Il Taccuino
captcha
Newletters

luisa lantieriarmando glorioso def

Teatro Garibaldi: una grande realtà, ma ...

Qualcuno malignamente ha interpretato il nostro primo servizio come un attacco al Teatro garibaldiGaribaldi di Enna, teso alla destabilizzazione di chi lo amministra. Niente di più falso e chi dice o pensa questo, ha la coda di paglia. Noi non siamo “vipere” pronti ad addentare chissà quali ignari passanti, ma siamo quelli che sono abituati a porsi delle domande.

La stagione 2016/17 è certamente una stagione di alto livello così come abbiamo sottolineato, con un cartellone di valore; da tre anni il piccolo, ma gradevolissimo teatro ha riaperto i battenti grazie al sindaco Garofalo e da allora si pone al centro dell'attività culturale della città.

Detto questo, però, non possiamo esimerci dal fare alcune considerazioni, senza volere additare alcuno. In tre anni, come dicevamo nel precedente servizio, il costo della stagione teatrale si è quasi raddoppiato, diminuendo gli spettacoli in cartellone e con un aumento considerevole del costo degli abbonamenti e con incassi non certo incoraggianti.

Il Teatro Garibaldi ha un suo direttore artistico nella persona di Mario Incudine, lo straordinario cantante popolare ormai conosciuto in ogni dove, un consiglio di amministrazione composto dal sindaco, assessore al ramo, responsabile dell'ufficio, lo stesso direttore artistico e tre garanti.

Il direttore artistico ha scelto come partner per la realizzazione di laboratori teatrali la famosa e professionale Compagnia dell'Arpa di Calascibetta, così come ha scelto la Gnc Press quale ufficio stampa della stagione.

Quello che vorremmo capire lo facciamo attraverso alcune domande che se avessero delle risposte ci farebbe fare una idea più completa di come funzionano le cose.

1 - E' vero che la Compagnia dell'Arpa è quella che produce gli spettacoli del direttore artistico Mario Incudine?

2 - Come mai all'ufficio stampa non è stato affiancato qualche giovane promessa del giornalismo locale?

3 - E' vero che ad un componente la commissione dei garanti del teatro, nella qualità di vice presidente di una associazione sono stati dati contributi per il Premio Sollima pari a circa 11 mila euro? E sempre allo stesso componente 3 spettacoli di musica classica?

4 - E' vero che ad un componente la commissione dei garanti del teatro è stato dato uno spettacolo di “Enna per Enna”?

5 - E' vero che uno spettacolo di jazz sia stato venduto al Comune di Enna dal figlio di un consigliere comunale?

Sono queste alcune semplici domande che probabilmente si pongono in tanti, ma non per creare lo scandalo, ma semplicemente per conoscere le cose e per far sì che il Teatro Garibaldi sia sempre più al centro dello spettacolo non solo siciliano.

Certo ci sarebbe piaciuto che fossero state coinvolte più realtà locali, come associazioni, compagnie teatrali, ecc.ecc., dal momento che stiamo parlando di cultura. Ma per questo c'è sempre tempo.

Massimo Castagna

Qr Code