Proteste.doc.com.it
captcha
Newletters

Il Natale che doveva esserci e che forse ci sarà

Natale al Centro 1

“AVVISO ALLA CITTADINANZA: a causa di problemi tecnici non dipesi dall'associazione, l'evento di INAUGURAZIONE già posticipato di un giorno, viene nuovamente rinviato. Ci auguriamo di risolvere questi problemi tecnici nel più breve tempo possibile e recuperare i giorni perduti.

A conferma di quanto detto, OGGI presso Piazza Crispi (Belvedere) alle ore 16 inizierà la programmazione del BOSCO DEGLI ELFI con l'animazione per bambini e l'incontro con Babbo Natale.

L'associazione La Fabbrica si scusa per il disagio e assicura il massimo impegno per la realizzazione dell'evento”.

Questo l’avviso comparso circa cinque ore fa sulla pagina facebook dell’Associazione La Fabbrica ovvero l’associazione che dopo aver ottenuto i finanziamenti del Comune di Enna per organizzare il tanto vantato “Natale al Centro” oggi, già con un giorno di ritardo rispetto alla data di inizio degli eventi prevista per ieri, 17 dicembre alle ore 17.00, si scusa parlando di problemi tecnici non dipesi dall’Associazione.

Ebbene, se si decide di scusarsi innanzi tutto lo si deve fare con cognizione di causa spiegando il perché ed il percome della mancata realizzazione di un qualcosa. Cosa significa “per problemi tecnici non dipesi dall’Associazione”? Non significa assolutamente nulla o, al massimo, se proprio si vuole cercare un significato, significa “non è colpa nostra”.

La causa potrebbe essere il maltempo, per esempio. Chi mai  avrebbe immaginato che ad Enna, il capoluogo più alto d’Italia, ci sarebbe stato un clima piuttosto “freddino” con punte di 3°?
Un’altra causa potrebbe essere l’ aver realizzato che la tanto acclamata pista di pattinaggio è stata posizionata in una zona in pendenza e che pertanto, una volta indossati i pattini e una volta entrati all’interno della pista si potrà sperimentare l’effetto della gravità in assenza di attrito e andarsi a schiantare contro i muri esterni del Banco di Sicilia. Ovviamente le nostre sono battute e stiamo cercando di sdrammatizzare su qualcosa che invece è triste, perché alla luce degli eventi che durante quest’anno abbiamo visto realizzarsi ad Enna, è evidente che ad Enna qualcosa si può organizzare, al momento in cui ad occuparsi della stessa, siano enti, associazioni o aziende in grado di farlo. Il fatto che a 2 giorni di ritardo la pista di pattinaggio, il fantomatico villaggio di Babbo Natale, la zona dei mercatini e tutto quello che sembrava far parte di questo Natale, siano ancora in allestimento, dimostra come, evidentemente queste professionalità nel campo organizzativo siano momentaneamente inesistenti o non pervenute.

Quindi, per capire, se la responsabilità di un flop non dipende da chi il flop lo ha causato, la colpa di chi è?

Ce lo chiediamo sinceramente e avremmo gradito che così come in data 8 dicembre l’Associazione organizzatrice di “Natale al Centro” si è premurata di mandarci un comunicato stampa per promuovere il Villaggio Natalizio da inaugurare il 17 dicembre (facendoci, di fatto, pubblicare una notizia non vera), sarebbe stato un gesto altrettanto gradito quello di ricevere un comunicato con le spiegazioni “tecniche” di tale gravissimo ritardo.

Ma torniamo un po’ più indietro nel tempo, sempre nella pagina facebook de La Fabbrica, l’Associazione, in data 28 novembre, comunicava alla cittadinanza che una volta ottenuti i fondi dal Comune avrebbero potuto dare vita al Primo Villaggio Natalizio ad Enna; nello stesso post l’Associazione si augurava che nessuno si sarebbe opposto al loro progetto così da poterlo attuare… è triste constatare che è proprio la stessa Associazione la prima oppositrice di se stessa.

Per non parlare della delusione causata a tutti coloro i quali provavano una sorta di soddisfazione perché finalmente anche ad Enna quest’anno si sarebbe respirata aria natalizia. E invece niente, anche quest’anno niente, con l’aggravante che i lavori in atto per la realizzazione del villaggio natalizio sono lì, sotto gli occhi di tutti, a ricordarci quello che sarebbe potuto essere ma che non è stato.

Ci avevamo creduto davvero di poter vedere per le vie del centro cittadino un mercatino con 20 casette in legno illuminate e decorate con tradizionali addobbi natalizi con dolciumi, prodotti tipici del nostro territorio, oggettistica da regalo, libri, vino, cioccolate calde e tanto altro ancora; una pista di pattinaggio su ghiaccio vero coperta ed il Bosco degli Elfi con annessa Casa di Babbo Natale ed un grande Albero illuminato, animazione per bambini e  tutta una serie di eventi artistici, musicali e sportivi in programma… e invece no, niente di tutto questo, anche quest’anno agli ennesi è stato rubato il Natale. Ma non disperiamo. Magari per ferragosto tutto sarà pronto, in fin dei conti Babbo Natale ha una certa età, ed è giusto che si goda un po’ il sole.

In realtà le foto pubblicate nell’articolo sono talmente eloquenti che sarebbe bastato pubblicare solo quelle, ma a questo punto, è opportuno dire pure qualcos’altro.

Un Natale a 5 stelle sfumato, questo il Natale delle strade ennesi di quest’anno, se si considera che il presidente della Fabbrica è un militante 5 stelle che, giustamente, in pieno spirito del Movimento si da fare per migliorare la propria città. Certo, a pensarci bene il fatto che una associazione che è di fatto espressione del Movimento 5 Stelle riesca, tra l’altro senza difficoltà, ad ottenere i fondi per realizzare il proprio progetto, porterebbe a pensare, così, con una lettura superficiale, che il M5S venga politicamente e praticamente avvantaggiato  dal Sindaco Dipietro e questa cosa,  seppur fatta nella totale trasparenza e legalità, lascia un po’ pensierosi sul modo di agire dei grillini ennesi. Ma si sa, tra il dire e il fare…

Restiamo ancora in attesa di sapere, nello specifico, quali siano i “motivi tecnici” di questo imperdonabile ritardo, sottolineando che, a questo punto, il Comune di Enna dovrebbe revocare il finanziamento per palese inadempimento. Magari questi soldi sarebbero potuti andare nelle casse di qualche altra Associazione che con più professionalità avrebbe organizzato qualcosa, evitando di lasciare Enna orfana del Natale. Ma con i se e con i ma la storia non si fa.

Manuela Acqua

Natale al Centro 2

Commenti   

 
0 #10 Tanin 2016-12-29 19:01
Caro Michele i frollini sono incapaci di autocritica. Chi non la pensa come loro è un apostata , un infedele.quake è la differenza tra loro e i fanatici dell'isis.Parag one esagerato? Nella distanza non credo
Citazione
 
 
+1 #9 michele 2016-12-29 09:41
il sig. Luca Cino è per caso il presidente dell'Ass.La Fabbrica, quella che ha fallito miseramente sulla iniziative di natale? E lei parla di Giornale Inutile? Lei che ha dimostrato il nulla critica gli altri?
Ha ragione Tanin voi grillini pensate di essere migliori degli altri e criticate tutto e tutti. Ma vi siete mai guardati allo specchio? Ma almeno quando siete tra voi riuscite a mettere a nudo quanto siete presuntuosi? Per questo modo di fare non vi voterei mai.
Citazione
 
 
0 #8 Luca Cino 2016-12-28 17:50
giornale inutile!
Citazione
 
 
+2 #7 Tanin 2016-12-23 21:58
I cinque stelle sono come i fili elettrici, chi li tocca muore . Dopo il totalitarismi del secolo scorso comunisti e fascisti non ci resta che sperimentare quello dei cittadini stellati unti dal signore. Chi li critica è schiavo dei poteri forti e bla bla bla
Citazione
 
 
+1 #6 marisa 2016-12-20 11:31
la giornalista Manuela Acqua ha evidenziato una problematica e commentato con un suo parere. Mi sembra assolutamente legittimo, caro Babbo Natale; lei sa che esiste il diritto di critica?
Il problema vero è che per i 5 stelle c'è sempre qualcuno sbaglia,tranne loro. E invece loro sbagliano, eccome!
Citazione
 
 
0 #5 Patrinicola Paolo 2016-12-19 18:35
Premettendo che non ho mai avuto dubbi che questa testata giornalistica è stata sempre libera di esprimere la propria opinione, ma mi premeva fare i complimenti alla giornalista Acqua, per la libertà di pensiero espresso in questo articolo. E mi riservo di contattarla per darle notizie su l'operato di questa amministrazione.
Cordiali Saluti
Citazione
 
 
0 #4 Indignato 2016-12-19 14:32
La prima Repubblica
non si scorda mai
la prima Repubblica
tu cosa ne sai...
Citazione
 
 
+3 #3 Mario rizzo 2016-12-19 12:49
Disamina inappuntabile.c i aspettava ben altro dal "nuovo."
Citazione
 
 
+3 #2 giufà 2016-12-19 12:05
solo una parola , Vergogna
Citazione
 
 
-1 #1 Babbo Natale 2016-12-19 07:54
Dico Io ma si poteva fare un articolo più polemico? In effetti mi sembra difficile non sfogarsi per qualcosa che sta lasciando l'amaro in bocca come questa agognata atmosfera natalizia e mai ottenuta ad Enna fino ad ora. Quando qualcuno ci prova, e non con poche difficoltà, imputabili a chi poi si capirà, mi sembra giusto andare a colpire cosa(?): il M5S. Complimenti alle illazioni di basso profilo che un giornalista non dovrebbe esprimere oppure l'autore è anche magistrato o forza dell'ordine? Non ritengo utile per nulla questo articolo che non fornisce alcuna informazione rilevante al cittadino se non quella atta a creare maggiore sconforto e sfiducia verso chi, non dimentichiamolo , come prima sfida ha organizzato il buskers Enna festival che non è stato un flop, mi pare. Penso che una notizia non debba riportare opinioni personali, illazioni senza fondamento ed accuse rivolte a persone che non avete neanche il coraggio di nominare. Complimenti per il nulla!
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Qr Code