DEDALOMULTIMEDIA
21-09-20

Ancos-Confartigianato

  •  

    È stato pubblicato in data 4 settembre il Bando per la selezione di 39.646 operatori volontari da impiegare in 3.797 progetti di servizio civile servizio civile universaleuniversale in Italia e all'estero. ANCoS Confartigianato è presente nel Bando con 2 progetti, uno dei quali ha tra le sedi di attuazione Enna. Il progetto in questione è “Più Sicuri Insieme: Terza campagna nazionale di informazione e sensibilizzazione contro le truffe e i raggiri agli anziani”. Per l'ammissione alla selezione è richiesto ai giovani candidati il possesso dei seguenti requisiti:

    1. cittadinanza italiana, ovvero di uno degli altri Stati membri dell'Unione Europea, ovvero di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;

    1. aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;

    2. non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

    Le domande di partecipazione online devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 10 ottobre 2019 attraverso la piattaforma DOL. Il riconoscimento ad opera del sistema, può avvenire in due modalità:

    1. I cittadini italiani residenti in Italia o all'estero e i cittadini di Paesi extra Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

    2. I cittadini appartenenti ad un Paese dell'Unione Europea diverso dall'Italia o a Svizzera, Islanda, Norvegia e Liechtenstein, che ancora non possono disporre dello SPID, e i cittadini di Paesi extra Unione Europea in attesa di rilascio di permesso di soggiorno, possono accedere ai servizi della piattaforma DOL previa richiesta di apposite credenziali al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

  •  

     

    La pala d’altare del XVII secolo custodita nella chiesa dei Cappuccini è tornata agli antichi splendori ed è stata riconsegnata alla la pala daltarecomunità.

    È terminato infatti il restauro conservativo avviato pochi mesi fa, firmato Ancos-Confartigianato e finanziato grazie al contributo del 2 per mille.

    Un lavoro che ha permesso di recuperare a 360 gradi l’opera che raffigura Santa Maria degli Angeli con i santi Francesco, Antonio, Chiara e Caterina.

    La Chiesa ha accolto una gremita platea che includeva i rappresentanti di Istituzioni locali, associazioni, ordini professionali, parrocchie, confraternite, studenti e cittadini.

    Presenti all’evento: Fabio Menicacci, segretario nazionale dell’Ancos; Peter Barreca, presidente provinciale di Confartigianato Imprese Enna; Francesca Andolina, presidente del Comitato territoriale Ancos di Enna; Maurizio Gulina, Vice-Presidente Nazionale del Patronato INAPA; il Soprintendente ai Beni Culturali Nicola Francesco Neri; il responsabile beni culturali della Diocesi di Piazza Armerina don Giuseppe Paci; il Sindaco della Città di Enna Maurizio Dipietro.

    Il Dott. Russo, della Soprintendenza ai Beni Culturali di Enna, ha illustrato le particolarità dell’opera, mentre la descrizione degli interventi tecnici di recupero sono stati relazionati da Pierpaolo Tirrito, restauratore e Presidente prov.le della categoria Artistico di Confartigianato Enna che ha dichiarato: questo intervento di restauro è stato realizzato a quattro mani in collaborazione con la collega restauratrice Maria Angela Sutera, oggi assente per cause impreviste, insieme alla quale è stato portato a compimento il progetto di recupero della Pala d’Altare.