Trentasei ore di riposo. Un impasto di grani antichi siciliani che riprende la tradizione ennese di utilizzare grano duro assieme a cna pizzaquello tenero della tradizione napoletana. Timilia, Maiorca e semina rimacinata sono la base di un impasto morbido dal sapore deciso per ospitare ingredienti forti della tradizione ennese. Tuma, salsiccia locale e piacentino DOP.
Questa la pizza che l'associazione ennese pizzaioli CNA ha presentato ieri all'iniziativa dal titolo "Pizza, caratteristiche, valore e opportunità" e che a partire da stasera troverete a disposizione al Pizza Enna Fest.
Battezzata alla presenza dei vertici CNA e dell'Amministrazione comunale, la Pizza Ennese è stata oggetto di un interessante dibattito a cui hanno partecipato importanti relatori: Gabriele Rotini, Segretario Nazionale Cna Agroalimentare; Tindaro Germanelli - Segretario regionale CNA Agroalimentare; Alfio Spina - Ricercatore del CREA e Sandra Greco- nutrizionista.
"La pizza è uno dei settori con le migliori performance dell'economia italiana - ha dichiarato il responsabile nazionale Agroalimentare CNA, il dottor Rotini - che occupa più di 100 mila pizzaioli, 200 mila nei fine settimana. E' un fenomeno in grandissima diffusione che ha abbandonato da tempo le caratteristiche di cibo veloce ed economico per diventare un piatto indennitario e di qualità." Rotini, che è stato uno dei principali attori del riconoscimento della pizza da parte dell'Unesco, ha espressamente individuato nelle caratteristiche della pizza ennese qualità specifiche uniche che la distinguono da quella prodotta nel resto di Italia. Diversità riprese dal responsabile regionale Germanelli che ha individuato nel percorso di certificazioni la soluzione migliore per dare valore a un prodotto fortemente riconoscibile.
Caratteristiche che l'intervento del Dott. Spina, ha spiegato sulla base delle reologia dei prodotti usati nell'impasto. Il dott. Spina ricercatore del CREA che ha fornito una importante carrellata sulle principali caratteristiche dei grani, fornendo importanti indicazioni sullo sviluppo di impasti con un uso più ampio di prodotti locali e genuini.
Genuinità garantita da un impasto che usa farine "integre" che contengono la parte migliore dei grani siciliani.
Genuinità che come ha successivamente ripreso la Dott.ssa Greco, conosciuta nutrizionista ennese, è alla base di uno stile di vita sano e longevo. "La pizza è un ingrediente buonissimo ma con un impatto importante che può essere gustato al meglio se si osservano alcune regole che favoriscono la sua digeribilità e la tolleranza da parte dell'organismo". Regole a cui si presta la massima attenzione.
Così la pizza ennese vuole essere sana, ma anche straordinariamente buona.