Parliamone insieme

Formazione Professionale: tavolo di confronto con il governo nazionale

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha chiesto ufficialmente l’apertura del tavolo di confronto fra nello musumeciGoverno nazionale e Governo Regionale sulla vicenda Formazione. Il buon senso e lo spirito di grande responsabilità alla fine hanno prevalso, il presidente Musumeci, ha inviato una missiva indirizzata al Ministro Di Maio, dove chiede l'intervento del Governo per la soluzione della vertenza di tutti i lavoratori della formazione professionale e degli ex Sportelli multifunzionali afferenti all'albo regionale. Un atto di grande responsabilità da parte della politica regionale che scongiura la perdita di migliaia di posti di lavoro in una terra, come la Sicilia, già martoriata dall'alto tasso di disoccupazione. Le problematiche della formazione professionale, che si sono trascinate negli anni, affondano le radici nei governi precedenti. Oggi la vicenda Formazione, con migliaia di padri di famiglia senza lavoro, ha assunto le caratteristiche di una vera e propria emergenza sociale. Grazie alle sigle sindacali che hanno creduto nell’intervento governativo, come unica soluzione per ottenere strumenti economici e legislativi, si intravede uno spiraglio e la speranza di uscire da un "inferno" durato troppi anni. Le sigle promotrici di questo importante risultato, rimangono a disposizione di tutte le parti per una proficua e attiva collaborazione nella speranza di rivedere tutti gli ex lavoratori della formazione, riprendere il proprio posto di lavoro nel minor tempo possibile.

USB Lavoratori Liberi  Sandro Cardinale

Ex Sportelli Multifunzionali  Maurizio Galici

Gli Irriducibili della F.P Siciliana  Adriana Vitale

COBAS   Gianfranco Bono

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna