Parliamone insieme
captcha
Newletters

luisa lantieriarmando glorioso def

UDC: non siamo il bancomat di nessuno!

l’UDC della Provincia di Enna,

- preso atto della disponibilità delle candidature alle prossime elezioni per il logo uscrinnovo dell’Assemblea Regionale da parte di due professionisti già militanti del partito e residenti nei comuni di Nicosia e Regalbuto ;

- avendo appurato che altri (evidentemente persone autorizzate dal Partito ma non appartenenti alla struttura provinciale UDC di Enna) hanno presentato una lista con due candidature ;

- non condividendo i metodi di “reclutamento” vetusti e rispondenti a calcoli squisitamente aritmetici di esclusivo interesse elettoralistico che hanno caratterizzato le “adesioni” disinteressate avvenute, tra l’altro, da parte di molte personalità politiche siciliane che possono essere classificate tra “new entry” - “rientri” - “ritorni” - “ospiti” - “indipendenti” e convertiti e fulminati dell’ultima ora sulla via di Damasco, nelle varie liste provinciali della Sicilia, non ultima quella di Enna, che nulla hanno a che vedere con la condivisione dei valori e dei principi etici dei padri storici del cattolicesimo democratico di cui l’UDC dovrebbe esserne, per continuità storica, espressione ;

- atteso pure che la legge elettorale prevede la costituzione del c.d. listino a cura del Presidente che, nello spirito di coloro i quali lo hanno introdotto dovrebbe garantire uno spazio a uomini e donne prelevati dalla società civile con l’inserimento di n.6 nominativi a sostegno del candidato Presidente, On. Musumeci che, in caso di successo, entrerebbero a far parte della deputazione regionale ;

- considerato che uno dei 6 sopracitati posti del listino è stato segnalato dall’UDC Sicilia ;

- avendo l’UDC di Enna, presentato richiesta ai superiori organi di Partito di potere fare parte, con un proprio nominativo rappresentativo e qualitativamente competente, del listino del Presidente ;

- non essendo stata presa nella giusta considerazione da parte degli organi regionali del partito dell’UDC la richiesta avanzata perché neanche posta all’attenzione di un tavolo tecnico-politico che potesse dare una pur qualsiasi e motivata risposta ;

- che della consequenziale accettazione della superiore richiesta ne avrebbe tratto vantaggio tutta la collettività provinciale oltre a favorire la crescita del Partito in Provincia di Enna, costituendo pure un principio di discontinuità e di rinnovamento con il passato, soprattutto dopo la scissione avvenuta appena un anno fa iniziando, così, un percorso credibile con nuova linfa e non con i soliti noti ;

- consci, altresì, che l’UDC di Enna ha dato sempre e fedelmente il proprio contributo in ogni competizione elettorale, raggiungendo alle politiche del 2012 la più alta percentuale di voti tra i comuni capoluoghi di provincia in Sicilia, senza avere mai ricevuto o avanzato richiesta di “bende” o “prebende” ;

- non condividendo, conseguentemente, né le scelte delle candidature, salvaguardando però il rispetto per le persone, né il metodo con il quale è stata presentata la lista UDC nella provincia di Enna, né tantomeno quello con il quale è stato designato il rappresentante dell’UDC in seno al listino del Presidente,

per quanto sopra espresso e considerato,

i Commissari Comunali UDC della Provincia di Enna, assieme al Commissario Provinciale Michele Macaluso, rappresentano all’opinione pubblica con il presente documento, nel rispetto delle proprie scelte, della propria autonomia e della propria dignità territoriale che non può essere meno di quella delle altre province più grandi, l’indignazione e la contrarietà dell’UDC della Provincia di Enna che non vuole continuare ad essere considerata ancora il “bancomat” del partito da dove prelevare, senza oltretutto rimpinguare le risorse, dichiarando fin da ora che continueranno, comunque, a sostenere la candidatura dell’On. Nello Musumeci alla Presidenza della Regione Siciliana.

 

I Commissari Comunali UDC della Provincia di Enna, assieme al Commissario Provinciale Michele Macaluso

 

 

La Sezione “Parliamone Insieme” è riservata a quanti hanno da dire qualcosa apponendo la propria firma agli scritti inviati alla Redazione. La Redazione controlla soltanto che non vi sia un linguaggio scurrile e offensivo. Chi si firma è responsabile del suo operato e solleva la Redazione da ogni responsabilità.



I Commissari Comunali UDC della Provincia di Enna, assieme al Commissario Provinciale Michele Macaluso,

nella riunione svoltasi giorno 5 c.m. con all’ordine del giorno il tema delle elezioni regionali, hanno approvato all’unanimità il seguente documento :

l’UDC della Provincia di Enna,

- preso atto della disponibilità delle candidature alle prossime elezioni per il rinnovo dell’Assemblea Regionale da parte di due professionisti già militanti del partito e residenti nei comuni di Nicosia e Regalbuto ;

- avendo appurato che altri (evidentemente persone autorizzate dal Partito ma non appartenenti alla struttura provinciale UDC di Enna) hanno presentato una lista con due candidature ;

- non condividendo i metodi di “reclutamento” vetusti e rispondenti a calcoli squisitamente aritmetici di esclusivo interesse elettoralistico che hanno caratterizzato le “adesioni” disinteressate avvenute, tra l’altro, da parte di molte personalità politiche siciliane che possono essere classificate tra “new entry” - “rientri” - “ritorni” - “ospiti” - “indipendenti” e convertiti e fulminati dell’ultima ora sulla via di Damasco, nelle varie liste provinciali della Sicilia, non ultima quella di Enna, che nulla hanno a che vedere con la condivisione dei valori e dei principi etici dei padri storici del cattolicesimo democratico di cui l’UDC dovrebbe esserne, per continuità storica, espressione ;

- atteso pure che la legge elettorale prevede la costituzione del c.d. listino a cura del Presidente che, nello spirito di coloro i quali lo hanno introdotto dovrebbe garantire uno spazio a uomini e donne prelevati dalla società civile con l’inserimento di n.6 nominativi a sostegno del candidato Presidente, On. Musumeci che, in caso di successo, entrerebbero a far parte della deputazione regionale ;

- considerato che uno dei 6 sopracitati posti del listino è stato segnalato dall’UDC Sicilia ;

- avendo l’UDC di Enna, presentato richiesta ai superiori organi di Partito di potere fare parte, con un proprio nominativo rappresentativo e qualitativamente competente, del listino del Presidente ;

- non essendo stata presa nella giusta considerazione da parte degli organi regionali del partito dell’UDC la richiesta avanzata perché neanche posta all’attenzione di un tavolo tecnico-politico che potesse dare una pur qualsiasi e motivata risposta ;

- che della consequenziale accettazione della superiore richiesta ne avrebbe tratto vantaggio tutta la collettività provinciale oltre a favorire la crescita del Partito in Provincia di Enna, costituendo pure un principio di discontinuità e di rinnovamento con il passato, soprattutto dopo la scissione avvenuta appena un anno fa iniziando, così, un percorso credibile con nuova linfa e non con i soliti noti ;

- consci, altresì, che l’UDC di Enna ha dato sempre e fedelmente il proprio contributo in ogni competizione elettorale, raggiungendo alle politiche del 2012 la più alta percentuale di voti tra i comuni capoluoghi di provincia in Sicilia, senza avere mai ricevuto o avanzato richiesta di “bende” o “prebende” ;

- non condividendo, conseguentemente, né le scelte delle candidature, salvaguardando però il rispetto per le persone, né il metodo con il quale è stata presentata la lista UDC nella provincia di Enna, né tantomeno quello con il quale è stato designato il rappresentante dell’UDC in seno al listino del Presidente,

per quanto sopra espresso e considerato,

i Commissari Comunali UDC della Provincia di Enna, assieme al Commissario Provinciale Michele Macaluso, rappresentano all’opinione pubblica con il presente documento, nel rispetto delle proprie scelte, della propria autonomia e della propria dignità territoriale che non può essere meno di quella delle altre province più grandi, l’indignazione e la contrarietà dell’UDC della Provincia di Enna che non vuole continuare ad essere considerata ancora il “bancomat” del partito da dove prelevare, senza oltretutto rimpinguare le risorse, dichiarando fin da ora che continueranno, comunque, a sostenere la candidatura dell’On. Nello Musumeci alla Presidenza della Regione Siciliana.

Commenti   

 
-3 #6 Gianni 2017-10-08 19:17
È arcinoto che l’udc ha votato insieme alle lega e cinque stelle così come è altrettanto noto che milioni di cattolici non votatano udc
Citazione
 
 
-2 #5 Rino 2017-10-07 21:26
Caro sig.michele, si tranquillizzi la mia è solo una constatazione
Citazione
 
 
+2 #4 Michele 2017-10-07 21:20
Caro sig, Tommaso, a Lei piace vincere facile, è notorio che l'UDC assieme a tutte le altre liste di centro destra hanno votato NO al referendum e in questo caso l'insipienza,co me Lei afferma, è tutta sua, dal momento in cui il risultato referendario non ha dato dubbi sul giudizio espresso dal popolo. Ad ogni modo non vedo cosa c'entri con il contesto dell'articolo. Da quel che asserisce nutro dei dubbi sul suo concetto di democrazia e del rispetto delle minoranze che fino a quando questa Costituzione e questa legge elettorale non verranno cambiate daranno origine alle alleanze tra partiti grandi e piccoli, almeno che Lei non gradisca la presenza dei Cattolici in politica, ma questa è tutta un'altra storia.
Le auguro una buona notte.
Citazione
 
 
-5 #3 Tommaso 2017-10-07 19:27
Ragazzi vogliamo scherzare. Tre amici al bar o forse due che blaterano di rilancio della Sicilia . Piccolissime formazioni che mendicano poltrone e si lamentano quando non riescono ad ottenerle. Scommetto che hanno votato No al referendum di dicembre ed ora raccolgono il frutto avvelenato della loro insipienza.
Citazione
 
 
+3 #2 Michele 2017-10-07 15:49
Caro sig. Rino,
ho letto con attenzione il suo commento ma non si capisce se vuole essere una critica, un auspicio, una previsione,un sarcasmo, un proprio crogiolarsi che nessuno vuole toglierle. Alle volte, se non si ha nulla da dire, è meglio stare zitti,il silenzio aiuta il pensiero,sollev a l'animo e nobilita l'uomo! Le auguro una buona giornata.
Citazione
 
 
-4 #1 Rino 2017-10-07 07:36
Poverini non contano nulla, non rappresentano nulla però si lamentano. I dirigenti regionali dell’ udc certamente rimedieranno. Non faranno cioè nulla
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Qr Code