Fatti a mano

dunarea de jos 2018

Geppina Macaluso - E la Navi d’oru va...

Ad Enna ogni anno, il 2 luglio, ricorre la festa della Madonna della Visitazione, Patrona della città. E’ ss. maria visitazioneuna festa antica di secoli che ancora mantiene nell’animo degli ennesi il fervore religioso di sempre. La processione sfila per le vie tortuose dei quartieri antichi seguendo il percorso che venne indicato dal volo di due colombi. La processione parte dal Duomo e raggiunge la chiesa di Montesalvo dove la statua della Madonna sarà esposta per due settimane. Lunedì mattina i festeggiamenti sono annunciati dallo sparo di cento colpi di cannone che rintonano in tutta la vallata e raggiungono i paesi vicini.

 

E la Navi d’oru va...

 

Centu corpa di cannuna

arriviglianu l’Ennisi

propriu oggi u dui dû misi

si festeggia la Patruna

Madunnuzza Matri ranni

quanta fudda pi la via

quantu genti a pedi ’nterra

câ preghiera Ti ringrazia

p’un miraculu ’na grazia

supplicati e ricivuti

pi ’na sufferenza amara

dâ persuna c’hai cchiù cara

quantu braccialetti e aneddi

appuntati nâ vistina

di ’sta Matri ’sta Bammina

di ’sta Stidda e occhi beddi

E la Navi d’oru va

’ncapu i spaddi traspurtata

di li Nudi ’nvesti bianca

di li banni accumpagnata

san Micheli e san Giuseppi

li stinnardi azzurri e bianchi

li carusi e i virgineddi

li rusarî e a litania

a lu gridu Viva Maria

pi li strati angusti e stritti

tapezzati ’i finisciuna

chini di coperti bianchi

di merlettu oppuri ’i sita

d’unni partunu a cannisci

rosi e sciuri ’mprofumati

chiovi amuri ’ncapu a vara

di la nostra Matri cara

ntê vaneddi li mascuna

palloncini colorati

picciriddi ’mbrazza ê matri

Un diadema tuttu d’oru

di smiraldi di rubini

di turchisi acquimarini

a timpesta di brillanti

rilucenti sfaviddanti

cu lu suli i stiddi a luna

pari fatta ’sta curuna

T’incurnicia a facci amata

si a Regina dî regini

Matri nostra ’mmaculata

E la Navi d’oru va

pi li strati ’i ’stu paisi

pi Tia Matri di l’Ennisi

tutta ’nfesta è la città

E chiancennu Ti pregamu

Tu ni guardi e ni surridi

ni riinchi u cori ’i fidi

di ducizza e d’umiltà

Ne lu celu li palummi

fannu voli d’allegria

disignannu un cori ranni

lu To’ cori o Maria

 

Geppina Macaluso

poesia tratta da “Comu acqua di surgiva”