemi - l'aspetto del muro orizzontale antistante la piazzetta di Via Maddalena II zona Scuola Media plesso “G. Verga” dell’istituto comprensivo Santa Chiara di Enna che diventeràda un lato un'area giochi e dall'altro un parcheggio.

    Il progetto XibetArt saràdiviso in due step, di cui il primo è iniziato questo lunedì per concludersi già questa domenica ed il secondo partirà e si chiuderà con l’anno nuovo. Un percorso di valorizzazione del territorio xibetano che si sviluppa in continuitàcon la prima esperienza di WOL - Urban Rigeneration del maggio 2018, che ha coinvolto 5 artisti internazionali: Corn79, MrFijodor, Ale Senso, Poki e Crezyone le cui opere si trovano tutt’ora nel ponte del Pisciotto.. WOL è stato il primo progetto di Street Art attivo, mai realizzato prima nella Cittàdi Enna.

    "La Street Art - spiega Mariasanta Buscemi che coordina il progetto - non solo partecipa alle tematiche sociali attuali, ma sicuramente non lascia indifferenti. In questo progetto le opere saranno dei veri e propri testi visivi che chiameranno il destinatario a riflettere, trasmettendo alla comunitàun messaggio sulla cura dei propri spazi, in tutte le sfaccettature, in un ottica di cambiamento e di miglioramento. Da responsabile artistica e, ancora prima da persona cresciuta qui, sono sicura che con questo progetto, che è soprattutto frutto di diverse sinergie, locali e non, Calascibetta parteciperàattivamente ai cambiamenti positivi che ne sono alla base. "

    Leitmotiv dell'intero progetto XibetArt è l'ambiente con tutte le sue sfumature eco- sostenibili . "Lo spazio di una città è lo spazio di tutti, sia di chi la vive, sia di chi è solo di passaggio. La bellezza infatti richiama bellezza, laddove c'è il bello si avràanche cura del bello" - dice Stefano Iannello presidente di 360StartUP- In ogni territorio si vive ormai un'emergenza che ci porta a riflettere su tanti aspetti: dall'inquinamento alle condizioni ambientali, dal consumismo ai sistemi capitalistici, dall'energia alle risorse disponibili, la biodegradabilità, il clima, il riciclo, il cibo e la salute, e così via; Per questo con XibetArt, grazie al format WOL, si mira alla trasformazione di un luogo trascurato in uno spazio vivibile alla sensibilizzazione per la cura degli spazi pubblici, verso la riappropriazione di una nuova identità anche grazie all'arte e alla cultura.

  • Il muro che si trova dietro al plesso “G.Verga” di Calascibetta (comprensivo Santa Chiara di Enna) “parla” adesso di arte, ambiente e futuro, grazie al primo step appena concluso di XibetArt del format Wol finanziato dal Comune di Calascibetta e promosso dall'Associazione 360StartUP di cui è presidente Stefano Iannello, con il coordinamento artistico di Mariasanta Buscemi.

    Raffigurata sul muro da Antonio Barbagallo una bambina, simbolo del futuro e delle nuove generazioni, che con una mano sfiora un albero cui trasmette la sua energia, mentre Demetrio Di Grado ha rappresentato, con i suoi collage vintage due donne, valorizzandone il ruolo sociale,ed un anziano e una bambina, asignificare la continuità della vita su uno sfondo di fiori e colibrì.

    La street art con XibetArt siinserisce in un ampio progetto di riqualificazione di un'area trascurata, che avrà un suo valore aggiunto per ottenere finanziamenti e trasformare un tessuto urbano lasciato per anni ai margini.

    Tanti i cambiamenti che saranno realizzati su direzionedell'architetto Nicolò Mazza del Comune di Calascibetta, per completare il percorso di rigenerazione urbana che porterà non solo a migliorare non solo l'aspetto dell’area di via Maddalena, ma anche la funzionalitàe la sicurezza del dall'illuminazione alle aiuole, dai marciapiedi al manto stradale, senza dimenticare di predisporre servizi per il tempo libero dei giovani, come il campo da calcetto e l'area giochi per i più piccoli. calascibetta wol 2

    Soddisfatto ilsindaco di Calascibetta Piero Capizzi che dice “a conclusione del primo step del progetto Xibet Art ed in attesa della seconda parte programmata per il 2020, desidero ringraziare quanti hanno ideato e reso possibile questa meritoria iniziativa, che unisce arte a cultura. Un grazie particolare, va oltre agli artisti che con grande perizia hanno realizzato l'opera, a Mariasanta Buscemi che ha creduto nel percorso, con la passione e l'orgoglio delle sue origini, consentendo all'amministrazione comunale di investire proficuamente risorse pubbliche, per impreziosire un giàambizioso progetto di riqualificazione urbana delle aree di via Maddalena-Cicirello. Tutto, a partire dalle tematiche scelte e dagli obiettivi comunicativi, contribuiràa far crescere la consapevolezza del cittadino, quale attore protagonista e non semplice spettatore, delle scelte della comunità intesa come unico corpus, destinatario ed artefice al tempo stesso del proprio futuro. Questo il messaggio sotteso all'iniziativa, per la quale rinnovo la mia grande soddisfazione, auspicando che l'entusiasmo suscitato, anche nelle nuove generazioni, possa essere da stimolo per un ritrovato consapevole esercizio di cittadinanza”.

    Come evidenza la responsabile artistica Mariasanta Buscemi, “lopera, realizzata dai due artisti, perfettamente in linea con la mission affidata al progetto artistico generale, l’ambiente, un bene che, pur nel naturale e inarrestabile cambiamento delle cose e delle persone, deve essere protetto dalle alterazioni provocate dalluomo e consegnato più vivibile e più sano alle future generazioni.Nell'opera di Anc una bambina, simbolo del futuro e delle nuove generazioni, che con una mano sfiora un albero e le trasmette la sua energia. Questa contaminazione positiva è data dal verde nella sua mano e nella felpa. Quasi una magia. Con l'altra mano, invece, tiene un filo che sembra provenire dal suo zaino, legandola inesorabilmente agli strumenti capaci di cambiare in meglio il mondo: i libri, che vengono fuori dallo zaino, per sottolineare limportanza del sapere e della cultura, e gli strumenti che, simbolicamente, indicano come la natura può e deve essere salvaguardata dall'uomo, per un futuro eco-sostenibile in uno scambio reciproco, quasi empatico, tra lui e la madre terra. In un gioco di figure geometriche colorate, che si frastagliano nello sfondo, emergono invece i collage vintage di Demetrio di Grado: due donne, a valorizzare il ruolo delle donne nella societàdi oggi come in quella di ieri e, subito dopo, un anziano e una bambina, forse nonno e nipote, a significare il continuum della vita e la necessitàdella solidarietàtra generazioni diverse. L'antico delle stampe d'epoca, in bianco e nero, si amalgama armoniosamente con le luci, i colori e le forme geometriche, mentre i fiori, le foglie e i colibrì indicano la costante partecipazione della natura nelle nostre vite; per questo da proteggere. Gli sguardi di tutti i suoi personaggi sono nascosti da messaggi scritti; questa la cifra stilistica dell'artista”.

    Di Grado per questo suo lavoro ci dice lui stesso "il cambiamento è il messaggio della mia ricerca. Può rappresentare qualcosa di piacevole per alcuni, mentre per altri potrebbe invece essere una minaccia, fonte di preoccupazione e di stress. Il cambiamento, qualunque esso sia, deve partire prima di tutto dall'individuo”.

  •  

    La lega di Matteo Salvini fa il suo ingresso all'interno del consiglio comunale di Calascibetta con l'adesione dei consiglieri comunali lega calascibettaSalvo Dello Spedale e Carmelo Lo Vetri. L'adesione è stata ufficializzata nella giornata di mercoledì alla presenza di Giuseppe Savoca commissario provinciale e Saverio Cuci membro della segreteria regionale . Il commissario provinciale Giuseppe Savoca nell'augurare buon lavoro ai due neo consiglieri leghisti ha evidenziato come la Lega rappresenti una grande occasione di riscatto territoriale, "affidarsi alla Lega significa avere la sicurezza di un progetto politico a difesa del territorio e della sua identità ''.

  •  

     

    Il Presidente della Sezione UCIIM “Giovanni Paolo II” di Calascibetta, Dott. Fausto Maria Scalia, ha presentato, durante l’Assemblea fausto scaliadei Soci svoltasi giorno 18 ottobre 2018, il corso di formazione “Un mondo di emozioni da leggere ed apprendere!”, rivolto a Dirigenti Scolastici, Docenti ed Educatori.

    Il Presidente e i componenti del Direttivo sono convinti che la dimensione emozionale rappresenti per il futuro della scuola la nuova frontiera. L’esplorazione dell'immenso spazio interiore potrà consentire di valorizzare ogni diversità e formare esseri umani armonici e completi, capaci di esprimersi liberamente.

    Il percorso formativo proposto vuole essere un viaggio alla scoperta delle emozioni perché, come afferma Goleman, è importante riuscire a comprendere e controllare emozioni per la salute e il successo della vita, personale e lavorativo. Quando le lasciamo parlare, riusciamo infatti a dare una lettura diversa agli eventi, facilitando l’incontro con l’altro.

    Il corso sarà condotto da esperti nel settore, con attività formative e laboratoriali perché le competenze emozionali offrono all’insegnante la possibilità di rilevare e di intervenire nelle situazioni di disagio, disadattamento e altre situazioni di conflitto in classe, con strumenti psico - pedagogici diretti a promuovere il benessere e tutte le potenzialità di crescita individuali e del gruppo.

    Per informazioni è possibile inviare un e-mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • E' appena iniziata a Calascibetta la trasformazione dei due prospetti della Scuola Media plesso "G. Verga" dell'Istituto Comprensivo xibet artSanta Chiara di Enna realizzata grazie al progetto XibetART - finanziato dal Comune di Calascibetta e promosso dall'Associazione 360StartUP di cui è presidente Stefano Iannello, con il coordinamento artistico di Mariasanta Buscemi. Protagonisti della seconda fase del progetto che ha come leitmotiv, anche in questo step, l'ambiente con tutte le sue sfumature eco-sostenibili, i due street artists Antonio Barbagallo (detto ANC) già a lavoro sulla parte destra del prospetto e Ligama che lavorerà sulla parte sinistra. Prima di avviare la fase di vera e propria trasformazione i prospetti sono stati puliti e ripristinati con particolare attenzione e cura dall'amministrazione Capizzi per permettere agli artisti di lavorare su un fondo ideale. Direttore dei lavori di riqualificazione, il cui completamento è previsto entro la metà di febbraio, l'architetto Nicolò Mazza. Tanti i cambiamenti che saranno realizzati su direzione dell'architetto Mazza, per completare il percorso di rigenerazione urbana che porterà a migliorare non solo l'aspetto dell'area di via Maddalena, ma anche la funzionalità e la sicurezza del dall'illuminazione alle aiuole, dai marciapiedi al manto stradale, senza dimenticare di predisporre servizi per il tempo libero dei giovani, come il campo da calcetto e l'area giochi per i più piccoli. La Street Art si inserisce quindi in questo progetto più ampio di riqualificazione di un'area trascurata, attraverso delle opere d'arte a cielo aperto dense di grande significato.

  • Una rassegna teatrale che punta tutto sulla nuova drammaturgia siciliana con otto spettacoli in nta llariaabbonamento e tre eventi speciali. È Sulla Vetta. Teatro ad alta quota, cartellone interamente in scena al teatro Contoli Di Dio di Calascibetta (Enna) voluto e organizzato da Latitudini, Rete siciliana di drammaturgia contemporanea.

    Si parte oggi, sabato 14 dicembre, alle 20.30 con lo spettacolo inaugurale “’Nta ll’aria”, di Tino Caspanello, con Cinzia Muscolino, Alessio Bonaffini e Tino Calabrò, una produzione Teatro Pubblico Incanto – Smart. E sono già sold out gli abbonamenti per il centralissimo teatro xibetano che conta 99 posti e che è rientrato nel finanziamento regionale per il restauro dei teatri dell’Isola (classificandosi 27esimo su 27 teatri finanziati).

    Gli appuntamenti accompagneranno gli spettatori fino al 29 maggio 2020.

    La rassegna, che porta il marchio di Latitudini e conta sul patrocino del Comune di Calascibetta, il sostegno della Regione Sicilia e la collaborazione dell’associazione Contoli Di Dio, si presenta come un’occasione culturale di spessore: ogni appuntamento sarà preceduto da una breve presentazione e seguito da un dibattito con il pubblico. Il cartellone rientra nel circuito della Rete Latitudini che nella stagione in corso, sta puntando su Calascibetta, ma anche su Sperlinga e su Messina.

    “Da questa montagna al centro della Sicilia nasce Sulla Vetta – spiega Gigi Spedale, presidente della Rete Latitudini – un occhio alla Sicilia contemporanea e al teatro che più rappresenta la nostra terra, un occhio sui nuovi linguaggi che partono da tradizioni lontane”.

    “Condividendo e promuovendo questa stagione teatrale – commenta Maria Rita Speciale, assessore alla Cultura di Calascibetta – vogliamo raccogliere la sfida di sfruttare le peculiarità del nostro territorio con lo sguardo al futuro”.

    Tutti gli spettacoli hanno inizio alle 20.30. Per info, 0935.1976330, 327.0384250.

    SULLA VETTA. TEATRO AD ALTA QUOTA

    PROGRAMMA COMPLETO

    • 14 dicembre 2019

    'NTA LL’ARIA di Tino Caspanello con Cinzia Muscolino, Alessio Bonaffini e Tino Calabrò

    Produzione Coop. Smart – Milano (spettacolo inaugurale)

    • 10 Gennaio 2020

    COMU VENI FERRAZZANO di e con Giuseppe Provinzano

    Produzione Babel - Palermo

    • 24 gennaio 2020

    IL MIO NOME È CAINO con Ninni Bruschetta e Cettina Donato

    Produzione Nutrimenti Terrestri – Messina/Roma

    • 27 marzo 2020

    MALAFESTA di Rino Marino con Fabrizio Ferracane e Rino Marino

    Produzione Sukakaifa – Castelvetrano

    • 3 aprile 2020

    LONGA È A JURNATA – di e con Salvatore Arena e Massimo Barilla

    Produzione Mana Chuma – Reggio Calabria

    • 23 Aprile 2020

    VIRGINEDDA ADDURATA di Giuseppina Torregrossa con Egle Doria e Francesca Vitale

    Produzione La Memoria del Teatro – Catania/Milano

    • 15 maggio 2020

    IL NOSTRO AMORE SCHIFO di e con Luciana Maniaci e Francesco D’Amore

    Produzione Maniaci d’Amore – Torino

    • 29 maggio 2020

    SPETTACOLO

    dell’Associazione Contoli Di Dio – Calascibetta

    EVENTI SPECIALI

    fuori abbonamento

    • 20 dicembre 2019

    CHET con Giovanni Arezzo

    Produzione In Arte – Serradifalco evento di Natale

    • 2 Febbraio 2020

    MY NAME IS… 877 di Michele Celeste

    Produzione Officina Teatro – San Cataldo

    • 14 Febbraio 2020

    DAME BARBEBLEUE di e con Elisa Di Dio

    Produzione Arpa - Calascibetta

    l’incasso verrà interamente devoluto alla LILT – Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori

  •  

    Sì terrà sabato 7 settembre alle ore 20.00, presso la Chiesa di S. Giuseppe a Calascibetta (EN), il concerto, ad ingresso libero, del Ferrantevioloncellista palermitano Gabriele Maria Ferrante. L’evento è organizzato dall’Associazione Musicale “Antonino Giunta” di Calascibetta in collaborazione con l’Amministrazione comunale, la Proloco, il Circuito musicale “Midland”.

    Gabriele Maria Ferrante Nato nel 2000, a 8 anni ha iniziato a studiare violoncello con Giovanni Sollima e composizione con Marco Betta presso il Conservatorio di Palermo;consegue il Diploma in Violoncello con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del Maestro Francesco Ferrarini presso il Conservatorio "A. Scontrino" di Trapani. Nello stesso Conservatorio attualmente frequenta il II anno del Biennio di Composizione sotto la guida del Maestro Matteo Pittino.

    Vincitore di diversi concorsi nazionali e internazionali per giovani solisti, suona con prestigiosi gruppi orchestrali e formazioni cameristiche siciliane.

    Ha partecipato a diverse incisioni di colonne sonore del padre ed è dedicatario di composizioni di autori contemporanei italiani e stranieri (fra cui Maurizio Balzola, Enzo Avitabile, Marco Stassi, Massimiliano Damerini, Gustavo Gini, Thoman Bramel) da lui eseguite in prima assoluta.

    Attualmente si perfeziona a Pavia presso la Pavia Cello Academy diretta da Enrico Dindo.

    La giovane promessa si esibirà giorno 13 settembre nella prestigiosa Gläserner Saal Musikverein di Vienna in occasione della serata di gala del Virtuoso International Grand Prize di cui Gabriele Maria Ferrante è risultato vincitore. In programma musiche di: J. S. Bach e G. Cassadò.

  •  

    ''In riferimento alle osservazioni mosse da alcuni grillini o pseudo tali del comune di Calascibetta secondo i quali la recente savoca giuseppecostituzione del gruppo consiliare della Lega sia in contrasto con il regolamento consiliare, mi preme ricordare loro che la costituzione del gruppo è stata formalizzata in una seduta di Consiglio Comunale alla presenza del Segretario e del Presidente del Consiglio e in quella sede nessuna osservazione è stata mossa da chi di competenza. Capisco e comprendo comunque la natura di tale uscita, tutta riconducibile alla paura fondata che la voragine che si è appena aperta sotto i loro piedi porti all'estinzione il movimento cinque stelle a Calascibetta cosi come in ogni realtà amministrativa d'Italia. Infine, ritengo che il Segretario Comunale non necessiti di suggerimenti ''grillini'' nell'esercizio delle sue funzioni, in ogni caso indipendente da questi aspetti prettamente formali la Lega in consiglio comunale a Calascibetta è rappresentata dai consiglieri Dello Spedale e Lo Vetri ''.

    Così Giuseppe Savoca Commissario Provinciale Lega Salvini Sicilia Enna

  • A mezzo posta elettronica certificata abbiamo esposto al Presidente del Consiglio comunale di Calascibetta, sig. Francesco Lo m5slogoVetri,  le ragioni giuridiche per le quali a nostro avviso il partito denominato <<Lega Salvini Premier>> non può entrare a far parte dell'attuale consiliatura (2016 - 2021).

    Sig. Presidente

    da Organi di informazione stampata e online, e, soprattutto, da ufficiale dichiarazione durante seduta consiliare, apprendiamo che la <<Lega>> si sarebbe <<costituita>> in Gruppo in seno al Consiglio comunale di Calascibetta.

    A nostro avviso, alla luce dell'art. 46 del Regolamento sul funzionamento del Consiglio comunale dalla S.V. presieduto, il Partito politico denominato <<Lega>>, in quanto formazione politica avente proprio ed ufficiale Simbolo, Statuto e Regolamento interno, che non ha neppure partecipato alla competizione elettorale comunale del mese di giugno 2016, non può, sic et simpliciter, entrare a far parte dell'attuale consiliatura.

    Non può, sol perché Organi di informazione ne hanno "sancito", a torto, la sua <<entrata>> in Consiglio a seguito adesione di 2 Consiglieri comunali al citato Partito politico.

    Non può, sol perché è stata fatta dichiarazione ufficiale in Consiglio comunale, a nostro avviso, illegittima, di costituzione del Gruppo <<Lega Salvini Premier>>.

    Infatti, il comma 2 dell'art. 46 del citato Regolamento comunale stabilisce che <<il Consigliere che intenda appartenere ad un gruppo consiliare diverso da quello della lista in cui è stato eletto, deve darne comunicazione scritta al Presidente del Consiglio e al Segretario Comunale, allegando la dichiarazione scritta d'accettazione da parte dell'altro gruppo>>.

    Il terzo comma, prosiegue, d'altra parte, stabilendo che <<appartengono al gruppo misto i Consiglieri che non fanno parte di alcun altro gruppo regolarmente costituito>>.

    Orbene, da dette semplici, ma fondamentali e cristalline previsioni regolamentari discendono 3 princìpii:

    1) le formazioni politiche che possono entrare a far parte del Consiglio comunale sono solo e soltanto quelle che, come sopra accennato, abbiano partecipato alla competizione elettorale, e che abbiano, altresì, ottenuto voti a ciò utili e  sufficienti;

    2) l'unico passaggio possibile da un Gruppo consiliare all'altro è solo e soltanto quello da Gruppo consiliare regolaremente costituito a Gruppo consiliare regolarmente costituito, previa accettazione di quest'ultimo.  

    3) i Gruppi consiliari legittimamente costituiti sono solo e soltanto quelli formati da Consiglieri eletti nella medesima lista che si siano costituiti in Gruppo esercitandone la relativa facoltà (che possono anche non esercitare), come stabilito dal primo comma del citato art. 46: <<I Consiglieri eletti nella medesima lista formano, di regola, un gruppo consiliare>>.

    Per quanto sin qui esposto, Sig. Presidente,

    CHIEDIAMO ALLA S.V.

    di non riconoscere il Gruppo consiliare <<Lega Salvini Premier>> asseritamente costituito dai 2 Consiglieri prima appartenenti al Gruppo <<Riunire Calascibetta>> ed ora aderenti alla formazione politica denominata <<Lega>>, ma, ove dai predetti Consiglieri richiesto, riconoscerli come facenti parte del Gruppo misto, così come stabilito dal terzo comma del più volte citato art. 46.

    Meetup m5s Calascibetta

    La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.