Fatti a mano

dunarea de jos 2018

Geppina Macaluso - Un jornu di maggiu

Geppina Macaluso

“Giovanni Falcone e Paolo Borsellino rappresentano i nostri modelli per geppinal'organizzazione del lavoro, con le indagini patrimoniali e analitiche. Ancora oggi i magistrati seguono questi modelli". Sono le parole del procuratore nazionale Antimafia Federico Cariero de Raho, ricordando il sacrificio di due uomini dello Stato che 26 anni fa hanno dato la vita per affermare i valori in cui credevano. Il 23 maggio, ogni anno, segna per Palermo un appuntamento che vede la presenza di mille studenti provenienti da tutta Italia che raggiungono la Sicilia con la “Nave della Legalità”, altri 70mila giovani coinvolti in tutto il Paese, 700 scuole che hanno partecipato al concorso”Angeli custodi: l’esempio del coraggio, il valore della memoria”, indetto dal Miur, dalla Fondazione Falcone, presieduta dalla sorella Maria, con la collaborazione della Polizia di Stato.

Nel II^ anniversario della strage, la presidente della Fondazione Falcone invitò la poetessa Geppina Macaluso a recitare al Teatro Zappalà, dove erano riuniti gli studenti e le autorità, la poesia “Un jornu di maggio” . E’ una lirica densa di pathos, in cui la natura partecipa al lutto per la strage: il cielo è di colore nero, sembra che piange e non c’è nessuno che cammina per le strade. Le finestre delle case sono chiuse e non si sente né il vocio dei bambini né il canto degli uccelli e nei vasi i fiori sono appassiti. In questa scena surreale una voce sussurra il motivo del silenzio: il lutto per i due magistrati e per tutti coloro che hanno perduto la vita nella lotta alla mafia.

 

Un jornu di maggiu

Mi pari ancora notti stamatina

u celu è tuttu niuru cupunatu

pari ca chianci u suli un a spuntatu

nun c’è ’n’arma pi strata ca camina

Su tutti chiusi i finesci di li casi

nun sentu lu vucìu dî picciriddi

unni su l’aceddi i cani i gattariddi

pirchì ssi sciuri morti ne li vasi

Rapu u barcuni e mettu a testa fori

a votu a destra a manca un viu nenti

unni spireru tutti quanti i genti

forsi è accussi u munnu quannu mori

Sentu ’na vuci tristi e scunsulata

mi parla adasciu forsi a vuci ’u ventu

è rutta ’i chiantu c’a sentu a stentu a stentu

mi cunta pirchì è niura ’sta jurnata

Na vota all’annu un jornu di maggiu

mentri a natura canta è tutta ’n sciuri

nuj tinimu lu luttu a dui signuri

ca mureru pirchì avìanu coraggiu

Lu coraggiu d’amari a nostra terra

di vulirla cchiù onesta cchiù pulita

propriu pi chissu ci lassarru a vita

ne ’n’apparenti paci c’era a guerra

Omini boni onesti e giusti assai

nun cultivannu iddi mancu un viziu

misiru tutta a vita a lu serviziu

di un popolu e ’na terra china ’i guai

Lottaru contru tutti pi aiutari

li genti a viviri cu cchiù dignità

contru i magagni a malavolontà

di chiddi ca i vulianu fermari

La vita di dui ranni magistrati

ranni ne lu cori e ne la menti

ammazzati ’nsemi a autri ’nnoccenti

pi salvari ’sti popoli straziati

La tristi vita di duj omini veri

veri ne li idei e ne li fatti

mureru senza mai scinniri a patti

pi abbattiri un re e li so’ imperi

Li misi ’nsemi dda sorti tristi e amara

’na gioventù u travagliu ne la morti

beddi nell’arma e ’nto cori forti

dettiru a vita pi la terra a iddi cara

Beni ora u sai c’ogni annu un jornu ’i maggiu

nui li chiancimu ’sti figli sfortunati

nun sulu iddi ma tutti l’ammazzati

pi l’amuri u doviri lu coraggiu

Sta terra ’i suli di sciauri di sciuri

’na vota all’annu si metti un velu neru

sperannu ne la paci e nell’amuri

chianci ’sti beddi figli o cimiteru

 

Geppina Macaluso

 

 

La poesia è tratta dalla silloge “Stiddi a

primavera”, Target editrice, Enna, 1997